JaCorey Williams, sempre lui. Cantù a un passo dal baratro.

jacorey williams

Sanguinoso ko per i brianzoli, che vedono allontanarsi la permanenza in A. Con Trento fotocopia dell’andata, di JaCorey Williams il 75-76.

Si fa sempre più complicata la rincorsa dei canturini alla salvezza nel massimo campionato di basket. Anche in virtù del successo odierno di Reggio Emilia contro Varese, ottenere i due punti in occasione della 26^ giornata era pressoché obbligatorio. Ma ad avere la meglio è stata la Dolomiti Energia Trento, che come nel match disputato alla BLM Group Arena un girone fa, beffa gli avversari con un canestro in prossimità dell’ultima sirena.

Non sono dunque bastati i rientri di Frank Gaines e coach Piero Bucchi per girare l’inerzia negativa dell’ultimo mese, tre sconfitte consecutive che ne complicano maledettamente il cammino. Quattro punti da recuperare sul plotone di formazioni a quota 18 punti non sono impossibili da recuperare, tuttavia i jolly a disposizione della Pallacanestro Cantù sono finiti, servirà necessariamente andare a Brescia e a Bologna per vincere (cosa tutt’altro che facile), oltre che mantenere inviolato il PalaDesio nei prossimi due incontri con Reggio Emilia e Sassari. Insomma, per una squadra che non è mai andata oltre i due successi consecutivi, servirà una vera e propria magia.

E proprio come all’andata, a fare danni come la grandine ci ha pensato JaCorey Williams, con il lungo autore di 28 punti e 14 rimbalzi, per un 35 complessivo di valutazione. In doppia cifra anche Victor Sander (11 punti), Gary Browne e Luke Maye (10 punti), mentre a Cantù non sono bastati i 23 punti di Jaime Smith e i 21 di Frank Gaines, mentre Donte Thomas si è fermato a quota 11. Sono 8 invece i punti di Ivica Radic, efficace con i suoi semiganci e che forse poteva essere utilizzato maggiormente soprattutto per costringere l’mvp di serata a spendere più energie in difesa.

La partita

Piero Bucchi può finalmente schierare di nuovo il quintetto tipo della sua gestione, composto da Smith, Gaines, Pecchia, Leunen e Bayehe. Lele Molin replica invece con Browne, Morgan, Sanders, Maye e Williams. Ottimo l’impatto dei canturini del match, che si portano sul 9-0 con le triple di Gaines e Smith, oltre al gioco da tre punti di Bayehe e buone giocate difensive, al 2’18” scatta subito il primo time-out ospite. In uscita dallo stesso, Sanders trascina la sua formazionen con 7 punti, ma sono due liberi di Maye a permettere il sorpasso (11-13). I viaggi in lunetta di Smith e Thomas consentono ai padroni di casa di andare sul +5, è Browne con una penetrazione vincente a fil di prima sirena a siglare il 18-17.

In apertura di secondo i brianzoli tentano un nuovo allungo grazie a un parziale di 8-2, è Smith dai 6,75 a indovinare il 26-19. La Dolomiti Energia reagisce prontamente con un contro break di 7-0, Williams schiaccia il 28-28 mentre per Pecchia è già scattata l’ora del terzo fallo. I minuti antecedenti l’intervallo lungo consentono a Gaines di mettere in mostra tutto il suo bagaglio offensivo: tripla con step-back, scaltrezza con il rimbalzo e canestro del 33-30 ma soprattutto spezzando il raddoppio e realizzando con una splendida penetrazione il 35-31 di metà gara.

Frank Gaines, il suo ritorno non è servito a scongiurare un’altra sconfitta (foto Gorini/Pall.Cantù)

Al rientro dagli spogliatoi il testimone di protagonista passa a JaCorey Williams, che con un 2+1 all’interno di 7 rapidi punti riavvicina Trento sul -1. Gaines replica con cinque punti consecutivi per il 46-40, ci pensa però Martin con una penetrazione a spegnere le velleità di fuga dei brianzoli (50-49). Browne approfitta di un pasticcio su una rimessa tra Pecchia e Johnson per depositare il 52-56, è Radic con due semiganci a riportare le due formazioni in parità con ancora dieci minuti da giocare (56-56).

L’Acqua San Bernardo va sul +4 con un tiro pesante di Johnson, è Morgan però a ribattere con la stessa moneta per il 62-63. I canturini ritrovano due canestri di vantaggio con la tripla di Thomas, ma con un 6-0 di parziale i trentini mettono nuovamente la freccia sul 67-69. Due tiri dall’arco di Smith, entrambi con assist di Thomas e Cantù entra nell’ultimo minuto di gioco sul 73-71. Browne non trema dal perimetro siglando il 73-74 a 35″ dal termine, Leunen completamente senza ritmo trova il suo primo canestro (giudicato da 2 e non da 3) di serata a 10″ dal termine per il +1 interno. Ma a 3″ dalla sirena conclusiva ci pensa JaCorey Williams a mandare all’inferno i padroni di casa, con il tap-in del definitivo 75-76.

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’-DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 75-76  (18-17, 17-14, 21-25, 19-20)

Tabellini

CANTU’: Gaines 21, Thomas 11, Smith 23, Procida, Leunen 2, La Torre n.e., Lanzi n.e., Johnson 3, Bayehe 7, Baparapè n.e., Pecchia, Radic 8. All. Bucchi

TRENTO: Martin 9, Jovanovic n.e., Pascolo n.e., Conti, Browne 8, Forray n.e., Sanders 13, Mezzanotte n.e., Morgan 6, Williams 28, Ladurner 2, Maye 10. All. Molin

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento