Dinamo Sassari al PalaDesio. Cantù vuole salutare l’A1 con onore

dinamo sassari

Ultima gara in Serie A1 per Cantù. Contro la Dinamo Sassari prova a strappare un ultimo sorriso, con un occhio all’eventuale ripescaggio.

Non conta più per la classifica, almeno per la Pallacanestro Cantù, ma c’è un’ultima partita da giocare e onorare. Dovesse davvero essere l’ultima in Serie A, la richiesta minima è giocarla con impegno, per i colori, per i tifosi. A Desio, lunedì sera, arriva la Dinamo Sassari che, al contrario, ha ancora molto da guadagnare. A partire dal fattore campo in un possibile accoppiamento ai quarti contro la Reyer Venezia, che potrebbe pesare, e non poco, nell’economia della serie.

E’ giusto dare battaglia. Per rispetto della maglia, ma anche per i lagunari, che meritano di giocarsi ad armi pari le proprie possibilità. E’ giusto giocare come se nulla fosse già scritto, per non condizionare ulteriormente un campionato già influenzato dall’esclusione di Roma e dai turni posticipati a causa del Covid. E’ giusto onorare l’impegno, nella speranza che non sia l’ultima volta nella massima serie e con l’augurio di ritrovarci a Desio, in autunno, ancora nella pallacanestro che conta.

La gara di andata

Nonostante la differenza di valori in campo, nella sfida del PalaSerradimigni  del 10 gennaio, Cantù aveva dato battaglia, giocandosela fino all’ultimo quarto. La squadra allenata da coach Gianmarco Pozzecco, per la verità, ha condotto il match dallìinizio alla fine, chiudendo già avanti di 11 punti il primo quarto e andando negli spogliatoi, dopo la sirena di metà gara, sul 48-36. L’Acqua S.Bernardo, però, aveva mostrato grinta e voglia di provarci fino in fondo. Dal -19 a metà della terza frazione, aveva saputo rosicchiare punto su punto il bottino degli isolani, toccando anche il -4. Non è bastato: 98-92 il punteggio finale in favore della Dinamo Sassari. Straripanti Bilan e Bendzius, rispettivamente con 27 e 26 punti. 23 di Gaines e 21 di Smith tra i canturini.

Il roster della Dinamo Sassari

Una squadra pensata per restare, costantemente, nelle zone alte della classifica, puntando, allo stesso tempo, a fare bene in Europa. Nonostante un paio di partenze pesanti, come quella di Dyshawn Pierre, anche quest’anno, la Dinamo Sassari è stata assemblata per provare a portare a casa qualche trofeo. La dirigenza è ripartita da quello che, numeri alla mano, è uno dei migliori giocatori del campionato, ovvero Miro Bilan: 16.9 punti, 8 rimbalzi e un 22.7 di valutazione che è il dato più alto di tutta la Serie A.

La regia è stata affidata a Marco Spissu, sempre più responsabilizzato e sempre più incisivo nel nostro campionato, con 12.5 punti, 5.6 assist, 3.7 rimbalzi e il 42% da oltre l’arco. Accanto a lui un’altra conferma, ovvero Stefano Gentile, visto in Brianza tra il 2013 e il 2015.

Le due ali, invece, sono entrambe nuovi innesti. Jason Burnell, proveniente proprio da Cantù, ha continuato, a Sassari, la propria crescita, diventando uno degli imprescindibili di coach Pozzecco. Eimantas Bendzius, invece, ha confermato di essere un tiratore mortifero, con il 48.7% da 3 (terzo in campionato).

Solida anche la panchina, da cui esce uno dei migliori giocatori della passata stagione, ovvero l’ex Cremona e Fortitudo Ethan Happ, ma anche due giocatori esperti come Filip Kruslin e Toni Katic. Gli italiani Kaspar Treier, Marco Antonio Re, Massimo Chessa e Luca Gandini chiudono il roster.

dinamo sassari
Jason Burnell l’anno scorso con la maglia dell’Acqua S.Bernardo (foto Pall.Cantù/Gorini)

Qui Cantù

Senza più nulla da chiedere alla classifica e dopo un week-end senza l’impegno ufficiale come quello precedente, la formazione brianzola è tornata in palestra nel pomeriggio di martedì, allenandosi tutti i giorni fino a oggi. Tutti gli uomini saranno a disposizione di coach Bucchi, ad eccezione ovviamente di Jaime Smith che è restato in Italia in attesa di poter essere operato al legamento crociato anteriore sinistro.

“Giochiamo contro un’ottima squadra, che ha come obiettivo quello di chiudere tra le prime posizioni della classifica – le parole del capo allenatore Piero Bucchi -. Dovremo quindi cercare di disputare una buona partita, nel pieno rispetto dei tifosi, della società e della maglia: i giocatori devono trovare dentro di loro le motivazioni, indipendentemente da quello che posso raccontare io. Sono e siamo professionisti e da tali dovremo dare il massimo per onorare l’ultima partita della stagione”.

Le formazioni

PALLACANESTRO CANTU’

0 Frank Gaines

1 Donte Thomas

9 Gabriele Procida

10 Maarty Leunen

11 Andrea La Torre

18 Tommaso Lanzi

22 Jazz Johnson

23 Jordan Bayehe

25 Biram Baparapè

32 Andrea Pecchia

77 Ivica Radic

Allenatore Piero Bucchi

DINAMO SASSARI

0 Marco Spissu

2 Miro Bilan

3 Kaspar Treier

5 Massimo Chessa

6 Filip Kruslin

7 Ethan Happ

10 Toni Katic

13 Marco Antonio Re

14 Jason Burnell

19 Eimantas Bendzius

21 Luca Gandini

22 Stefano Gentile

Allenatore Edoardo Casalone

Palla a due: lunedì 10 aprile ore 20.45 al PalaDesio.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento