Memorial Luciano Giani: Hayes guida Cantù alla finale.

Memorial Luciano Giani
il massimo della pizza banner

Cantù vince la semifinale del Memorial Luciano Giani e vola in finale contro Milano. Treviglio si arrende 66-51. Hayes top scorer con 15 punti.

Dopo il successo all’esordio contro la Virtus Bologna, al PalaMaloggia di Chiavenna, Cantù concede il bis nella semifinale del Memorial Luciano Giani contro Treviglio. Una partita non brillantissima, come è normale che sia a inizio stagione, con i carichi di lavoro sulle gambe, ma che ha ribadito la voglia e il potenziale di un gruppo di giovani pronti a stupire.

Tra i più positivi, anche a Castelletto Ticino, c’è Kevarrius Hayes, top scorer con 15 punti e autore di un paio di stoppate da cineteca. Buono l’esordio di Jeremiah Wilson, impreciso dalla lunetta ma ben messo in campo e a sua volta in doppia cifra. Segnali positivi anche da Wes Clark, rallentato da problemi di salute, ma bravo in regia. La sorpresa di giornata è però Yancarlos Rodriguez, protagonista di un secondo tempo di grandissima personalità.

La partita

In assenza di Collins, coach Pancotto si affida al quintetto formato Clark, Pecchia, Procida, Wilson e Hayes. Inizio intenso, con le squadre che non si risparmiano contatti. Borra inaugura il match con il primo canestro della Remer, ma i primi punti di Jeremiah Wilson e l’alley-oop Clark-Hayes producono il primo mini-allungo brianzolo sul 7-3. Burnell e Creek entrano con la faccia giusta e dilatano lo scarto a +7, ma Treviglio, a fine quarto, riesce a chiudere la prima frazione sotto solo 17-14.

Annuncio Pubblicitario

Un bel gioco a due tra Procida e Hayes inaugura un secondo parziale che parte però a rilento. Mentre Treviglio non segna mai, Cantù ritrova ritmo con lo stesso centro e con una bella penetrazione di Pecchia che vale il +10 (24-14). Remer anche doppiata, prima di riuscire a sbloccare il proprio punteggio. I ragazzi di Vertemati ritrovano fiducia e tornano a – 8, prima che Clark mandi a riposo le squadre sul 31-21.

Memorial Luciano Giani
Jeremiah Wilson, buono il suo esordio.

I ritmi bassi e le mani fredde continuano a caratterizzare anche la ripresa del Memorial Luciano Giani. Cantù fa affidamento soprattutto su Hayes, mentre Treviglio, appesa a Caroti, torna a -5. A sbloccare l’Acqua San Bernardo ci pensa Procida, servito da Pecchia, con la bomba del 39-31 in transizione. L’ex di giornata, pur non segnando, mostra lampi di classe con un d’assist che mettono in partita anche Simioni. La Remer però è in striscia e risponde con D’Almeida per il nuovo -5. È ancora Clark, in coast-to-coast, a chiudere il quarto sul 45-38.

Rodriguez si sblocca dalla lunetta, trovando i primi punti con la maglia dell’Acqua San Bernardo e il +9 per i suoi. Il play italo-dominicano acquista fiducia: prima segna dalla lunga, poi pesca Procida per il 53-40. Wilson ritocca il massimo vantaggio a +15, Treviglio prova a restare a contatto con D’Almeida, ma Rodriguez respinge i tentativi di rimonta. Pecchia segna la tripla del +12 a 2 minuti dalla fine, ma il punto esclamativo è la schiacciata in contropiede di Hayes, che chiude definitivamente il match.

Memorial Luciano Giani
Pecchia ha mostrato personalità e buone letture.

Finisce 66-51. Un punteggio che rispecchia la differenza di talento in campo e l’andamento della gara. Domani alle 20.30 l’Acqua San Bernardo si giocherà la vittoria del Memorial Luciano Giani contro l’Olimpia Milano, che ha battuto in semifinale Casale Monferrato con il punteggio di 76-73.

Tabellini

ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ – REMER TREVIGLIO 66-51 (17-14, 31-21, 45-38)

CANTÙ: Creek 4, Collins NE, Procida 6, Clark 6, La Torre, Hayes 15, Wilson 12, Burnell 4, Baparapè NE, Simioni 4, Rodriguez 10, Pecchia 5. All.Pancotto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento