Davide De Negri on fire: Cantù esce a testa alta

Davide De Negri
[ethereumads]

Senza Stefanelli e Berdini Cantù regge tre quarti contro Cremona. Davide De Negri regala ai suoi la finale.

 

Finisce qui la corsa della Pallacanestro Cantù nella Supercoppa di A2. Nella seconda semifinale alla Unipol Arena, i ragazzi di Meo Sacchetti cadono 60-77 per mano di una Vanoli Cremona più in palla sul piano fisico. I brianzoli pagano gli acciacchi di questi giorni e le assenze pesanti di Stefanelli e Berdini.

Mattatore della partita un Davide De Negri da 24 punti e 27 di valutazione in 27 minuti. Per Cantù, tuttavia, non mancano le indicazioni positive, a partire da un’ottima circolazione di palla nel primo tempo e un’asse Rogic-Hunt che ha mostrato di poter essere un brutto grattacapo per tutte le squadre.

L’allarme, se così si vuole chiamare, riguarda invece il reparto esterni. Senza due giocatori e in assenza di un’ala piccola in grado di garantire un buon numero di minuti da 2, Rogic e Bucarelli sono stati costretti agli straordinari, finendo, come logico, la benzina anzitempo. Fondamentale recuperare uno dei due infortunati per l’esordio di domenica.

La partita

Ottima la partenza di Cantù, che si sblocca alla prima occasione utile con una schiacciata di Hunt. Cremona, affidandosi ad Alibegovic, si porta avanti 9-10, ma l’asse play-pivot dell’Acqua S.Bernardo è super efficace e produce il momentaneo +3. Ci pensano De Negri e Caroti a scuotere nuovamente la Vanoli e a guidarla sul 19-21 di fine primo quarto.

La squadra di Cavina comincia la seconda frazione con la mano estremamente calda dall’arco e vola a +8. Severini batte un colpo per i brianzoli, Roko Rogic, da leader, li trascina nuovamente a -2. Cantù muove la palla molto bene e trova anche il vantaggio con Hunt e Baldi Rossi. E’ ancora De Negri, però, a illuminare l’Unipol Arena con le sue giocate. Rogic e Cannon mandano a riposo le squadre sul 40-41.

dario hunt
Hunt, top scorer di Cantù

E’ la Vanoli ad uscire meglio dagli spogliatoi, con le solite altissime percentuali dall’arco. Il solito Davide De Negri spinge i suoi a +8, Cantù resta aggrappata con Hunt e una magia di Bucarelli. Cremona, però, è killer e punisce ogni singolo ritardo della difesa. Con le unghie e con i denti la squadra di Sacchetti resta aggrappata. Un libero di Rogic chiude il terzo quarto sul 54-59.

Mobio ritocca a +12 il massimo vantaggio della Vanoli. Cantù, con le rotazioni corte e tanti problemi fisici, sembra non avere più energie. Sono Bucarelli e Baldi Rossi gli ultimi a mollare, ma Davide De Negri tiene a debita distanza gli avversari fino al termine. Finisce 60-77. La finale sarà San Severo-Cremona.

Roko Rogić
Rogic, molto positivo nei primi tre quarti

Tabellino

CANTU’ – V. CREMONA 60-77

19-21, 21-20, 14-18, 6-18

CANTU’: Stefanelli ne, Hunt 18, Baldi Rossi 9, Nikolic 6, Borsani ne, Da Ros, Pini 4, Bucarelli 9, Severini 3, Rogic 11, Brembilla ne. All. Sacchetti.

V.CREMONA: Eboua 4, Gallo, Cannon 4, Alibegovic 10, Caroti 11, De Negri 24, Lacey 6, Piccoli 6, Mobio 12, Ndzie. All. Cavina.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Laureato in Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket per l’Alebbio. Dopo una parentesi a La Gazzetta dello Sport, sono ora un collaboratore de La Provincia di Como.

Lascia un commento