Juvi Cremona troppi cerotti per esser vera, +35 per Cantù

juvi cremona
[ethereumads]

Brianzoli che strapazzano una malcapitata Juvi Cremona, priva di diverse pedine fondamentali. Cantù termina così l’andata al primo posto.

Imparare dal passato per non ripetere i medesimi errori. E’ un’Acqua San Bernardo che doveva prendere spunto dall’ultima e faticosa vittoria interna contro la Stella Azzurra quella che ha affrontato quest’oggi la Juvi Cremona. Match valido per l’ultima giornata d’andata del girone Verde di A2, nel quale gli ospiti si sono presentati al PalaFitLine con importanti e pesanti defezioni: oltre all’americano Blake, bandiera bianca alzata da altri giocatori chiave come Fanti, Iannuzzi e con Spizzichini messo fuori rosa da tempo.

Lezione appresa con successo. I canturini non hanno mostrato cali d’attenzione, andando così a conquistare due punti alquanti facili. Merito anche di una notevole precisione al tiro, specialmente nella prima metà, che sono state le basi per il +44 all’inizio dell’ultimo periodo. Prima di vedere contemporaneamente in campo i giovani Brembilla e Borsani. A livello individuale doppia cifra per Stefan Nikolic, Filippo Baldi Rossi e Giovanni Severini, autori rispettivamente di 21, 16 e 14 punti. Fra i cremonesi lodevole prova di Ferdinando Nasello con 14 punti, buono il finale di match anche per il 2003 Luca Vicini, autore di 11 punti e 9 rimbalzi.

La partita

Per l’occasione coach Meo Sacchetti conferma lo starting-five recentemente visto, con Rogic, Bucarelli, Nikolic, Baldi Rossi e Hunt. Alessandro Crotti che invece sperimenta quella formato da Boglio, Allen, Reati, Nasello e Vincini. Avvio sfrontato degli ospiti, che con Nasello battendo Baldi Rossi e Reati dall’arco si portano sullo 0-5. Reazione però immediata dei brianzoli, che impattano da tre con Baldi Rossi per poi scappare con un parziale di 17-0 grazie a una grandinata di triple (ben otto a fine periodo) per il momentaneo 28-11. Un positivo Nasello interrompe in post basso il digiuno offensivo dei suoi, ma Severini prima e Baldi Rossi poi tornano a colpire dai 6,75 metri per il 34-13 al 10′.

Musica che non cambia nel successivo quarto, con un ispirato Severini da tre punti su scarico di Da Ros per il +30 interno. Spettacolo al PalaFitLine con l’alley-oop confezionato dal duo Nikolic-Bucarelli e conseguente boato dei propri tifosi (49-17), Nasello continua a mettersi in evidenza con il canestro del -27 prima di due schiacciate di Nikolic inframezzate del giro e tiro di Vincini, che mandano le due formazioni al riposo sul punteggio di 57-26 a sfavore della Juvi Cremona.

juvi cremona
Ferdinando Nasello (Juvi Cremona), in luce fra le fila ospiti

In uscita dagli spogliatoi Reati prova a scuotere i suoi dal’arco, Hunt però fa la voce grossa da sotto con due inchiodate su altrettante assistenze di Stefanelli, di cui una dietro la schiena (67-29). Allen prova a rimpolpare il suo tabellino con tre liberi, venendo beccato puntualmente dal pubblico canturino. Cantù continua a divertire, assist no-look di Berdini per Nikolic che appoggia facilmente il +38. Di Da Ros, a fil di terza sirena, la tripla che vale l’80-38.

A inizio ultimo periodo padroni di casa che toccheranno il massimo vantaggio di serata sul +44 con il fade-away di Stefanelli, mentre Sacchetti deciderà di concedere minuti a Brembilla dopo averlo fatto con Borsani. Juvi Cremona che proverà a rendere meno pesante il passivo con le giocate di Vincini e la rubata più schiacciata di Giulietti (86-50), di quest’ultimo il libero per quello che sarà il definitivo 90-55. Acqua San Bernardo che si laurea così “Regina d’Inverno”, in attesa di affrontare mercoledì prossimo, sempre fra le mura amiche, l’Urania Milano nella prima di ritorno.

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’ – FERRARONI JUVI CREMONA 90-55 (34-13, 23-13, 10-17)

Tabellini

CANTU’: Stefanelli 7, Hunt 8, Baldi Rossi 16, Berdini 5, Nikolic 21, Borsani, Da Ros 8, Bucarelli 4, Pini ne, Severini 14, Rogic 7, Brembilla. All.: Sacchetti.

CREMONA: Iannuzzi dnp, Milovanovic 7, Fanti dnp, Nasello 14, Reati 8, Boni, Boglio 3, Giulietti 5, Vincini 11, Allen 7. All.: Crotti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento