Cantù-Cremona: bravo Brienza, Udanoh ovunque, Jefferson stella.

Cantù-Cremona
il massimo della pizza banner

Le pagelle di Cantù-Cremona, posticipo della terza giornata di ritorno. Jefferson ancora MVP, per la Vanoli un paio di flop pesanti.

Dopo Cantù-Cremona sono tre le vittorie consecutive per l’Acqua San Bernardo, 5 nelle ultime 6, un rendimento che fa sognare in grande. Buona la prima di Brienza. Jefferson e Udanoh certezze.

Acqua San Bernardo Cantù

Gaines 6: Dopo tre partite in cui ha segnato di tutto arriva un giro a vuoto, perlomeno per quanto riguarda il tiro da 3 (0/6). Frank però manda comunque a bersaglio 14 punti attaccando bene il ferro. Nel terzo quarto, quando Cantù fatica a segnare, dà ossigeno con importanti canestri in entrata.

Mitchell 7-: Comincia ispirato in attacco e concentrato in difesa su Stojanovic. Nella ripresa appare più svogliato e raramente prende l’iniziativa nei momenti di siccità offensiva della squadra. Lo scout recita comunque 16 punti, 5 rimbalzi e 3 assist.

Blakes 6: Insufficiente per quasi tre quarti, nettamente in difficoltà in regia (5 perse), poi però ha il carattere per reagire e segna un paio di triple pesantissime che respingono i tentativi di rimonta della Vanoli.

Annuncio Pubblicitario

Udanoh 7,5: 2 punti, 8 rimbalzi e 4 assist nel solo primo quarto, giusto per indirizzare la partita, in seguito i soliti fattori intangibili a impreziosire la prestazione (fantastico in difesa su Crawford). In conferenza si prende anche i complimenti di Sacchetti che gli riconosce il ruolo di collante tra i reparti.

Parrillo 6-: In una stagione complicata dal punto di vista fisico sta cercando di ritrovare la forma e il ritmo partita. Sta in campo 9 minuti provando a rendersi utile alla squadra. Purtroppo si vede sputare dal ferro una tripla psicologicamente importante, ma sarà per la prossima.

Davis 6: Non tantissimi minuti ma di buona intensità. 5 punti e 5 rimbalzi.

Tassone 6,5: Ha meno spazio rispetto alle ultime uscite, ma l’impatto è ottimo. 5 punti nello strabiliante avvio di Cantù.

La Torre SV: Solo 3 minuti in campo.

Jefferson 8: Si trova in mano il primo pallone della gara, attacca il ferro dal palleggio e la sblocca dopo pochi secondi. Poco dopo segna ancora mostrando che il cambio di allenatore non ha cambiato il suo impatto sulla gara. Nei momenti di difficoltà si va sempre da lui, dal suo piede perno e dalla sua fisicità nel pitturato che restano una garanzia. Al termine dell’incontro sono 24 punti, 15 rimbalzi e 4 assist per un 34 di valutazione, che è il secondo miglior risultato personale in stagione.

Brienza 8: Mercoledì mattina si trova in mano una squadra sconvolta dalla partenza a sorpresa di Pashutin con Cantù-Cremona da preparare. Trova probabilmente le parole giuste per motivare il gruppo che risponde presente e gioca una delle migliori partite della stagione, perlomeno nel primo tempo. E mentre la palla passa ad Andrea Mauri per la cessione del club e la rimozione dei lodi che permetteranno il suo tesseramento, Nicola Brienza diventa l’idolo del PalaDesio che vede in lui il primo step per il ritorno alla canturinità.

Cantù-Cremona
Frank Gaines non è riuscito a trovare ritmo da 3, ma ha giocato una buona gara

Vanoli Cremona

Saunders 6: Nel primo tempo è uno dei pochi a trovare il canestro, soprattutto con un tiro da 3 che sta trovando sempre più continuità. Per il resto non è il solito Saunders trascinatore. Partita normale.

Diener 6: Non facciamoci ingannare dai numeri, con lui la squadra ha tutt’altro equilibrio come dimostra il +4 di plus/minus. Peccato per Cremona che non basti.

Ricci 6,5: Per gran parte della gara litiga con i ferri di Desio sbagliando l’impossibile, sebbene sia apprezzabile per energia. Alla fine confeziona una prova da 10 punti e 7 rimbalzi, andando vicino a riaprire la gara nel terzo quarto.

Demps 4,5: 1/7 dal campo, 0/2 dalla lunetta, nessun apporto di altro tipo.

Ruzzier 6: Attento in regia e bravo a realizzare in un paio di occasioni. Anche lui però impreciso al tiro.

Mathiang 7: I ritmi alti favoriscono la sua doppia doppia da 12 punti e 13 rimbalzi. In difesa prova come può a fermare Jefferson, riuscendoci solo a tratti. Tra i migliori della Vanoli per impatto.

Crawford 7+: Il suo ritorno era attesissimo e Drew risponde immediatamente presente confermandosi già nei primi minuti il miglior realizzatore della squadra. Nella ripresa si trova di fronte il muro difensivo di Udanoh e sporca le percentuali, anche se resta il migliore dei suoi in questa Cantù-Cremona.

Stojanovic 5: Ci ha abituati a prestazioni ricche in cui sporca un po’ tutte le statistiche. Non è questo il caso, perchè al PalaDesio non sembra nemmeno esserci. 3 punti, 3 rimbalzi e 2 assist con 1/8 al tiro.

Sacchetti 5: Ci si aspettava una Vanoli diversa dopo l’opaca prestazione dell’andata, ma il primo tempo sembra invece seguire la falsa riga dell’incontro del PalaRadi. Nella ripresa è bravo a scuotere i suoi e a trovare qualche accorgimento tattico, ma l’approccio doveva essere differente già dalla palla a due.

Cantù-Cremona
Crawford è rientrato dopo un mese di stop e ha risposto presente in Cantù-Cremona
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento