Dinamo Sassari: l’armata del Poz è l’ultimo ostacolo

Dinamo Sassari

Cantù sogna i playoff ma c’è un’ultima goccia da versare contro la temibile Dinamo Sassari di coach Gianmarco Pozzecco e degli ex Smith e Gentile.

 

Un ultimo sforzo per regalarsi un sogno. Un’ultima impresa da compiere, su un campo difficilissimo, per garantirsi i playoff con le proprie mani, senza guardare agli altri campi. Domenica sera Cantù scende in campo al PalaSerradimigni contro la Dinamo Sassari per mantenere il posto tra le magnifiche otto, a coronamento di una stagione fantastica.

L’avversario non è dei più semplici. Il Banco di Sardegna, galvanizzato dalla cura Pozzecco, arriva da 8 vittorie consecutive e dalla vittoria della Fiba Europe Cup. Giocano attualmente una delle migliori pallacanestro del campionato e non sembrano intenzionati a fermarsi. Per contro anche Cantù ha giocato un girone di ritorno ai limiti della perfezione. Considerando solo le ultime 14 giornate l’Acqua San Bernardo sarebbe capolista solitaria della Serie A a quota 22 punti, a +2 su Trento, Cremona e Brindisi e a +4 sugli isolani. Tolta la figuraccia interna con Trieste, i brianzoli hanno perso solo a Milano e a Venezia, sfiorando in entrambi i casi il successo. I biancoverdi se la giocano con tutti, l’impresa si può compiere.

Dinamo Sassari
Gianmarco Pozzecco ha cambiato pelle a Sassari

La gara d’andata

Successo dolceamaro per la Dinamo Sassari nel match d’andata al PalaDesio. La squadra allora allenata da Vincenzo Esposito tentò immediatamente di allungare ispirata dalla coppia Bamforth-Thomas. L’ottimo secondo quarto degli uomini di Pashutin mandò le squadre a riposo in equilibrio (45-46). Nonostante gli sforzi nella ripresa i brianzoli non riuscirono mai a indirizzare la gara sui propri binari e alla fine furono i sardi a spuntarla per 88-97. Inutili per Cantù i 31 di Mitchell e i 24 di Jefferson. Il Banco invece ottenne così la qualificazione alle Final Eight, ma la festa fu frenata dall’infortunio di Bamforth, costretto a saltare il resto della stagione.

Annuncio Pubblicitario

Il roster della Dinamo Sassari

Profondità, energia, talento offensivo. Il roster della Dinamo Sassari si sta dimostrando tra i più completi della Serie A, tra i più solidi a rimbalzo (secondo posto), e tra i più produttivi in attacco (terzo). Merito di Gianmarco Pozzecco ma anche di chi l’ha assemblato.

Quintetto tutto americano. In cabina di regia c’è Jaime Smith, ex canturino e amatissimo dal pubblico del PalaDesio per l’impegno e l’umiltà dimostrata. Sta confermando quanto di buono aveva fatto vedere la scorsa stagione, viaggiando a 12,3 punti, 4,5 assist e 1,8 rimbalzi. In guardia nelle ultime partite sta giocando Justin Carter, complice l’infortunio di Tyrus McGee (10,5 pti, 2 rimb, 2 ass), in dubbio anche per domenica. Non è propriamente un realizzatore, ma sta portando esperienza e ordine. In ala Dyshawn Pierre è in un ottimo periodo di forma. Da quando è rientrato in quintetto ha fatto registrare un paio di ventelli e Sassari non ha mai perso. La coppia di lunghi formata da Rashawn Thomas e Jack Cooley è tra le più solide del campionato. 12,4 punti e 6,6 rimbalzi per il primo, abile a colpire anche da fuori, 14,3+8,9 le cifre del secondo, re del pitturato.

Il pacchetto di italiani è altrettanto interessante. Oltre ai già affermati Stefano Gentile e Achille Polonara (9,6 punti e 5,6 rimbalzi) c’è Marco Spissu che sta giocando una stagione di altissimo livello. Tre volte in doppia cifra nelle ultime quattro e la sensazione è che sia ormai pronto a sbocciare definitivamente. Giacomo De Vecchi e Daniele Magro sono due combattenti che chiudono il roster dando minuti importanti in difesa.

Dinamo Sassari
Jaime Smith a Cantù

Qui Cantù

Cantù arriva alla partita chiave in fiducia dopo tre vittorie importanti. Tuttavia, pur avendo momentaneamente conquistato l’ottavo posto, non è sicura di strappare un pass per i playoff. Serve una vittoria per esserne certi, altrimenti sarà necessario guardare gli altri campi, in particolare Brindisi, dove l’Happy Casa dovrà fermare Trento. In tal caso, molto probabilmente, l’Acqua San Bernardo sarebbe ottava e incrocerebbe Milano al primo turno (focus sulla volata playoff qui).

Quanto alle condizioni fisiche, Tony Carr, assente con Torino, si è allenato a parte per tutta la settimana, ma Brienza assicura che sarà della partita. Tutti in campo quindi per dare l’assalto ad un traguardo che solo due mesi fa sembrava irraggiungibile.

Le formazioni

DINAMO SASSARI

0 Marco Spissu

2 Jaime Smith

3 Tyrus McGee

6 Justin Carter

8 Giacomo De Vecchi

15 Daniele Magro

21 Dyshawn Pierre

22 Stefano Gentile

25 Rashawn Thomas

33 Achille Polonara

35 Ousmane Diop

45 Jack Cooley

Allenatore Gianmarco Pozzecco

ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ

0 Frank Gaines

3 Tony Carr

4 Gerry Blakes

7 Biram Baparapè

8 Salvatore Parrillo

9 Shaheed Davis

10 Maurizio Tassone

11 Andrea La Torre

16 Lorenzo Olgiati

17 Luca Pappalardo

33 Tyler Stone

41 Davon Jefferson

Allenatore Nicola Brienza

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento