James Woodard, Cantù in guardia: esterno soffiato alla Effe

james woodard

Pallacanestro Cantù oramai prossima ad assicurarsi James Woodard, guardia proveniente dai teutonici del Bayreuth. Sulle sue piste c’era anche la Fortitudo.

E’ la metà di luglio ma il quintetto titolare della formazione di coach Cesare Pancotto può dirsi pressoché completato. E a quanto pare è decisamente intrigante. Partendo dall’asse play-pivot composto da una vecchia conoscenza come Jaime Smith e dal rookie Sha’Markus Kennedy. In ala piccola troviamo invece Andrea Pecchia, atteso dal classico anno di consacrazione, mentre in ala forte Donte Thomas non vede l’ora di confermare tutta la sua fisicità anche a un livello superiore.

james woodard
Jaime Smith, fresco di ritorno in Brianza

Per quanto riguarda la guardia, invece, sebbene manca ancora l’ufficialità paiono esserci pochi dubbi. La casella vacante sarà occupata da James Woodard, esterno di 191 cm nato il 24 gennaio 1994 ad Arcadia, situato nello stato di Oklahoma negli Usa. La sua carriera universitaria si sviluppa con la maglia dei Tulsa Golden Hurricane, un quadriennio particolarmente positivo nel quale fattura 14,4 punti di media a incontro, non attestandosi mai sotto la doppia cifra, nemmeno nell’anno da freshman (concluso a 12 punti di media).

Numeri che tuttavia non attirano da subito le attenzioni di club impegnati in tornei europei di un certo spessore. La prima tappa fuori dal suo paese è quella di Rouanne, che gli permette di misurarsi con la serie B francese. Qui Woodard mette a segno 12,9 punti a partita nel 2016/17, numeri che non vengono migliorati nelle due stagioni successive vissute con i lituani del Kedainiai Nevezis e con i macedoni del Mzt Skopje. Infatti, nei rispettivi campionati nazionali, James si attesterà di pochissimo sotto la doppia cifra di media.

Annuncio Pubblicitario

Fino all’ultima annata, probabilmente quella più interessante per quanto riguarda il suo ancor giovane cammino da professionista. In Bundesliga si mette in mostra grazie a 13 punti e 2,9 assist a partita (miglior realizzatore della propria formazione), cifre molto simili rispetto a quelle confezionate con la stessa canotta nella Fiba Europe Cup. Con il Medi Bayreuth, riesce a completare la stagione nonostante l’emergenza Coronavirus senza tuttavia centrare la post-season, accontentandosi dell’undicesimo posto in regular-season.

James Woodard sicuramente fa del proprio bagaglio offensivo il suo punto di forza. Un giocatore che ama particolarmente attaccare il ferro, ma il suo arsenale è abbastanza completo. Spesso da oltre l’arco ha fatto registrare percentuali attorno al 40%, è dotato di un ottimo jumper e ha buone qualità da passatore. Sulle sue orme c’era anche la Fortitudo, ma la possibilità di avere a Cantù un ruolo più definito all’interno della squadra (a Bologna era probabilmente destinato a cambiare gli esterni), ha fatto pendere l’ago della bilancia verso la Brianza. In attesa che dalla città felsinea possa arrivare anche l’ok definitivo per il ritorno di Marteen Leunen.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento