Awudu Abass faro di Brescia, Cantù si arrende 82-93

awudu abass

Si interrompe la striscia positiva della S.Bernardo-Cinelandia, che paga dazio nei periodi centrali. L’ex Awudu Abass protagonista con 20 punti.

Ritorna ad assaporare il gusto amaro della sconfitta la Pallacanestro Cantù, dopo le quattro vittorie consecutive racimolate contro Varese, Treviso, Trieste e Pesaro. Non basta il grande cuore dei brianzoli, che proprio come contro la De’ Longhi scivolano fino al -19 nel terzo periodo, tentano la grande rimonta ma il finale questa volta è decisamente differente. Un match, quello contro la Germani Brescia, inaspettatamente a punteggio alto, tra due difese tra le migliori del campionato. A distanza di quattordici anni dall’ultima volta(era il 30 dicembre 2005 quando persero contro la Benetton 85-62), i canturini incassano un ko nella gara conclusiva dell’anno solare. Sfuma così, almeno virtualmente, il sogno di agguantare in maniera clamorosa la Final Eight di Coppa Italia, un traguardo in ogni caso non preventivato a inizio stagione.

Striscione per Chicco Ravaglia a due decenni esatti dalla sua scomparsa

La partita

Cesare Pancotto conferma lo starting five delle ultime uscite, con Clark, Young, Pecchia, Burnell e Hayes. Vincenzo Esposito propende invece per Vitali, Lansdowne, Abass, Sacchetti e Cain. Parte iniziale del primo quarto senza un vero e proprio padrone, con le due formazioni che si sorpassano e contro sorpassano. Wes Clark protagonista di tre triple, una delle quali con libero aggiuntivo puntualmente concretizzato per il 14-10. Lansdowne replica subito, mentre la schiacciata di Abass dopo un buon taglio vale il 14-15, ma i brianzoli sfornano un break di 7-0 e in concomitanza di due personali trasformati da Clark per fallo di Laquintana, allungano sul +6. Abass e Silins dal perimetro pareggiano prontamente il punteggio, ma un arresto e tiro dalla media sempre di Clark fissa il 28-23 al termine dei primi dieci  minuti.

In apertura di secondo Wilson punisce subito la difesa a zona bresciana dall’arco per il +8, ma è Moss a produrre cinque punti in poco tempo riportando a contatto la sua squadra (31-30), complice anche un tecnico fischiato a Pancotto. Ancora David Moss, che sfrutta il mismatch in post basso contro Ragland, e il neo entrato Warner in penetrazione, consentono alla Germani di mettere la freccia sul 33-36. Ospiti che toccheranno anche dapprima il +5 con Cain abile a eludere il tentativo di raddoppio sotto canestro, ma anche il +7 con Abass in lunetta per un ingenuo fallo di Wilson con Cantù in bonus. Burnell sfiora un gioco da tre punti in prossimità della seconda sirena, indovinando un’acrobazia con la quale Cantù e Brescia vanno al riposo sul 46-50.

Annuncio Pubblicitario

Ottima la ripresa del gioco per la Leonessa, che si porta sul +9 con la giocata in post basso di Cain, per poi trovare la doppia cifra di vantaggio con una conclusione pesante di Silins dall’angolo (50-60). Distanze tra le due contendenti che si allargano ulteriormente, quando Awudu Abass concretizza con due liberi e un canestro da due, l’antisportivo ai suoi danni di Burnell (54-71). Con un tiro da sotto di Zerini arriva poi il massimo vantaggio di serata stimato nel +19, Hayes prova a ridare fiducia ai suoi compagni con due punti di tabella (60-75), ma il gap da colmare per Cantù in occasione della terza sirena sarà ancora evidente (65-81).

I brianzoli archiviano in fretta un penultimo periodo negativo, riproponendo in occasione dell’ultimo un’altra faccia. Un parziale di 9-0 rilancia le ambizioni dei padroni di casa, che con la palla rubata e il canestro di Pecchia ritorna sotto i dieci punti di svantaggio (74-83). Laquintana dalla linea della carità interrompe il black-out bresciano, Ragland mette a segno un 2+1 per il -5 con ancora 4’49” minuti da giocare. Nelle azioni finali però il team di coach Esposito la risolve a proprio favore dal perimetro, con Vitali e Sacchetti che non falliscono l’appuntamento, nel mezzo una conclusione sulla penetrazione di Ragland che danza sul ferro senza sfortunatamente entrare. E’ di Awudu Abass il punto esclamativo nella vittoria bresciana, con la schiacciata dell’82-93 finale.

awudu abass
Awudu Abass (Germani), ottima prova oggi al PalaDesio

E’ proprio l’ex canturino a risultare il migliore della Leonessa con 20 punti a cui aggiunge 8 rimbalzi, in doppia cifra anche Lansdowne e Moss rispettivamente con 11 e 10 punti. Per Cantù quattro uomini in doppia cifra, con Clark (23 punti) che dimostra ancora una volta di aver svoltato soprattutto a livello di fiducia. Il 2020 riprenderà con il derby in casa dell’Olimpia Milano.

S.BERNARDO-CINELANDIA CANTù – GERMANI BASKET BRESCIA 82-93  (28-23, 18-27, 19-31, 17-12)

Tabellini

CANTù: Young 6, Procida ne, Clark 23, La Torre, Hayes 11, Wilson 6, Ragland 11, Burnell 15, Baparapè ne, Simioni 2, Rodriguez, Pecchia 8. All.: Pancotto.

BRESCIA: Zerini 6, Warner 6, Abass 20, Cain 8, Vitali 8, Laquintana 8, Lansdowne 11, Naoni ne,Silins 8, Guariglia, Moss 10, Sacchetti 8. All.: Esposito.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento