Luciano Felipe Da Silva e soci ko, Briantea84 supera Firenze

luciano felipe da silva
[ethereumads]

UnipolSai Cantù vincente nel terzultimo turno di regular-season: 66-47 alle Volpi Rosse Menarini di un Luciano Felipe Da Silva da 21 punti.

Tre settimane dopo lo smacco ricevuto fra le mura amiche da Porto Torres nella Supercoppa Italiana, la Briantea84 quest’oggi è tornata a misurarsi in un impegno ufficiale. In occasione dell’ottava giornata del girone B di serie A Fipic, i canturini hanno ospitato al PalaMeda la Menarini Wheelchair Sport Firenze dell’ex coach Marco Bergna. Una neopromossa e già battuta in Toscana all’andata, ma una formazione la cui crescita è da monitorare e con un paio di giovani interessanti come Cini e Boganelli.

Questa volta, rispetto alla precedente sfida contro i sardi, il risultato per i canturini è stato fortunatamente differente. Tuttavia, ci sono ancora alcuni aspetti da migliorare, poiché anche in questa circostanza gli uomini di Jaglowski non hanno dimostrato la continuità dei giorni migliori all’interno della gara. Insomma, qualche calo mentale da eliminare per non rischiare di cadere poi in una nuova beffa negli incontri che conteranno. Cantù dopo un avvio difficile ha allungato nel secondo periodo e poi ha aspettato gli ultimi minuti di gioco per infliggere il break definitivo agli avversari. Ai quali non sono bastati i 21 punti di Luciano Felipe Da Silva, unico dei suoi in doppia cifra. Tra i locali invece ben 28 quelli di Simone De Maggi (con 11 rimbalzi, 35 di valutazione), 18 per Filippo Carossino (unitamente a 12 assist) e 10 per Francesco Santorelli.

La partita

Inizio in sordina in attacco per i brianzoli, di cui ne approfittano gli ospiti per portarsi sullo 0-6 con due canestri da sotto di Da Silva, nel mezzo un time-out già bruciato da coach Jaglowski. Bisognerà attendere 3’49” per vedere i padroni di casa sbloccarsi con l’appoggio di Santorelli, di Carossino il gioco da tre punti che avvicina Cantù sul -1 obbligando Bergna a parlarci sopra. Da Silva all’altezza della lunetta rilancia le ambizioni di Firenze con il 7-12, ma due canestri consecutivi di De Maggi e uno di Carossino in allontanamento regalano il primo vantaggio all’UnipolSai. Sarà poi quest’ultimo a fil di prima sirena a realizzare da sotto il 15-14.

Secondo periodo che si apre con un 2+1 di Da Silva, canturini che però sfodereranno un parziale di 10-0 che li proietteranno sul 29-19 in concomitanza di un antisportivo di Boganelli su Carossino. Luciano Felipe Da Silva che rompe il digiuno della Menarini nel pitturato, Innocenti dalla media accorcia il gap sul -7 ma sarà Buksa a chiudere il triangolo in attacco per il 36-26 di metà gara.

luciano felipe da silva
Francesco Santorelli attorniato da tre avversari (foto F.Diral)

Un efficace Boganelli dalla media rimette in carreggiata Firenze in avvio di terzo periodo con il -6, tuttavia Carossino sfrutta il ribaltamento di lato di Geninazzi per trovare il 41-32. Rimbalzo e canestro di Santos Da Silva, panchina di casa che non esita a fermare il gioco sul +5. De Maggi dapprima dalla media e poi dalla linea della carità, la Briantea ristabilisce il +9. Di Geninazzi il libero per fallo di Boganelli che permette all’UnipolSai di condurre sul 48-40 con ancora dieci minuti da giocare.

De Maggi dalla media su assist di Carossino, doppia cifra di vantaggio per i brianzoli e Bergna si rifugia in un time-out. Santorelli letale con i suoi tipici tagli a canestro su assist di Carossino e De Maggi, Cantù allunga ulteriormente sul +15. Ci penserà poi Buksa in contropiede a fissare definitivamente il punteggio sul 66-47. UnipolSai che ora ritornerà in campo sabato prossimo in quel di Padova sul parquet del Self Group Millennium Basket, seconda forza del girone B quest’oggi vincente nel derby contro Treviso.

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTU’ – MENARINI WHEELCHAIR SPORT FIRENZE  66-47  (15-14, 21-12, 12-14, 18-7)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento