Gabriele Marchesani: “La nostra offerta tra il 27 e il 30 dicembre”

Positivo a detta dell’imprenditore abruzzese Gabriele Marchesani l’incontro con i vertici della Pallacanestro Cantù. “Nessuna sorpresa nelle cifre. Proger al nostro fianco? Invenzione”.

Un uomo solo al comando, almeno per il momento, ma con le idee ben chiare. E’ questo in breve sintesi l’identikit di Gabriele Marchesani, 48enne titolare dell’Europa Ovini (azienda nel ramo della macellazione e lavorazione delle carni) e fresco Presidente del Teate Basket Chieti, militante nel campionato serie B di basket. Che fosse un personaggio molto diretto e senza tanti giri di parole non bisognava certamente aspettare oggi per capirlo, bensì soltanto porre attenzione ai suo interventi effettuati attraverso la stampa nelle ultime settimane, da quando si è iniziato a parlare dell’acquisizione della Pallacanestro Cantù. Più volte ha ribadito che si tratta di un’operazione di business. Al bando quindi sentimentalismi o luoghi comuni, certamente bisogna dargli atto di non volersi nascondere dietro a un dito. E lo ha ribadito anche a noi nell’intervista gentilmente concessa dopo una giornata così importante come quella odierna.

Allora ci dica, com’è andato l’incontro con i vertici della società brianzola?

“Assolutamente bene. Non ci sono novità rilevanti rispetto a quello precedente, non abbiamo trovato nessuna sorpresa nelle cifre riguardanti i debiti societari piuttosto che quelle inerenti al costo del Pianella. E’ tutto in linea con quanto già ipotizzato. Ora non ci resta che definire con esattezza la cordata. L’obiettivo principale è l’operazione immobiliare, ma ovviamente non trascureremo quella sportiva. Cercheremo dunque di mettere tutto insieme e poter fare così un’offerta congrua”.

Annuncio Pubblicitario

Quindi bisognerà per forza di cose aspettare anche i nomi di chi affiancherà Gabriele Marchesani in questa eventuale avventura?

“Si, preferisco al momento mantenere assoluto riserbo e muovermi io in primis mettendoci la faccia. I nomi che sono stati fatti in precedenza attraverso gli organi di stampa, alcuni sono veri, altri pura invenzione. In tal senso ci saranno delle novità attorno al 28-29 dicembre, a scanso di equivoci dico che saranno sicuramente personaggi e realtà importanti. La Proger? Assolutamente no. Non ho idea di come possa essere stata accostata a noi, è un’invenzione”.

gabriele marchesani
Il Palasport Pianella, vero oggetto del contendere per l’acquisizione societaria

Non crede che portare avanti due progetti contemporaneamente possa essere alquanto difficile? Resterà al comando della sua attuale società?

“Assolutamente si, vogliamo portare Chieti inizialmente in A2, e  perchè no nella massima serie, attraverso un progetto triennale. Per Cantù al momento non possiamo accennare nulla, sinceramente sarebbe poco onesto farlo prima di aver concluso l’acquisizione. Non ci sarebbero problemi in ogni caso, sarebbero due cose differenti. Il Teate Basket Chieti ha già una struttura solida, grazie anche al contributo di Massimiliano Del Conte. E’ un grandissimo conoscitore di pallacanestro, sicuramente sarà eventualmente lui a seguire l’aspetto sportivo anche in Brianza, mentre io mi occuperei di altro. E poi guardiamo all’esempio del calcio, con Lotito. Gestisce insieme Lazio e Salernitana, è la dimostrazione che è una convivenza possibile”.

Confermato anche l’eventuale coinvolgimento di Tic?

“Certamente, oggi ne abbiamo parlato diffusamente. E’ una società importante, è bello che ci siano tante persone e al tempo stesso tifosi, che vogliono bene al club e che contribuiscono con dei fondi decisamente interessanti. La nostra idea sarebbe sicuramente quella di non snaturare nulla, vorremmo soltanto integrare e interagire il più possibile con la comunità locale. E per questo aspetto la Tutti Insieme Cantù è determinante.”

Tic, potrebbe avere un ruolo di primaria importanza
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento