Jaime Smith torna e si vede: Unipol Arena sbancata 68-78

jaime smith

L’Acqua San Bernardo si fa il regalo di Natale, battendo a domicilio Reggio Emilia. Il rientrante Jaime Smith protagonista con 14 punti.

In campo alla Unipol Arena a Santo Stefano. Reggio Emilia e Cantù giocano d’anticipo e si ritrovano una di fronte all’altra in occasione della 13^ giornata del massimo campionato di basket. Bella sorpresa sotto l’albero per i brianzoli, che tornano finalmente a fare affidamento sul proprio playmaker titolare Jaime Smith, guida in campo indispensabile per condurre il prima possibile la nave biancoblu in quel porto chiamato salvezza. A farne le spese, nella girandola riguardante l’inevitabile turnover, è Donte Thomas preferito alla coppia di centri formata da Sha’Markus Kennedy e Kavell Bigby-Williams, con Jordan Bayehe a cambiare Marteen Leunen da ala forte.

E Cantù ha potuto scartare un secondo regalo al termine dei quaranta minuti. Due preziosissimi punti ottenuti grazie alla miglior difesa messa in mostra da inizio torneo, capace di concedere soltanto il 15% da tre punti alla Unahotels. Il tutto unito a una certosina pazienza in attacco, all’interno di un match a tratti poco spettacolare con azioni spesso al limite dei 24″ da una parte e dall’altra. L’Acqua San Bernardo, inoltre, ha dimostrato anche una certa solidità a rimbalzo, vincendo la lotta sotto canestro contro gli emiliani 44-39.

Ma tornando a parlare dei singoli, fondamentale è stato l’apporto del playmaker dell’Alabama, con 14 punti, 4 assist e la tradizionale lucidità all’interno dei 28 minuti che gli sono stati concessi. Come fatturato, meglio di lui tra i suoi compagni di squadra soltanto Jazz Johnson con 15 punti, mentre ottima è stata la prestazione di Sha’Markus Kennedy con 14 punti e 4 palloni rispediti al mittente. Bene anche Marteen Leunen con 12 rimbalzi e 7 assist, nonostante 5 palle perse. Ai locali non è bastato un Brandon Taylor da 22 punti e 6 assist, così come la doppia doppia di Frank Elegar (14 punti e 10 rimbalzi) e un brillante Joshua Bostic da 13 punti, condizionato però da problemi di falli.

Annuncio Pubblicitario

La partita

Antimo Martino manda in campo Taylor, Kyzlink, Bostic, Justin Johnson ed Elegar, mentre Cesare Pancotto opta per Jazz Johnson, Woodard, Pecchia, Leunen e Kennedy. Partono meglio i padroni di casa, che si portano sul 6-0 con il rimbalzo e schiacciata di Elegar. I canturini ci mettono tre minuti a sbloccarsi in attacco con una conclusione dall’arco di Leunen, prima di trovare il sorpasso con un ribaltamento di quest’ultimo per la tripla di Johnson (6-8). Ritorna a fare il proprio ingresso sul parquet Jaime Smith, che dai 6,75 metri suggella il break di 10-0 a favore dell’Acqua San Bernardo, al quale fa seguito un libero di Taylor per l’11-18 di fine primo periodo.

Diouf in avvio dei secondo riavvicina l’Unahotels con quattro punti consecutivi, 15-19 e time-out chiesto da Pancotto. Bel taglio di Pecchia che trova la via del canestro su assist di Kennedy (15-23), questa volta è Martino a fermare tutto al 13’58”. Taylor sfrutta un blocco granitico di Justin Johnson per trovare il -4 dal perimetro, Jazz Johnson però risponde con la stessa moneta per il 20-29. Bostic si carica l’attacco reggiano sulle sue spalle con sette punti consecutivi per il -6, di Bigby-Williams sul quarto assist di Leunen la schiacciata che manda le due formazioni al riposo sul 31-39.

Il momento dell’inno per Reggio Emilia e Cantù

Al rientro dagli spogliatoi i biancorossi provano a rimettere subito tutto in discussione con il -4 di Bostic in penetrazione, ma qualche secondo dopo una terna arbitrale non particolarmente in forma lo sanzionerà con il quarto pesantissimo fallo di serata. Kennedy con l’appoggio di mano mancina firma il 35-47 all’intero di un break di 8-0, poi è Jazz Johnson con un arresto e tiro dalla media a regalare il +13 ai canturini, massimo vantaggio di serata. Nel finale di terzo periodo Taylor si erge protagonista con 9 punti, suo il buzzer beater dall’arco per il 50-56 con ancora dieci minuti da giocare.

E’ sempre il play della Unahotels ad avvicinare i suoi sul -3 con una penetrazione, ma Jazz Johnson ricaccia gli emiliani indietro sul -7 con la pesantissima tripla del 57-64. Pecchia con il taglio in back-door ben servito da Jaime Smith per il 59-69, è sempre l’ex Treviglio a mantenere inalterate le distanze con la schiacciata in contropiede del 61-71. Taylor sfrutta l’autostrada lasciata dall’Acqua San Bernardo per riaprire i giochi a 1’30” dalla conclusione (65-71), tuttavia Kennedy dapprima cancella Justin Johnson con una stoppata, poi confeziona un gioco da tre punti per il +11. Taylor lo imita dall’altra metà ma è troppo tardi, è ancora il centro statunitense ospite con un semigancio a mandare in archivio la sfida con il punteggio di 68-78.

Arriva così una vittoria che è ossigeno puro per Cantù, che allontana momentaneamente Trieste, Varese e Fortitudo in attesa dei loro incontri di domani. E sarà proprio quest’ultima la prossima avversaria di Pancotto e ragazzi, il prossimo 2 gennaio al PalaDesio.

UNAHOTELS REGGIO EMILIA – ACQUA S.BERNARDO CANTù 68-78 (11-18, 20-21, 19-17, 18-22 )

Tabellini

REGGIO EMILIA: Bostic 13, Candi 3, Baldi Rossi 2, Porfilio ne, Taylor 22, Giannini ne, Besozzi ne, Elegar 14, Johnson 4, Bonacini ne, Diouf 8, Kyzlink 2. All.: Martino.

CANTù: Smith 14, Kennedy 14, Woodard 6, Procida 5, Leunen 6, La Torre ne, Bigby-Williams 9, Lanzi ne, Johnson 15, Bayehe 1, Baparapè ne, Pecchia 8. All.: Pancotto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento