Dimitri Tanghe spiana la strada ai suoi, Briantea ko con la capolista

dimitri tanghe
il massimo della pizza banner

La UnipolSai perde lo scontro diretto al vertice, Santo Stefano passa al PalaMeda 60-69. Dimitri Tanghe si scatena all’inizio e così Cantù rincorre sempre.

Archiviata la sosta natalizia, il massimo campionato di basket in carrozzina riprende subito con un big-match tra prima e seconda della classe. A uscire vincitori dall’impianto di Meda sono i marchigiani di coach Ceriscioli, attualmente imbattuti dalla prima giornata a oggi. Un percorso netto proseguito nei migliori dei modi anche in Brianza, la Briantea84 incassa la terza sconfitta consecutiva contro Santo Stefano in impegni ufficiali tra le mura amiche (dopo gara1 e gara2 di finale perse nella scorsa stagione), fallendo così il test d’alta quota. I canturini soffrono maledettamente la difesa allungata dei biancoverdi, ma anche a rimbalzo gli ospiti fanno la voce grossa, conquistandone 39 contro 28.

Ottimo l’avvio di Santo Stefano, che condurrà da inizio a fine contesa, che si porta sul 4-8 con sei punti di un ispirato Dimitri Tanghe. Il team di Macerata si porta sul +6 grazie a un libero di Ruiz per un tecnico comminato a Geninazzi, ma la UnipolSai accorcia sul 14-16 con i due punti dalla media di Nijman allo scadere dei 24″. Tripla in transizione dell’ex Ruiz alla quale risponde prontamente Berdun con la stessa moneta, è 17-19 a fine primo periodo.

Quattro punti consecutivi di Bedzeti e e Ruiz dalla media, Santo Stefano allunga sul +8. I brianzoli reagiscono e con un parziale di 7-0 raggiungono il -1. Giaretti si rende protagonista di cinque punti nel giro di poche azioni e la squadra di coach Ceriscioli si riporta sul +6, ma i canturini sono disattenti anche a rimbalzo difensivo e così l’altro ex Schiera ringrazia, trasformando in due punti il 28-36 con il quale le due formazioni andranno al riposo.

Annuncio Pubblicitario

Altro rimbalzo offensivo e canestro in apertura di terzo, questa volta per mano di Saaid, doppia cifra di vantaggio per la capolista. Gloria anche per il neo entrato Blyth, 32-44 e coach Bergna non può far altro che fermare il gioco al 23’47”. Cantù perde però palla sulla pressione portata dagli avversari, per Bedzeti è gioco facile realizzare l’appoggio del +13. Fase di gioco in cui gli antisportivi si sprecano, nel finale del terzo quarto il team canturino produce un break di 8-0 con Carossino trascinatore (6 punti nel frangente), finalmente arriva un contropiede per i brianzoli ed è quello di Sanchez per il 47-52 con ancora dieci minuti da giocare.

A inizio quarto periodo Carossino fallisce per due volte consecutive il tiro pesante del possibile -2, Santo Stefano torna a macinare in attacco con il tiro dal lato sinistro di Giaretti (47-54). Nijman trova il -3 su scarico di De Maggi, i marchigiani però riprendono quota con un parziale mortifero di 10-0, è di Dimitri Tanghe il canestro di tabella del 51-64. Nel finale di partita i padroni di casa mostrano un po’ di orgoglio, rendendo meno pesante la sconfitta anche in ottica doppia sfida. E’ di Santorelli a fil di ultima sirena la tripla del definitivo 60-69.

dimitri tanghe
Filippo Carossino, il migliore di Cantù contro S.Stefano (foto Briantea84)

Con questo ko la Briantea scivola a -4 dagli avversari odierni, che rischiano così di aver messo anche una discreta ipoteca sul primo posto al termine della regular-season, e vengono raggiunti da Porto Torres in seconda piazza. Top scorer di serata è Filippo Carossino con 20 punti ma non basta, tra i locali in doppia cifra anche Francesco Santorelli con 12. Tra gli ospiti invece in evidenza Dimitri Tanghe con 19 punti e Sabri Bedzeti con 16 punti e 10 rimbalzi.

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTù – SANTO STEFANO SPORT AVIS 60-69 (17-19, 11-17, 19-16, 13-17)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento