Openjobmetis Varese un banco di prova. E’ derby a Masnago

Openjobmetis Varese

Cantù sfida a Masnago l’Openjobmetis Varese di coach Bulleri. Douglas e Scola le stelle. Occhio a Strautins.

Primo derby del campionato per l’Acqua S.Bernardo Cantù, che domenica sera, nel posticipo della terza giornata, affronta l’Openjobmetis Varese a Masnago. Dopo l’ottimo successo casalingo contro la VL Pesaro, la squadra di Pancotto va a caccia di conferme in un’altra sfida alla portata.

Varese, tuttavia, si presenta all’incontro a punteggio pieno, forte del successo casalingo contro Brescia, dopo un overtime, e della convincente vittoria esterna contro la più quotata Fortitudo Bologna, priva, però, di Banks e ancora a caccia della giusta chimica di squadra. Il derby con Cantù potrebbe sancire un tris del tutto inaspettato alla vigilia.

Precedenti

Cantù e Varese si sono già affrontate nel gironcino di Supercoppa, utile, soprattutto, a trovare la forma fisica e l’intesa tra i giocatori. Nel primo incontro, giocato il 4 settembre all’Enerxenia Arena, furono i biancorossi ad avere la meglio per 84-77. Partita equilibrata per tutti i 40’, con la squadra allora allenata da Attilio Caja capace di prendere lentamente il controllo nella ripresa, trascinata dal proprio leader Luis Scola (26 punti). Inutile la super prestazione di Jaime Smith (26 punti, 9 rimbalzi e 6 assist).

Annuncio Pubblicitario

Diversa la musica al ritorno, tre giorni dopo, quando i brianzoli si sono imposti a Desio per 81-72. La squadra di Pancotto, galvanizzata dal proprio pubblico, presente per la prima volta sugli spalti, seppur in numero fortemente ridotto, riuscì a vincere tutti e quattro i parziali, grazie soprattutto a un Donte Thomas in serata di grazia (20 punti con 4 su 5 da 3). Per l’Openjobmetis Varese allenata, questa volta, provvisoriamente, da Vincenzo Cavazzana, altri 26 di Scola.

Openjobmetis Varese
Scola e Smith, protagonisti delle gare di Supercoppa

Il roster dell’Openjobmetis Varese

Terza partita tra Acqua S.Bernardo Cantù e Openjobmetis Varese, terzo allenatore diverso sulla panchina dei biancorossi. Questa volta coach Cesare Pancotto sfiderà Massimo Bulleri nella sfida tra uno dei coach più esperti del nostro basket e un esordiente assoluto. L’ex playmaker di Treviso, però, può contare su un roster intelligente, che sicuramente gli darà una grossa mano. A partire da Luis Scola, leggenda Argentina che a 40 anni spiega ancora pallacanestro. Impressionanti i numeri dopo due partite: 18 punti, 8.5 rimbalzi, con 20 di valutazione.

A supportarlo c’è Toney Douglas, a sua volta ex giocatore NBA, già visto in Europa all’Efes. A Varese è chiamato a essere uno dei principali realizzatori. Per ora 15.5 punti, 5 rimbalzi e 5 assist a match, con il 60% da 2 e il 47% da 3, la soluzione prediletta.

Terzo violino, per il momento, l’ala Arturs Strautins. Pur tirando con percentuali rivedibili, il lettone di formazione italiana sta viaggiando con una doppia doppia di media (13+11 rimbalzi), dimostrando una solidità mai vista prima in carriera.

Completano il quintetto Michele Ruzzier e Denzel Andersson. Se il primo è ben conosciuto per le precedenti esperienze tra Venezia e Cremona, la 24enne ala svedese è ancora tutta da scoprire. Ha potenziale, ma nelle prime uscite è parso piuttosto impalpabile.

Chi invece ha fatto molto bene è il suo pari ruolo italiano Niccolò De Vico. Ruvido ed energico sotto canestro, killer dall’arco (7 su 11). Per il momento 13 punti e 3.5 rimbalzi per gara. Sostanza pura dalla panchina.

Le seconde linee di Varese sono comunque, tutte, piuttosto utili. Giancarlo Ferrero e Ingus Jakovics conoscono già bene il nostro campionato e, pur avendo iniziato la stagione un po’ in sordina (Ferrero assente a Bologna causa Covid), portano esperienza e ordine in campo. Esordio nella massima serie, invece, per il centro Anthony Morse e il playmaker Giovanni De Nicolao. Se il lungo sembra ancora in cerca della propria dimensione, il fratellino di Andrea (play di Venezia) ha già mostrato carattere e personalità, oltre a una mano davvero educata.

Openjobmetis Varese
Openjobmetis Varese a raccolta

Qui Cantù

Si presenta al completo la formazione canturina all’Enerxenia Arena di Masnago. Non si registrano infatti problematiche di natura fisica e anche Gabriele Procida, vittima di una distorsione alla caviglia sinistra settimana scorsa, ha pienamente recuperato. L’Acqua San Bernardo si appresta così ad affrontare l’Openjobmetis, conscia che qualcosa (ma non troppo) rispetto alla gestione Caja sia cambiato nel modo di interpretare le gare. “Penso ci sia continuità nel gioco – afferma Cesare Pancotto -, Bulleri ha saputo portare la sua identità, la sua personalità come inevitabile che sia. Sfruttando però un lavoro precedente. E’ stato prima un giocatore e poi vice allenatore, sa quindi dove andare a toccare. Non ha cambiato tantissimo ma ha qualificato tantissimo. Affrontiamo una squadra in un contenitore diverso, non è Supercoppa ma campionato. Due partite già giocate, con dei punti di riferimento che si iniziano a intravedere. Ci aspettiamo un tipo di partita a tutto tondo“.

Le formazioni

OPENJOBMETIS VARESE

3 Anthony Morse

4 Luis Scola

5 Giovanni De Nicolao

7 Ingus Jakovics

10 Michele Ruzzier

11 Denzel Andersson

12 Arturs Strautins

19 Niccolò De Vico

21 Giancarlo Ferrero

23 Toney Douglas

Allenatore Massimo Bulleri

ACQUA S.BERNARDO CANTù

1 Donte Thomas

2 Jaime Smith

3 Shamarkus Kennedy

8 James Woodard

9 Gabriele Procida

10 Maarty Leunen

11 Andrea La Torre

18 Tommaso Lanzi

22 Jazz Johnson

23 Jordan Bayehe

25 Biram Baparapè

32 Andrea Pecchia

Allenatore Cesare Pancotto

Arbitri: Rossi, Perciavalle, Belfiore.

Palla a due domenica 11 ottobre, 20.45, Enerxenia Arena.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento