Giorgio Tesi Group Pistoia, per Cantù un fortino da espugnare

Giorgio Tesi Group Pistoia
[ethereumads]

Giorgio Tesi Group Pistoia primo scoglio di Cantù nella seconda fase. Toscani quasi perfetti al PalaCarrara.

Prima gara della seconda fase per la Pallacanestro Cantù, di scena domenica sul difficile campo della Giorgio Tesi Group Pistoia. E’ la tappa numero uno di un cammino di sei, da non sbagliare per avere il percorso migliore possibile ai playoff, posto che poi, i conti, si fanno tra maggio e giugno.

Come avvio, certamente, è insidioso. La squadra allenata dal canturino Nicola Brienza ha chiuso il girone rosso al secondo posto a quota 36 punti, con un bilancio di 18 vittorie e 6 sconfitte. Due ko in più di Cantù, ma arrivati, perlopiù, lontano dal proprio parquet. Prima della sconfitta con Cento di una settimana fa, infatti, i toscani avevano un bilancio di 11 vittorie in altrettanti scontri. Servirà, quindi, una prova di grande autorità, per compiere un’impresa su un campo storicamente ostico, ma che, ad esempio, già l’anno scorso era stato espugnato.

Lì Giorgio Tesi Group Pistoia

La Giorgio Tesi Group Pistoia ha un roster costruito per stare stabilmente al vertice e provare a giocarsi le proprie carte in ottica promozione. A partire da un terzetto fisicamente e atleticamente invidiabile, come quello formato da Jordon Varnado, Zach Copeland e Carl Wheatle. Il primo è il fratello meno famoso del “tornado” Jarvis, ma si è rivelato uno dei migliori giocatori del campionato, viaggiando a 16.9 punti e 7.3 rimbalzi di media. Il secondo è una guardia con altrettanti punti nelle mani e una buona costanza al tiro, mentre il terzo, più conosciuto a queste latitudini, è un britannico di formazione italiana, ormai bandiera della squadra.

Ed è proprio il nucleo storico a essere una delle chiavi dei successi di Pistoia. Il pacchetto italiani è stato largamente confermato nelle ultime stagioni. A partire dall’asse play-pivot formata da Gianluca Della Rosa e Daniele Magro, che nella società biancorossa hanno messo le radici, passando per Lorenzo Saccaggi, alla terza stagione in Toscana.

Lo stesso discorso vale, ovviamente, per i giovani Angelo Del Chiaro e Gregorio Allinei, cresciuti cestisticamente in casa, ma il primo è ai box per un’operazione alla spalla e il secondo gioca solo saltuariamente, sebbene sia reduce da un’ottima prova con Rimini.

Nuovi, invece, l’ultimo arrivato Gabriele Benetti, che aveva iniziato la stagione a Nardò e che è arrivato alla corte di Brienza proprio per sostituire Del Chiaro, e Matteo Pollone, cresciuto a Biella.

andrea la torre
Nicola Brienza quando allenava Cantù

Qui Cantù

La Pallacanestro Cantù spera di presentarsi al completo alla partita con la Giorgio Tesi Group Pistoia, per iniziare nel migliore dei modi la seconda fase. Il principale dubbio sembra essere quello legato a Roko Rogic, che ha saltato la trasferta di Cremona contro la Juvi a causa di un trauma contusivo-distorsivo alla spalla. Ma già martedì si è presentato regolarmente in palestra e quindi si va verso un suo impiego. Al momento, non dovrebbero esserci altri nodi da sciogliere, quindi, per coach Meo Sacchetti, ci sono le condizioni migliori per preparare al meglio la sfida.

bryce douvier
Roko Rogic dovrebbe essere della partita

Le formazioni

GIORGIO TESI GROUP PISTOIA

0 Gabriele Benetti

2 Gianluca Della Rosa

5 Zach Copeland

15 Lorenzo Saccaggi

16 Angelo Del Chiaro

18 Daniele Magro

19 Gregorio Allinei

20 Matteo Pollone

23 Jordon Varnado

24 Carl Wheatle

Allenatore Nicola Brienza

ACQUA S.BERNARDO CANTU’

1 Francesco Stefanelli

4 Dario Hunt

8 Filippo Baldi Rossi

9 Nicola Berdini

11 Stefan Nikolic

19 Guglielmo Borsani

20 Matteo Da Ros

21 Lorenzo Bucarelli

28 Giovanni Severini

32 Roko Rogic

36 Alessandro Morgillo

Allenatore Romeo Sacchetti

Palla a due: domenica 2 aprile ore 18 al PalaCarrara

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Laureato in Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket per l’Alebbio. Dopo una parentesi a La Gazzetta dello Sport, sono ora un collaboratore de La Provincia di Como.

Lascia un commento