Cantù-Avellino: Gaines di parola, Sidigas tanto cuore

Cantù-Avellino

Gaines aiuta i suoi a prendersi due punti, la Sidigas in emergenza dà tutto quello che ha. Ecco le pagelle di Cantù-Avellino.

 

Cantù-Avellino era una gara particolare, tra due squadre che non stanno disputando un campionato come gli altri per via dei problemi societari. A complicare le cose, per la Scandone ci sono anche diversi infortuni. Ne è uscita una bella partita, giocata con cuore da entrambe le squadre. In casi come questi le valutazioni non possono che essere perlopiù positive.

Acqua San Bernardo Cantù

Gaines 8: In settimana abbiamo voluto stuzzicarlo un po’ nella nostra intervista, chiedendogli se avendo giocato anche in estate non temesse un calo fisico. Ci ha detto, al contrario, di essere sempre più in forma, e pare avercene dato la prova. Prestazione di una precisione chirurgica al tiro e completa sotto tutti i fronti: 21 punti, 5 rimbalzi, 5 assist, con il 75% da 2 e l’83% da 3. MVP di Cantù-Avellino.

Mitchell 6-: Il meno in palla della compagnia. Non riesce ad entrare in ritmo al tiro, in difesa non si sbatte più di tanto, si limita a sfornare qualche assist. Che abbia tenuto le pile cariche per un’altra sfida da ex a Trento?

Annuncio Pubblicitario

Blakes 7: In gran serata dal punto di vista realizzativo: 16 punti con 7/9 dal campo. Aggiunge un paio d’assist, ma qualche volta si inceppa ancora in regia.

Udanoh 7: Le condizioni fisiche non sono brillanti e risulta meno appariscente, ma dà comunque prova della sua completezza. 6 punti, 7 rimbalzi, 6 assist e 2 recuperi.

Parrillo SV: Bello rivederlo in campo anche se per soli 6 minuti.

Davis 6,5: Ha tanto spazio e ripaga con i suoi soliti voli al ferro tra schiacciate e rimbalzi.

Tassone 7: Oltre al solito grande impegno e all’energia difensiva ci sono anche ben 3 triple e 3 assist. Una bella soddisfazione.

La Torre SV: Una manciata di minuti nel primo quarto.

Jefferson 7,5: Un primo tempo in sordina, poi diventa il solito fattore. Doppia doppia di spessore: 15 punti, 15 rimbalzi e 29 di valutazione che lo confermano uno dei migliori del campionato.

Pashutin 7: All’apparenza, con Avellino distrutta dagli infortuni, poteva sembrare una partita facile. Tutt’altro, perché se sottovalutata poteva rappresentare una trappola davvero insidiosa e a Cantù ne sanno qualcosa. Bravo a tenere i suoi concentrati e a portare a casa 2 punti importantissimi.

Cantù-Avellino
Jefferson ha offerto un’altra ottima parova. Un fattore anche in Cantù-Avellino

Sidigas Avellino

Young 6: Ha più responsabilità in fase offensiva ma tira piuttosto male. In compenso sfiora la doppia doppia con 12 punti e 8 rimbalzi.

Filloy 7: Il suo cuore lo conosciamo da tempo. Dopo la partenza di Cole è il vero leader della squadra e si fa trovare pronto un’altra volta con canestri importanti (al di là del 2/9 da 3), assist per i compagni (4) e presenza a rimbalzo (6).

Campani 7: Mostra di meritare spazio segnando con facilità e subendo ben 7 falli. In 21 minuti giocati è l’unico della truppa ad avere il plus/minus positivo: +2 con lui in campo.

Campogrande 6: Non è un realizzatore ma ci mette il cuore in una serata in cui è chiamato a giocare tanto.

D’Ercole 6: Non è al top fisicamente eppure resta in campo 32 minuti lottando per la maglia. Fa tanta fatica, ma non possiamo non premiare la buona volontà.

Sykes 7: Al momento è la stella indiscussa della squadra. Tira malissimo da 3 ma confeziona una prova da 19 punti e 5 assist, mostrando ancora una volta tutto il suo valore.

Spizzichini 6+: Tra coloro che trovano spazio nel momento di emergenza della Sidigas è probabilmente il migliore, sebbene soffra il tonnellaggio dei pari ruolo canturini. Partita di sostanza chiusa con 6 punti e 5 rimbalzi.

Vucinic 7: Arriva a giocarsi Cantù-Avellino con le rotazioni più corte di una stagione già molto complicata. I suoi non partono battuti e danno battaglia per 40 minuti, utilizzando tutto il (Sidi)gas a disposizione.

Cantù-Avellino
Filloy al tiro
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento