Donte Thomas bye Groningen, c’è Cantù: fisicità tra i lunghi

In Brianza è pronto a sbarcare Donte Thomas, lungo statunitense reduce dall’esperienza olandese al Donar Groningen. Il suo annuncio sui social.

Dopo aver praticamente definito il pacchetto italiani con l’ufficialità delle firme riguardanti il duo Pecchia-La Torre e i termini contrattuali riguardanti Gabriele Procida e Jordan Bayehe, la Pallacanestro Cantù ora può concentrare le sue attenzioni sui giocatori stranieri. Sfumata la possibilità di trattenere, per questioni squisitamente economiche, Jason Burnell per un’altra stagione, il Gm Daniele Della Fiori si è mosso prontamente per cercare un suo valido sostituto. E l’annuncio è soltanto questione di ore, poiché ci ha pensato proprio l’ormai neo acquisto brianzolo a segnalare la fumata bianca sui canali social.

Il post sul suo account Instagram 

Il nome in questione è quello di Donte Thomas, lungo di 201 cm nativo di Olimpia Fyelds nell’Illinois. Il 24enne americano è un prodotto di Bradley Braves, università non propriamente tra le più note che partecipa alla Division I della Ncaa (nella sua storia riuscì comunque a centrare la Final Four nel 1950 e nel 1954). Dopo un quadriennio concluso con 7,8 punti e 5,6 rimbalzi, la sua carriera è approdata in Europa vestendo dapprima la maglia del Ktp Basket in Finlandia e successivamente quella del Donar Groningen in Olanda. 

Nel campionato scandinavo si mise in luce con 15,5 punti e 8,4 rimbalzi a partita, replicando quasi fedelmente gli stessi numeri l’anno dopo nei Paesi Bassi (15,7 + 7.4) ma potendosi mettere in luce anche nella vetrina continentale. Infatti, il Groningen ha avuto l’opportunità di affrontare le qualificazioni di Basketball Champions League e di disputare il girone di Fiba Europe Cup (con 13,7 e 5,2 di media). Tornei, il finlandese e l’olandese, non certamente di primo grido, che lasciano qualche dubbio sull’adattabilità del giocatore nel contesto italiano anche se, a onor del vero, le buone prestazioni in campo internazionale sarebbero rassicuranti.

Annuncio Pubblicitario

Donte Thomas è un giocatore di ottima forza fisica, è dotato di un buon tiro dalla media e non disprezza la conclusione da oltre l’arco (le sue percentuali però non hanno mai superato il 32% stagionale). La mobilità è apprezzabile anche se, a differenza di Burnell, con tutta probabilità oltre a ricoprire il ruolo di ala forte scalerà più facilmente anche nella posizione di centro che non in quella di ala piccola. Sia per questioni tecniche, ma anche per la composizione che sta via via assumendo il roster di Cantù nel reparto piccoli.

Una curiosità legava già indirettamente Thomas alla Brianza nei mesi scorsi: al Groningen ha avuto come compagno di squadra Shane Hammink, figlio di quel Geert ex cestista canturino nell’infausta retrocessione datata 1993/94. Un’annotazione di cui i tifosi più scaramantici di certo non vorrebbero tenerne conto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento