Arturas Gudaitis e la sua Milano battono una Cantù da applausi

il massimo della pizza banner

Un’ottima Red October si arrende all’Olimpia per 93-98 in un PalaDesio gremito. Arturas Gudaitis ed Andrew Goudelock i trascinatori dei meneghini. Cantù in pensiero per Culpepper.

Niente da fare. Non sono bastati gli oltre 6000 presenti al PalaDesio, le giocate di Culpepper, Thomas e Smith e il cuore di tutti gli altri ad avere la meglio su un’Olimpia Milano affamata di vendetta. I meneghini hanno Jerrells e Goudelock  in buona serata dalla lunga e un Arturas Gudaitis presentissimo nel pitturato. Aggiungete un Cinciarini a tutto tondo, quasi perfetto in regia, e battere la capolista diventa un’impresa quasi impossibile anche per una squadra di lottatori come questa Red October. Non arrivano i 2 punti in classifica, non arriva il bis dopo l’immensa gioia di Coppa Italia, ma Cantù può uscire a testa alta e guardare fiduciosa al rush finale, forte di essersela giocata alla pari contro i più forti. A frenare un po’ gli entusiasmi una sospetta distorsione alla caviglia per Randy Culpepper, alla cui assenza però, i compagni hanno sempre sopperito bene. Ci auguriamo comunque di rivederlo presto in campo.

Primo tempo

Palazzetto pieno e rovente, come nelle migliori occasioni. C’è il derby a Desio e il popolo canturino intende onorarlo al meglio. Milano schiera Goudelock, M’Mbaye, Awudu Abass, Tarczewski e Cinciarini, Cantù, con maglia bianconera stile Coppa Italia, Smith, Culpepper, Chappell, Ellis e Burns. Abass e Burns sbloccano le squadre, che per i primi 4 minuti si rispondono colpo su colpo. Goudelock sembra il più ispirato dei suoi, ma la Red October, coinvolgendo tutti, tiene la parità a quota 10. Tarczewski e Cinciarini spingono l’Olimpia sul 12-15. Sodini chiama il primo timeout e i brianzoli reagiscono: Culpepper pareggia subito dalla lunga, Burns segna il +2. Gli ospiti mettono in mostra il proprio talento offensivo e controsorpassano con Jerrells e con la tripla sulla sirena di Dairis Bertans chiudono avanti il primo quarto 18-24.

Arturas Gudaitis
La coreografia degli Eagles

Thomas e Smith accorciano a -2 in avvio di seconda frazione, ma Dairis Bertans e Arturas Gudaitis ripristinano il gap. Mostruosa tripla di Culpepper da una parte, canestro in post di Mindaguas Kuzminskas dall’altra: 27-32. La Red October sbaglia un paio di difese, viene punita dalla lunga distanza da Jerrells e dallo stesso lituano e scappa a +7. Jerrells segna anche il +9, ma Cournooh sblocca Cantù dopo un lungo digiuno e sembra dare il via ad una rimonta, anche grazie ad un paio di schiacciate di Charles Thomas. Milano però è in buona serata e chiude avanti 43-52 all’intervallo lungo, complice un ingenuo fallo su Goudelock allo scadere.

Annuncio Pubblicitario

Secondo tempo

Goudelock comincia da dove aveva lasciato e segna il +11 Olimpia. I biancorossi danno l’impressione di volerla chiudere, sfruttando gli errori dei padroni di casa e si portano sul 46-60. Cantù reagisce con Thomas e il cuore di capitan Chappell e accorcia a -10. Arturas Gudaitis si conferma spina nel fianco nel pitturato e tiene l’Olimpia saldamente in doppia cifra di vantaggio. Scatto d’orgoglio dei ragazzi che con i canestri di Culpepper e Smith tornano a -5, ma Bertans, Gudaitis e l’ennesimo canestro sulla sirena di Goudelock riportano i meneghini a +11.

Arturas Gudaitis
Jaime Smith in lunetta. Il 2 biancoblu top scorer dei suoi

Bertans e Kuzminskas ne segnano 6 in avvio di ultimo quarto per il +17: è uno 0-12 di parziale aperto che sa di zampata finale. La Red October ha cuore e ritorna, di squadra, a -8. Un ottimo Curtis Jerrells spegne l’entusiasmo della rimonta con un canestro da 3. Smith e Thomas tengono vive le speranze: 80-88 con 3.30 da giocare. Altra bomba di Jaime Smith per il -6, poi due liberi dello stesso play biancoblu per il -4. Culpepper si scaviglia ed è una brutta tegola per Cantù. Un paio di canestri di classe di Goudelock ridanno il +9 a Milano. Thomas e Smith, immortali, segnano i canestri del 91-95, ma non c’è più tempo. Finisce 93-98 per l’Olimpia, ma giù il cappello davanti ad una Red October mai paga.

Tabellini

CANTÙ: Smith 26, Culpepper 20, Pappalardo NE, Cournooh 3, Parrillo, Tassone NE, Crosariol NE, Maspero NE, Chappell  10, Burns 16, Thomas 17, Ellis 1.

MILANO: Goudelock 22, Pascolo NE, Tarczewski 5, Kuzminskas 10, Cinciarini 11, Cusin NE, Awudu Abass 6, M’Baye 5, Bertans 11, Jerrells 12, Gudaitis 16.

Gli highlights offerti da LegaBasket

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento