Christian Burns torna a fare l’americano, Cividale annichilita

Christian Burns
[ethereumads]

Cantù vola nella ripresa e supera ancora agevolmente l’Ueb Gesteco 84-67. Bel contributo da parte di Christian Burns dopo un periodo opaco.

Zero a zero e palla a due. Archiviato felicemente il debutto nel Tabellone Oro di A2 dei play-off, l’Acqua San Bernardo è ritornata sul parquet questa sera per affrontare l’Ueb Gesteco in occasione di gara2 dei quarti di finale. Poco contava l’agevole affermazione di quarantotto ore prima: piani di gara, situazioni di gioco ed emotive in una serie possono sempre cambiare radicalmente da un momento all’altro.

Ed è quello che, solamente in parte però, è successo poco fa al PalaFitLine. Con gli ospiti che sembravano aver preso le misure ai loro avversari nel primo tempo, costringendoli dall’arco a un misero 12,5% ma soprattutto soltanto otto conclusioni prese. Usciti dagli spogliatoi, tuttavia, la musica è cambiata e i canturini sono ritornati sui loro standard di tiro (49% dal campo, 35% da tre). Facendo valere tutta la loro fisicità: 40-26 i punti realizzati in area, 42-30 il dato a rimbalzo.

E a contribuire decisamente sotto le plance ci ha pensato anche Christian Burns, che ne ha arpionati 9 fatturando al tempo stesso 15 punti. Doppia doppia soltanto sfiorata ma centrata da Solomon Young, 16+10 per lo statunitense e top-scorer fra i biancoblu alla pari del suo connazionale Anthony Hickey. Tra i friulani non è bastato Doron Lamb, autore di un’ottima prima parte di sfida ma poi uscito un po’ mentalmente dalla partita, 17 punti per lui. Mentre per l’altra stella Lucio Redivo soltanto 10 punti, che conferma di soffrire le contromosse difensive applicate su di lui.

La partita

Nessuna novità in quintetto per Devis Cagnardi, che decide di ripartire da Hickey, Bucarelli, Nikolic, Young e Baldi Rossi. Così come Stefano Pillastrini, che manda sul parquet Redivo, Lamb, Marangon, Dell’Agnello e Miani. Provano a partire meglio i padroni di casa, portandosi sul 6-2 con il contropiede di Nikolic. Pronta questa volta però la risposta dei friulani, break di 5-0 per loro e con il rimbalzo tramutato in canestro di Miani mettono la freccia sul +1. Christian Burns con la sua energia si rende autore di sei punti, segnando dalla media, ai liberi e da sotto, Cantù sul +4. Tuttavia ci penserà Miani a sistemare le cose per i gialloblu, in campo aperto ma soprattutto con la tripla su scarico di Redivo per il 16-17 di fine primo periodo.

Lamb con lo step-back dalla media per il +3 esterno, i brianzoli però sfoderano un parziale di 8-0 e con due punti a cronometro fermo di Hickey conducono 24-19 nonostante un fallo (il terzo) in attacco discutibile fischiato al proprio capitano. Redivo sblocca finalmente i suoi dalla media, facendosi però battere in seguito da Nikolic in post basso, inevitabile time-out per Pillastrini sul -6 al 15’52”. Tecnico affibbiato a Lamb e terzo personale anche per lui, Young ha la possibilità dalla lunetta di portare i suoi sul +8 ma è 0/2. Prima del riposo Dell’Agnello protagonista, quattro punti consecutivi permettono a Cividale di chiudere in scia alla formazione canturina sul 38-36.

Doron Lamb, pizzicato in continuazione dal pubblico canturino

Convinti i biancoblu alla ripresa del gioco, le conclusioni dall’arco di Hickey e Nikolic valgono il momentaneo +8. Dall’altra parte Marangon e Rota replicano con la stessa specialità, ma un nuovo tiro in transizione dai 6,75 metri del play statunitense regala il 55-42 a Cantù, panchina ospite che ferma tutto al 26’04”. Rota su una gamba sola allo scadere dei 24″, Young pescato nell’angolo da Hickey per la tripla del 61-47 con ancora dieci minuti da giocare.

Furia canturina che non si placa, si prosegue fino a un 12-0 di parziale con Christian Burns a firmare con il suo secondo tentativo il +22. Miani nel pitturato e Redivo penetrando con la mano sinistra provano a ridurre il gap, brianzoli che però andranno a ritoccare il massimo vantaggio di serata con il +24 di Bucarelli trovato nell’angolo da Hickey. Nel finale di gara due conclusioni pesanti di Mastellari evitano un passivo troppo ampio ai gialloblu, di Marangon dalla media il canestro del definitivo 84-67. Serie che ora passa in Friuli, con gara3 prevista venerdì sera alle 20:30.

ACQUA S.BERNARDO CANTU’ – UEB GESTECO CIVIDALE 84-67 (16-17, 22-19, 23-11, 23-20)

Tabellino

CANTU’: Baldi Rossi 7, Berdini, Del Cadia, Nikolic 12, Tarallo, Bucarelli 5, Hickey 16, Burns 15, Moraschini 11, Young 16, Tosetti ne, Cesana 2. All.: Cagnardi.

CIVIDALE: Marangon 8, Lamb 17, Redivo 10, Miani 13, Mastellari 6, Rota 3, Campani, Balladino ne, Baldini ne, Berti 4, Dell’Agnello 6. All.: Pillastrini.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento