Marco Bergna e boys pronti al debutto: “Campionato livellato”

marco bergna
il massimo della pizza banner

Si aprirà sabato prossimo, con la sfida contro Sassari, la serie A Fipic 2019/20. Per coach Marco Bergna quinto anno consecutivo sulla panchina Briantea84.

Anche il massimo campionato di basket in carrozzina è finalmente pronto a ripartire. Saranno sette le squadre alla caccia del titolo di Campione d’Italia, cucito per la prima volta sulla canotta del Santo Stefano Avis. Oltre ai marchigiani e ai canturini, proveranno a cercar gloria anche Deco Group Amicacci Giulianova, Gsd Porto Torres, Santa Lucia Roma, Special Bergamo Sport Montello, Studio 3A Millennium Basket Padova e Dinamo Lab Banco di Sardegna Sassari.

Proprio quest’ultimo sarà il primo avversario della UnipolSai Cantù, sabato prossimo con palla a due alle ore 20.30 presso la nuova casa del PalaMeda. E l’allenatore canturino non vede l’ora di testare i propri ragazzi in un impegno di campionato. “Partiamo sicuramente carichi, avendo già vinto la Supercoppa – debutta Marco Bergna – e avendo già creato un bel gruppo. Cambiamo assetto tutti gli anni, ma siamo talmente una bella famiglia che chi arriva per la prima volta avverte immediatamente una straordinaria accoglienza, integrandosi da subito“.

Rispetto alla stagione passata, infatti, i brianzoli hanno salutato Ian Sagar, Ahmed Raourahi e Mariana Berenice Perez, mentre alla casella arrivi ecco il brasiliano Marcos Sanchez e l’olandese Sebastiao Nijman. Che il coach considera due validissimi innesti. “Marcos è un ottimo play, molto veloce e dotato anche di buon tiro. Sebastiao è un bel gregario invece, sa portare ottimi blocchi lavorando molto per la squadra, ma al tempo stesso anche un buon difensore e con una interessante soluzione dalla media. Sono entrambi due profili che ci mancavano negli ultimi anni”. Oltre a loro, sono stati integrati nel roster anche tre ragazzi provenienti dal settore giovanile: Lorenzo Bassoli, Nicolas De Prisco e Karim Makram. “I primi due saranno rispettivamente il nostro undicesimo e dodicesimo uomo, mentre Makram essendo egiziano parteciperà soltanto alla Champions League – continua Marco Bergna – avranno la possibilità di crescere allenandosi costantemente con noi e inizieranno ad assaporare l’aria della serie A. Sarà già un’esperienza importante per loro”.

Annuncio Pubblicitario

Ragazzi giovanissimi che potranno avvalersi dei consigli di tutta una serie di compagni navigati e vincenti per la loro maturazione, come ad esempio Jacopo Geninazzi, che (ri)diventa il nuovo capitano della squadra. “In passato, prima di maturare nuove esperienze altrove, aveva già ricoperto tale ruolo da noi – motiva la scelta l’allenatore – Si tratta di un italiano che gioca stabilmente, è stata la soluzione più logica”. Poi Marco Bergna ha voluto ricordare anche il perché dell’addio con l’ex capitano, maturato di comune accordo. “Ian ha espresso fortemente il desiderio di voler partecipare per l’ultima volta all’Olimpiade. Ebbene, per preparasi a tale evento con la sua nazionale, andrà sicuramente incontro a diversi spostamenti che l’avrebbero sottratto ai nostri allenamenti. A Bergamo avrà la possibilità di portare avanti entrambe le cose, dato che gli orobici si allenano soltanto due volte a settimana”.

https://www.wincantu.it/basket/multieventi-sport-domus-dolce-per-briantea-sua-la-supercoppa/
Jacopo Geninazzi, torna idealmente a indossare la fascia di capitano

Alla domanda se la sua formazione sarà la favorita numero uno al titolo, Marco Bergna frena subito e precisa: “Sarà un campionato livellato quest’anno, almeno sulla carta. Porto Torres ha fatto un mercato importante, ma per le primissime posizioni combatteranno sicuramente anche i campioni in carica di Santo Stefano e Giulianova. Per il resto attendiamo a dare ulteriori giudizi, aspettiamo di vedere le primissime giornate per azzardare ulteriori pronostici”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento