Enrico Ghione castiga Briantea, il 1° atto tricolore a S.Stefano

enrico ghione

Gara1 della finale scudetto ai marchigiani: brianzoli battuti all’OT 61-60 con un tiro di Enrico Ghione. Cantù spreca 10 punti di vantaggio.

Sono trascorse due stagioni dall’ultima finalissima tricolore Fipic eppure la macchina del tempo sembra quasi essersi arrestata. Le contendenti sono sempre le medesime, biancoverdi che provano a mettere nuovamente in difficoltà i biancoblu con la difesa allungata e prima sfida che finisce nelle mani dei maceratesi. In Brianza nel frattempo sono già partiti gli scongiuri, con i canturini che comunque avranno dalla loro la possibilità di disputare gara2 ed eventualmente gara3 in casa. Seppur senza pubblico, un vantaggio non da poco.

Un match non particolarmente spettacolare quello andato di scena quest’oggi al PalaPrincipi. Una certa tensione lo ha fatto da padrone, le percentuali al tiro sono state piuttosto basse. Santo Stefano ha provato a incanalarlo sui propri binari pressando fin da subito, ma è la UnipolSai a recitare il mea culpa dopo aver toccato la doppia cifra di margine a metà dell’ultimo periodo e aver condotto a lunghi tratti anche il supplementare.

La partita

A partire meglio erano stati infatti i locali, che si erano portati sull’8-2 grazie a sei punti di un Miceli particolarmente ispirato dalla media. A coach Riva non è restato che rifugiarsi in un time-out al 3’31”, per poi vedere i propri ragazzi andare ad acciuffare la parità. Di Berdun la tripla frontale del -2, sempre dell’italo-argentino i due liberi del 10-10 al termine del primo quarto.

In apertura di secondo i canturini piazzano un break di 6-0 e allungano sul 12-16 in occasione di un taglio di Santorelli, questa volta a parlarci su è coach Ceriscioli. Berdun dapprima dall’altezza della lunetta firma il +6 e poi il 14-22 in contropiede, Bedzeti prova a riportare sotto i suoi con un gioco da tre punti. Ci penserà Geninazzi in contropiede a depositare il 21-29 di metà gara.

A inizio ripresa in luce Enrico Ghione con 5 punti consecutivi, i padroni di casa si avvicinano minacciosamente sul -3. Berdun con quattro punti riporta Cantù sul +7, le due formazioni continuano a far fatica in attacco e così negli ultimi negli ultimi tre minuti del periodo l’unico ad andare nuovamente a segno è sempre l’italo-argentino degli ospiti con il contropiede del 30-37.

enrico ghione
Un time-out diretto dal coach di S,Stefano Roberto Ceriscioli

Nel quarto periodo la Briantea sembra abbia trovato lo strappo decisivo ai fini del risultato, portandosi sul 33-43 con un canestro da sotto di De Maggi. Tuttavia i locali non demordono e con quattro punti a testa della coppia Ghione-Bedzeti ritrovano la parità sul 43-43. Berdun con un rimbalzo tramutato in canestro ridà il +4 alla sua squadra, tuttavia Cantù esaurisce il bonus. Enrico Ghione con l’aiuto del ferro sigla il sorpasso, Berdun impatta e Santo Stefano spreca in lunetta con Schiera e Bedzeti. E’ overtime.

Tripla di Berdun per il 52-55, i brianzoli non approfittano appieno di un antisportivo ai danni di De Maggi. Stupenengo dalla media per il 59-58, controsorpasso esterno con l’appoggio di De Maggi. Ma è di Enrico Ghione l’ultima parola, con il canestro da centro area a 13″ dalla fine per il definitivo 61-60. Saranno 17 i punti totali per quest’ultimo, 20 quelli per un ottimo Bedzeti. Per Cantù più di metà del fatturato è di Berdun con 32, bella la prova di sostanza dell’ex Saaid con 10.

SANTO STEFANO AVIS – UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTù  61-60 dts  (10-10, 11-19, 9-8, 19-12, 12-11)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento