Omid Hadiazhar faro di Porto Torres, Briantea ancora al tappeto

omid hadiazhar
il massimo della pizza banner

Prosegue il momento negativo dell’UnipolSai. I canturini sconfitti nello scontro diretto per il secondo posto. Omid Hadiazhar, con 23 punti, è l’mvp.

Archiviati i deludenti preliminari di Champions League, è tempo di rituffarsi nel campionato italiano per la UnipolSai Cantù. Una partita, valevole per la seconda giornata di ritorno, già importante in ottica griglia play-off quella contro la Key Estate Porto Torres. A gioire al termine dei quaranta minuti è la formazione di coach Peretti, che sbanca il PalaMeda grazie al decisivo parziale costruito subito dopo l’intervallo. Per i canturini, che si ritrovano così alle spalle di Santo Stefano e dei sardi in classifica, si tratta della terza sconfitta in nove incontri.

E’ di Hadiazhar in transizione il primo canestro di serata su assist di Filipski, con Carossino che risponde subito da sotto (2-2). Un quarto iniziale in cui le infrazioni di 24″ si alternano da una parte e dall’altra, all’interno di un punteggio serrato che vede nel +3 esterno con una giocata di Filpski il massimo allungo di una delle due formazioni. Geninazzi, abile a sfruttare il mismatch con Puggioni, e Berdun consentono alla Briantea di portarsi avanti per la prima volta sull’8-7, primi dieci minuti che si chiudono sul 10-9 con un canestro da centro area di Carossino.

De Maggi dalla media porta Cantù sul +3, prima di commettere due falli in rapida successione che fruttano tre punti dalla lunetta per gli ospiti con Filipski e Mehiaoui (12-12). Coach Riva si rifugia in un time-out al 12’59”, ma i suoi ragazzi scivolano sul -7 sotto i colpi di un Omid Hadiazhar davvero efficace con sei punti (13-20). I padroni di casa trovano però finalmente la via del contropiede con due canestri finalizzati da Berdun (19-20), prima di trovare proprio da quest’ultimo il tiro in allontanamento per il sorpasso (21-20). Mehiaoui si fa perdonare i due liberi sbagliati arpionando un rimbalzo e tramutandolo in due punti nella stessa azione, Berdun però indovina la conclusione a fil di seconda sirena che manda le due squadre al riposo sul 23-22.

Da incubo il ritorno sul parquet per i brianzoli, che incassano un break di 10-0 che li fa scivolare sul -9, con sei punti di Omid Hadiazhar e due a testa per Filipski e Mehiaoui. La UnipolSai ritrova slancio grazie alle conclusioni vincenti di Geninazzi e Santorelli (29-34), ma il tiro pesante di tabella da parte di Filipski la ricaccia indietro sul -8. Santorelli sfrutta l’assist di Marcos Sanchez per il 31-37 con ancora dieci minuti da giocare.

Hadiazhar risponde al giovane Bassoli in apertura di ultimo quarto, la Key Estate Porto Torres trova il massimo vantaggio di serata con Filipski a realizzare nonostante l’accerchiamento di vari giocatori canturini (33-43). Berdun con due canestri poco prima dei 24″ ridà speranze ai locali che accorciano sul -6, Puggioni però approfitta della libertà al tiro per ristabilire con quattro punti consecutivi la doppia cifra di vantaggio. La transizione chiusa da Hadiazhar decreta in pratica con anticipo la sconfitta per i brianzoli (41-51), che possono soltanto provare a limitare il passivo con la tripla di Nijman e un libero di Marquinos. E’ di Simula dalla media allo scadere dei quaranta minuti il canestro del definitivo 45-53.

Sicuramente l’mvp di serata è Omid Hadiazhar, capace di realizzare 23 punti e di arpionare anche 14 rimbalzi. Si ferma a quota 12 la coppia Mehiaoui-Filipski, mentre tra i padroni di casa gli unici a salvarsi offensivamente parlando sono Berdun con 16 punti e Carossino con 10. Sabato prossimo Briantea84 ancora attesa in casa, arriverà Padova dell’ex Raourahi.

omid hadiazhar
Adolfo Damian Berdun (UnipolSai), zero triple realizzate questa sera (foto Briantea84)

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTù – KEY ESTATE GSD PORTO TORRES  45-53 (10-9, 13-13, 8-15, 14-16)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento