Michal Sokolowski complica i piani ma è Cantù a sorridere

michal sokolowski

Prezioso successo dei brianzoli, che soffrono per metà gara ma svoltano con la difesa.Frank Gaines 22 punti, Michal Sokolowski si ferma a 20.

Tre settimane dopo l’ultima volta, la formazione brianzola si è nuovamente rituffata negli impegni ufficiali. Ospite al PalaDesio in occasione della 20^ giornata del campionato di serie A è la De’Longhi Treviso, compagine che veleggia in zona play-off ma assolutamente da battere per dare fiato a una non certa confortante classifica. Sebbene Varese sia stata bloccata ieri dalla Virtus Bologna e si faccia sempre più concreta la possibilità di un blocco delle retrocessioni in questo 2020/21, il buon senso suggerirebbe di mettersi al riparo il prima possibile da spiacevoli conseguenze.

E la missione odierna, da parte dei canturini, è stata raggiunta. Di vitale importanza è stata la difesa messa in campo nella ripresa, capace di concedere soltanto 28 punti ai trevigiani. Si conferma dunque in costante miglioramento il trend nella propria metà campo sotto la gestione Bucchi: dopo gli 82 concessi a Varese e gli 80 a una squadra di rango come Venezia, oggi sono stati 73. Insomma, i passi in avanti da questo punto di vista di certo non mancano. Molto bene anche il dato degli assist, pari a 24.

Alla De’Longhi non è dunque bastato un ottimo Michal Sokolowski, migliore dei suoi con 20 punti (oltre a 9 rimbalzi) e capace di mettere a segno canestri in tutte le salse, ma progressivamente eclissato nei secondi venti minuti. Anche David Logan (14 punti) si è spento alla distanza, percorso diametralmente opposto a quello di DeWayne Russell autore del medesimo bottino. Tra i brianzoli palma di mvp a Frank Gaines con 22 punti, doppia cifra anche per Jaime Smith con 14 e sfiorata da Andrea Pecchia con 9. Ma positivi gli impatti, aldilà dei numeri, di Jazz Johnson, Jordan Bayehe, Gabriele Procida e Donte Thomas quando chiamati in causa.

Annuncio Pubblicitario
il circolone

La partita

Bucchi parte con il quintetto formato da Smith, Gaines, Pecchia, Leunen e Bayehe, mentre Menetti replica con Russell, Logan, Sokolowski, Akele e Mekowulu. Partono meglio i trevigiani, grazie anche alle prodezze di Logan. La guardia statunitense realizza in transizione la tripla del 5-12, poi anche l’arresto e tiro dai 6,75 metri per il 7-15. Da subito ottimo anche il contributo di Michal Sokolowski, suo il tiro dall’arco del provvisorio +11 che costringe il coach di casa a fermare tutto al 6’36”. I brianzoli provano a distendersi in contropiede, raccogliendo un 2+1 di Pecchia e un altro sfumato in lunetta da Gaines (15-23). Fallo superfluo di Johnson negli ultimi secondi del quarto, Imbrò ringrazia parzialmente sfruttando un solo tiro libero a disposizione per il 17-26.

Nel secondo vengono gettati nella mischia Thomas e Procida, i risultati si vedono subito. Il “Golden Boy” batte Piccin per il -6, poi indovina due triple e si esalta andando a stoppare Vildera, prima del 32-36 targato da Johnson con un arresto e tiro dalla media. Gioco da tre punti di Gaines per un fallo di Vildera, Cantù in scia a Treviso sul 40-41 e inevitabile time-out chiamato da Menetti al 17’48”. Tuttavia le due squadre andranno al riposo sul 43-48 dopo un canestro di Michal Sokolowski, con il polacco abile a sfruttare la linea di fondo.

Frank Gaines si è confermato leader in attacco dei biancoblu (foto Pall.Cantù)

A inizio ripresa i canturini si scatenano dall’arco e con le realizzazioni di Smith, Leunen e Gaines trovano il primo vantaggio di serata sul 52-50, time-out per Treviso al 21’29”. Russell in penetrazione rimette davanti la De’Longhi sul 52-54, Pecchia si accende in attacco con un tap-in e un ottimo taglio sulla linea di fondo con assist di Kennedy per il 61-57. Chillo da sotto sfrutta il passaggio di Vildera per depositare il -1, Gaines converte tre liberi per il 66-60 di fine terzo periodo.

Kennedy apre gli ultimi dieci minuti con il canestro da centro area che vale il +8, ma Russell non ci sta e con un arresto e tiro dalla media firma il 68-66, sospensione chiamata da Bucchi al 33’02”. In uscita dal time-out Smith riporta i suoi sul +5 ma Akele risponde prontamente dai 6.75 metri con l’assist di Russell (71-69). Jumper di fondamentale importanza quello a messo a segno da Bayehe a 2’17” dalla conclusione per il momentaneo 79-71. Lo stesso centro di origini africane trova il +10 dalla lunetta, di Mekowulu di tabella la tripla conclusiva per l’81-73 che permette quantomeno di pareggiare la differenza canestri con quella dell’andata. Nel prossimo turno l’Acqua San Bernardo sarà ospite dell’Allianz Pallacanestro Trieste.

ACQUA S.BERNARDO CANTù – DE’LONGHI TREVISO 83-76  (17-26, 26-22, 23-12, 17-16)

Tabellini

CANTù: Gaines 22, Thomas 3, Smith 14, Kennedy 6, Procida 8, Leunen 6, La Torre n.e., Johnson 9, Bayehe 6, Baparapè n.e., Pecchia 9, Caglio n.e.. All.: Bucchi.

TREVISO: Russell 14, Logan 14, Vildera 4, Bartoli n.e., Imbrò 4, Piccin, Chillo 6, Mekowulu 9, Sokolowski 20, Akele 5. All.: Menetti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento