Marcos Sanchez, dal Brasile al PalaMeda. Berdun-Geninazzi restano.

marco sanchez

Nuovo acquisto in casa Briantea84, con l’innesto del playmaker brasiliano Marcos Sanchez. Rinnovi per Adolfo Berdun e Jacopo Geninazzi, saluta la Perez.

A meno di un mese di distanza dal primo impegno ufficiale 2019/20 (il 20 ottobre i canturini contenderanno ai campioni d’Italia di Santo Stefano la Supercoppa), è tempo di nuovi arrivi in casa UnipolSai. Il recente acquisto è di indubbia qualità, ad affermarlo non siamo tanto noi ma il Comitato Paralimpico brasiliano che ha deciso di premiarlo la scorsa stagione in qualità di miglior giocatore del proprio campionato. Stiamo parlando di Marcos Candido Sanchez da Silva, sbarcato a Malpensa sabato pomeriggio per legarsi ai colori brianzoli fino al 31 maggio 2020.

Un giocatore inoltre dall’enorme bagaglio d’esperienza. Basti infatti pensare che Marco Sanchez, nato a Belo Horizonte il 20 luglio del 1982, pratica basket in carrozzina fin dall’ormai lontano 1995. Cresciuto cestisticamente nell’Aedrehc, ha vestito anche le maglie del Aguias de cadeira de rodas, dell’Ada, dei Magic Hands e del Gadecamp. Nella sua patria è riuscito a conquistare in carriera 4 campionati e 12 coppe nazionali, oltre a 6 trofei regionali e numerosi riconoscimenti individuali.

Membro da circa un ventennio della seleção brasiliana, Marco Sanchez ha partecipato con essa ai recenti Parapanamericanos di Lima, dove i suoi 19 punti di media a partita non sono bastati alla sua squadra per strappare un pass per Tokyo 2020 considerato il quinto posto finale. Olimpiadi comunque già assaggiate nel corso della sua carriera, con l’edizione di Atene 2004 e quella di Rio de Janeiro 2016. A livello internazionale può vantare una medaglia d’argento ai campionati del mondo Under23 nel 2001 e tre partecipazioni con la nazionale maggiore.

Annuncio Pubblicitario

Manifestazione a cinque cerchi che non vivrà nemmeno Adolfo Damian Berdun, che con la sua Argentina ha chiuso il preolimpico al quarto posto proprio davanti al Brasile di Marco Sanchez. In compenso il 38enne ha trovato l’accordo per prolungare la sua esperienza brianzola fino alla prossima estate, andando così a iniziare la sua quarta stagione in biancoblù nella quale cercherà di aggiungere qualche altro trofeo ai già otto conquistati con la Briantea84 (2 Scudetti, 3 Coppa Italia e 3 Supercoppa Italiana). Non farà invece più parte della rosa allenata da coach Marco Bergna la connazionale Mariana Berenice Perez, che rientra nella sua terra dopo l’anno di prestito.

marco sanchez
Adolfo Damian Berdun (foto Briantea-Luca Manno)

Chi invece è pronto per la sua tredicesima annata canturina è Jacopo Geninazzi. Un percorso iniziato nel 2003 e momentaneamente interrotto dai passaggi al Padova (2006/07) e al Varese (2013/14 e 2016/17). Da allora ha sollevato con la UnipolSai nove trofei, compreso il triplete del 2013 (Scudetto, Vergauwen Cup e Coppa Italia) vissuto da capitano. Anch’egli reduce dall’amaro quinto posto agli Europei che non è bastato per la qualificazione alle prossime Olimpiadi, il n°5 si è consolato venendo premiato dal Comune di Cesano Maderno in occasione dei festeggiamenti dei 150 anni della città.

marco sanchez
Jacopo Geninazzi (foto Briantea-Luca Manno)

Ma in questi giorni si è conosciuto anche il cammino nel prossimo campionato della Briantea84. Debutto casalingo il 9 novembre contro Sassari, mentre girone d’andata e la regular-season termineranno con le sfide ai campioni d’Italia di Santo Stefano. Otto le partecipanti, con la neopromossa Millenium Basket Padova al posto della retrocessa Hs Cimberio Varese. Invariata la formula: le prime quattro classificate ai play-off (con finale al meglio delle cinque gare), dal quinto all’ottavo posto le squadre che disputeranno i play-out. Qui  potete scaricare il calendario completo di serie A.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento