Dolomiti Energia Trento: Brienza incontra il proprio passato

dolomiti energia trento

Domenica, al PalaDesio, arriva la Dolomiti Energia Trento di Nicola Brienza. Per la prima volta il coach affronta la squadra che lo ha visto crescere.

Una partita per battere un colpo, dimostrare di esserci e lasciarsi alle spalle le ultime uscite negative. È una frase che può andare bene tanto per l’Acqua San Bernardo Cantù, quanto per la Dolomiti Energia Trento del grande ex Nicola Brienza. Le due squadre, infatti, in questo avvio, hanno avuto un percorso simile. Se i brianzoli, dopo un grande esordio, non hanno brillato in casa con Reggio Emilia e hanno subito una sconfitta pesante a Venezia, anche l’Aquila, partita 2-0, è reduce dalla sconfitta casalinga con Sassari e dal pesante tonfo sul campo di Brescia.

Al di là di questa similitudine, va comunque tenuto conto del gap tecnico tra le due squadre. Trento è una squadra costruita per giocare in Eurocup, oltre che per provare a confermarsi nelle zone alte della classifica in campionato. È ripartita da un paio di punti fermi, aggiungendo giocatori che conoscono bene il basket italiano, più un paio di talentuosissimi esordienti. Le due sconfitte, contro squadre in ottima forma, non tolgono nulla alla qualità dei bianconeri. Anche perché in settimana, in coppa, è già arrivata una vittoria.

Da Cantù ci si aspetta, però, energia. L’intensità difensiva è il primo passo per giocarsela contro una squadra fisica e che storicamente fa dell’aggressività uno dei suoi marchi di fabbrica. Una reazione chiara, palpabile, d’orgoglio, sarebbe segno di un’Acqua San Bernardo che, tra le mura amiche, può provare a fare qualche vittima illustre e ottenere punti importanti in chiave salvezza. Che la prima sia Trento, o ci si vada solo vicini, importa il giusto.

Annuncio Pubblicitario

Il roster della Dolomiti Energia Trento

Rispetto all’anno passato, la regia della Dolomiti Energia Trento è cambiata dietro le quinte, passando da Buscaglia a Brienza, ma non in campo. Le due conferme principali sono state infatti Aaron Craft e Toto Forray, i due playmaker. Se Forray è ormai una bandiera per numero di anni in squadra, Craft lo è simbolicamente per come ha saputo trascinare i compagni nelle ultime stagioni, su due metà campo. Quest’anno sta sacrificando un po’ la fase realizzativa (4,5 punti a gara), ma con 5,1 rimbalzi, 5,3 assist e 3,5 recuperi, si conferma essenziale per gli equilibri dell’Aquila.

Dolomiti Energia Trento
Toto Forray, a Trento dal 2011

Accanto a lui è stato inserito James Blackmon, attaccante di razza, lo scorso anno a Pesaro. Mostruoso nelle prime due gare (27 e 19 a referto), sta forse pagando un po’ l’arrivo di Alessandro Gentile (14,7 punti), sesto uomo di lusso ed essenziale per allungare le rotazioni e gestire il doppio impegno.

Le due ali titolari sono invece gli esordienti in Serie A George King e Rashard Kelly, l’anno scorso accostato anche a Cantù prima dell’arrivo di Stone. Per King si tratta della prima vera stagione da professionista, dopo un anno in G-League. Giocatore atletico, ma con mano tutto sommato educata. Caratteristiche simili a quelle di Kelly, che si sta dimostrando un solido tuttofare. Dopo quattro incontri viaggia a 9,5 punti, 4,5 rimbalzi, 4,5 assist e 1,8 recuperi.

Il centro è invece l’ex Orlandina e Trieste Justin Knox. Una costante nelle prime tre uscite (16 punti in tutti gli incontri), davvero opaco a Brescia, con due tiri in 21 minuti e un -4 di valutazione. In Eurocup ha risposto con 25 punti e una prestazione di carattere. Sarà affascinante vederlo al PalaDesio in un duello tra grandi stoppatori con Kevarrius Hayes.

Dolomiti Energia Trento
Knox in maglia Trieste

Le rotazioni sono chiuse da Davide Pascolo e Andrea Mezzanotte. Tra i due, per il momento, il più utilizzato è il classe 1998, che nei 18 minuti di impiego risponde con 9 punti e percentuali invidiabili (63% da 2, 60% da 3, 80% ai liberi).

Qui Cantù

Anche per la sfida con la Dolomiti Energia Trento, coach Pancotto potrà fare affidamento su tutti i giocatori del proprio roster. Recuperato del tutto il capitano Andrea La Torre, che aveva subito una brutta contusione alla spalla, scontrandosi con Mitchell Watt nel match con Venezia. Gli accertamenti fatti in settimana non hanno rilevato nessuna anomalia, pertanto sarà regolarmente in campo.

Le formazioni

ACQUA S.BERNARDO CANTÙ

1 Cameron Young

7 Corban Collins

9 Gabriele Procida

10 Wes Clark

11 Andrea La Torre

13 Kevarrius Hayes

19 Jeremiah Wilson

22 Jason Burnell

25 Biram Baparapè

27 Alessandro Simioni

28 Yancarlos Rodriguez

32 Andrea Pecchia

Allenatore Cesare Pancotto

DOLOMITI ENERGIA TRENTO

0 Rashard Kelly

1 James Blackmon

4 Aaron Craft

5 Alessandro Gentile

7 Davide Pascolo

9 Fabio Mian

10 Toto Forray

13 Justin Knox

14 Andrea Mezzanotte

24 George King

25 Luca Lechthaler

Allenatore Nicola Brienza

Arbitri Borgo, Bartoli, Noce

Palla a due ore 18.30 al PalaDesio

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento