Cantù-Varese sorride ai biancoblu, vittoria a Desio 74-67

cantù-varese

Torna al successo l’Acqua San Bernardo dopo quattro stop consecutivi nel sentitissimo Cantù-Varese. Top-scorer Wilson con 16 punti, decisivo anche Pecchia.

Fondamentale vittoria dei canturini del derby n° 144, che permette alla truppa di Pancotto di allontanare momentaneamente la zona retrocessione di due punti, vista la sconfitta di Pistoia sul campo di Brescia. Ai fini del risultato, determinante è stata la prestazione difensiva, capace di lasciare i ragazzi di Caja a soli 67 punti segnati. Bene finalmente anche l’uscita dagli spogliatoi, con il parziale del terzo periodo vinto 17-12. In attesa di vedere se ci saranno novità dal mercato tali da consentire di fare un salto di qualità  all’attacco, la Pallacanestro Cantù trova le doppie cifre di Wilson, Pecchia, Clark e Young, importanti per tornare a sorridere al PalaDesio dopo le quattro sconfitte casalinghe di inizio stagione.

cantù-varese
Riccardo Cervi, ultimo acquisto in ordine di tempo per Varese

La partita

Pancotto lancia in quintetto Clark, Young, Pecchia, Burnell e Hayes, mentre Caja risponde con Mayo, Clark, Peak, Vene e Simmons. Due formazioni molto attente in difesa quelle che scendono fin dalla palla a due sul parquet. I brianzoli costringono a una violazione di 24″ i varesini, per poi portarsi sul 5-0 con la tripla dall’angolo di Clark e Pecchia che sfrutta il dai&vai con Hayes. L’ex Treviglio si fa ulteriormente notare con due penetrazioni che consentono a Cantù di allungare sul +7, ma Vene con due triple permette all’Openjometis di accorciare sul -1. Primi dieci minuti di Cantù-Varese che termineranno sul 14-14, con Tambone a segnare a fil di sirena sfruttando il mismatch contro Wilson.

Biancorossi che prolungano il loro parziale sul 7-0, con Jakovics a colpire dall’arco grazie a un’ottima circolazione di palla (14-17), Pancotto decide di parlarci sopra. Con un altro tiro pesante, questa volta di Ferrero, gli ospiti vanno sul +4, mentre Wilson guida il contro sorpasso con cinque punti per il momentaneo 25-22. I biancoblu si affidano alle giocate in post-basso di Pecchia con buoni riscontri i termini di punti e falli subiti, Mayo è preciso dalla lunetta con i suoi tre tentativi per un fallo dubbio di Wilson, ma è il suo collega Wes Clark a permettere a l’Acqua San Bernardo di andare negli spogliatoi sul 37-35, grazie a un gioco da tre punti e al viaggio in lunetta al 19’58” in concomitanza del terzo fallo di Simmons.

Annuncio Pubblicitario

Ripartono meglio i varesini, che con un break di 5-0 sorpassano sul 37-40. Fortunatamente però non sarà il solito disgraziato terzo periodo per i canturini, che con l’appoggio di Burnell torneranno a comandare nel punteggio. E’ ancora l’ala statunitense a punire Varese con il gancio del 46-42, Pecchia fallisce la tripla del possibile +9, non Wilson però (51-42). E’  un nuovo tiro dai 6,75 dell’ex Imola a fissare il 54-47 con ancora dieci minuti da giocare in questo Cantù-Varese.

In apertura di quarto periodo Cantù scappa sul +12 con il gioco da tre punti di La Torre e la transizione di Collins, Caja non esita a chiamare time-out (59-47). A rendersi utile è anche Rodriguez con un dai&vai costruito insieme a Hayes, Wilson fallisce il possibile +15 mentre Mayo e Ferrero con due bombe riavvicinano i varesini sul -6 al 36’57”. Wes Clark regala nuovamente la doppia cifra di vantaggio con la penetrazione del 71-61, Varese si aggrappa ancora a Mayo che indovina il 73-67, Pancotto ci parla sopra quando mancano 40″ alla sirena finale. Al rientro sul parquet brutta persa nel tentativo di alto-basso tra Vene e Simmons che difatti decreta la sconfitta biancorossa, è un libero di Pecchia a fissare il definitivo 74-67 di Cantù-Varese.

cantù-varese
Attilio Caja, coach di Varese

ACQUA S.BERNARDO CANTù-OPENJOBMETIS VARESE 74-67 (14-14, 23-21, 17-12, 20-20) 

Tabellini

CANTù: Young 10, Collins 7, Procida ne, Clark 12, La Torre 3, Hayes 2, Wilson 16, Burnell 8, Baparapè ne, Simioni, Rodriguez 2, Pecchia 14. All.: Pancotto.

VARESE: Peak 4, Clark 6, De Vita ne, Jakovics 3, Natali ne, Vene 14, Cervi ne, Simmons 6, Mayo 19, Tambone 11, Gandini ne, Ferrero 6. All.: Caja.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento