Frank Gaines: “Abbiamo ritrovato fiducia. Con intensità batteremo Avellino”

Frank Gaines

Ai microfoni di Wincantu.it, Frank Gaines parla della stagione in corso, del suo gioco e della sfida con Avellino che attende Cantù.

In un girone d’andata povero di soddisfazioni per la Pallacanestro Cantù, tra le belle sorprese c’è senz’altro Frank Gaines. Il play/guardia dell’Acqua San Bernardo ha tenuto fin qui uno dei rendimenti più costanti della squadra, dimostrandosi un’arma in più soprattutto nella metà campo offensiva.

Molti al suo arrivo in Brianza erano scettici: nelle due precedenti esperienze in Italia (Caserta e Pesaro nel 2014/2015), Gaines aveva faticato parecchio e non era mai riuscito a condurre la squadra alla vittoria. Si trattava del primo viaggio fuori dall’America, aveva molto da imparare e una tecnica di tiro ancora da affinare.

Le sue statistiche (complessivamente 7,5 punti, 2,6 assist, 2 rimbalzi con il 39% da 2 e il 23,7% da 3) erano molto distanti da quelle odierne. Frank Gaines è attualmente il quinto miglior realizzatore della Lega con 18,8 punti a match, tirando con il 52,6% da 2 e il 33,6% da 3.

Annuncio Pubblicitario

Del suo rendimento e di quello della squadra ne ha parlato ai nostri microfoni, non nascondendo la sua idea: entrambi sono destinati a migliorare.

Partiamo dal recente passato: sabato sera con Sassari non avete ottenuto i due punti, ma avete comunque giocato una buona partita. Come influisce sul vostro morale esservela giocata alla pari, in emergenza, contro una squadra da Final Eight?

Con Sassari abbiamo giocato una partita di buon livello e dobbiamo essere bravi a giocare con la stessa intensità anche in futuro. Se giochiamo con il cuore siamo consapevoli che questo è il nostro valore e possiamo giocarcela con tutte le squadre del nostro campionato. La prossima volta cercheremo di essere ancora più bravi per dare un finale diverso alla gara, anche se le decisioni arbitrali, nella sfida contro la Dinamo, hanno influito molto.

Nelle ultime partite siete tornati a giocare una buon pallacanestro, a dirvertire e divertirvi. Pensi che nel girone di ritorno arriveranno più vittorie?

Siamo certi che nel girone di ritorno avremo un cammino migliore rispetto a quello fatto negli scorsi mesi. È evidente che abbiamo fatto dei grossi passi in avanti in difesa ma soprattutto a livello di condivisione della palla. Ci cerchiamo molto di più in campo e questo aumenta le nostre possibilità di vittoria.

La svolta è arrivata nella partita con Pistoia. Cosa è cambiato in quei giorni?

Dopo la vittoria con Pistoia siamo finalmente riusciti a trovare la quadra. Aver interrotto la serie negativa ci ha aiutati tanto a livello mentale e siamo tornati a giocare con facilità. Ora l’obiettivo è cercare di vincere qualche partita di fila per trovare ancora più fiducia, rendere le partite più belle e divertenti spingendo molto per riavvicinarci alla zona playoff, che per ora è molto lontana.

A livello personale stai giocando un’ottima stagione, tanto da essere tra i migliori realizzatori del campionato. Come giudichi la tua prima metà di campionato?

Ho ancora grossi margini di miglioramento. Posso e devo giocare meglio. Voglio prendere le decisioni migliori in campo per aiutare la squadra a tornare a lottare per gli obiettivi che ci eravamo prefissati.

Frank Gaines
Gaines in azione nei preliminari di BCL

In cosa ad esempio pensi di dover migliorare?

Sopratutto in difesa.

Al di là di questo, hai mostrato fin qui grande costanza di rendimento. Non essendoti fermato in estate, avendo giocato nel campionato cinese, temi di poter avere un calo fisico da qui alla fine della stagione, o credi di poter rimanere su questo livello?

Al momento in realtà mi sembra di vivere una seconda giovinezza, nel senso che mi sento molto più fresco rispetto a qualche stagione fa, posso contare su molta più energia. Pertanto sono certo che non rallenterò affatto, anzi, è nelle ultime partite che sto trovando il giusto ritmo. Avere un’estate di pallacanestro alle spalle quindi non sarà un problema.

I tuoi numeri sono ben lontani da quelli delle tue stagioni precedenti in Italia. In cosa è diverso il Frank Gaines di oggi rispetto a quello di allora?

In realtà penso di essere sempre stato lo stesso Frank Gaines. Forse quello precedente ha fatto soltanto delle scelte sbagliate in passato. Pesaro non è stata una piazza semplice per un rookie come lo ero io, avevo bisogno di crescere con più calma. Lasciata l’Italia sono riuscito a rimettermi in piedi scegliendo le squadre giuste per migliorare, diventando così un giocatore più completo e soprattutto un realizzatore.

Ora vi attende Avellino che all’andata vinse con margine. Sia voi che loro però siete molto diversi da allora. Cosa ti aspetti da questa partita? In cosa dovrete essere bravi per vincerla?

Dovremo giocare con grande intensità su entrambi i lati del campo, muovendo tanto il pallone e di colpirli con le nostre armi principali. Giocando al massimo e tirando bene per 40 minuti dovremmo riuscire a portare a casa la vittoria. Quantomeno questo è quello che mi auguro.

Frank Gaines
Frank Gaines con la maglia di Caserta
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento