Mateusz Filipski irreale non basta, Briantea piega Porto Torres

mateusz filipski
il massimo della pizza banner

Cantù deve sudare fino alla fine per avere la meglio su una Porto Torres guidata da un Mateusz Filipski che si scatena letteralmente dalla ripresa in poi. L’ex Galatasaray è autore di 39 punti.

 

Scontro d’alta classifica quello tra UnipolSai Cantù e Porto Torres, quello al PalaFamila di Seveso valevole per l’ultima giornata d’andata del torneo Fipic di serie A 2018/19. Canturini in vetta a punteggio pieno dopo sei giornate, sardi a inseguire in terza posizione a quota otto. Una sfida che determinerà anche gli accoppiamenti della Coppa Italia (riservata alle prime quattro formazione al giro di boa del campionato).

mateusz filipski
Le due formazioni nella fase di riscaldamento

Ottima la partenza dei canturini, che si portano subito avanti sul 11-3 grazie anche a sei punti di Papi, mentre Geninazzi dopo qualche errore dalla media finalmente si sblocca per il momentaneo 13-3, time-out per Porto Torres al 5’58”. I brianzoli allungano sul +13, con un libero di Raourahi con Mosler a commettere un precoce terzo fallo. Coach Sene, a cui viene sanzionato un fallo tecnico, è costretto ad abbassare il quintetto inserendo Sargent per il proprio pivot, traendo tuttavia in seguito qualche giovamento. Sono proprio due personali del nuovo entrato (antisportivo a De Maggi) a fissare il punteggio a fine primo quarto sul 19-7, con il tiro dall’arco di un Mateusz Filipski da polveri bagnate in questo inizio,  che si infrange sul ferro.

In apertura di secondo periodo i sardi ricuciono fino al -6, con Falchi a capitalizzare due penetrazioni centrali. Terzo fallo anche per Santorelli prima e Papi poi, De Maggi trascina i suoi in attacco con sei punti, Carossino sfrutta una buonissima circolazione di palla e poi ancora De Maggi dalla media, Cantù torna a +13 (32-19). Prima dell’intervallo gli ospiti riescono a ridurre le distanze, ci pensa Filipski con un gioco da tre punti e con due liberi realizzati su tre per un fallo ingenuo di Geninazzi a pochi centesimi dalla seconda sirena. UnipolSai Cantù e Porto Torres al riposo sul 32-24.

Annuncio Pubblicitario

Alla ripresa del gioco la vera notizia è il primo canestro di Berdun, precisamente dall’arco, replicato immediatamente dallo stesso giocatore nell’azione successiva (40-24). La terza è più che mai la frazione di Mateusz Filipski, autore di 21 punti dei totali 25 per la propria squadra. La Briantea, dal canto suo, trova un buon contributo da parte di Jacopo Geninazzi, ma i sardi con ancora dieci minuti da giocare distano soltanto quattro punti (53-49), grazie al tiro in allontanamento di Filipski a tre secondi dalla penultima sirena.

mateusz filipski
Un time-out ospite

I padroni di casa trovano un parziale favorevole di 6-0, grazie a quattro punti di Carossino e due di Santorelli, che permette a loro di tornare ad avere un discreto margine di sicurezza (63-53). E’ il solito Filipski a rimettere in discussione l’esito del match, con un 2+1 e una tripla di tabella, 65-61 e time-out per coach Bergna a 2’10” dalla conclusione. Carossino si smarca dal n°10 ospite e da sotto realizza il +7, Filipski non smette di bombardare riportando Porto Torres sul -4 quando c’è da giocare ancora 1’04”. Coach Sene decide di giocarsi la carta del fallo tattico nell’ultimo giro di lancette, la mano di Berdun trema più volte dalla linea della carità ma Jimenez sbaglia incredibilmente da solo il canestro del -2. L’antisportivo fischiato a Sargent su Carossino serve solo a fissare il risultato finale, che vedrà la UnipolSai Cantù vincitrice per 72-68.

E’ un percorso netto quindi quello della Briantea nel girone d’andata, che ritroverà Porto Torres in occasione della semifinale di Coppa Italia (l’altra sarà Santo Stefano contro Giulianova), in quanto quarta classificata. Agli isolani non bastano i 39 punti e 13 rimbalzi di Mateusz Filipski, mvp di serata. Per Cantù quattro uomini in doppia cifra: Berdun 14, Papi 12, Carossino 11 e Santorelli 10. Sabato prossimo sarà ancora PalaFamila, arriverà Santa Lucia per la prima di ritorno e già battuta all’andata agevolmente.

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTU’ – GSD PORTO TORRES  72-68  (19-7, 13-17, 21-25, 19-19)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento