Apu Old Wild West annichilita, Cantù alla Final4 con un +17

Apu Old Wild West
[ethereumads]

Acqua San Bernardo che avanza in Coppa Italia. Battuta Apu Old Wild West 81-64, punteggio che non rende idea della differenza vista in campo.

Un 2022 che va a concludersi con i botti. Non soltanto nel vero senso della parola, a poche ore da quella mezzanotte che ci proietterà in un nuovo (e si spera felice) anno. Ma anche sportivamente parlando, perché questa sera Acqua San Bernardo Cantù e Apu Old Wild West Udine si sono ritrovate di fronte per i quarti di finale della Coppa Italia. Di A2 però: non traggano in inganno i vari nomi delle due contendenti, gran parti dei quali più accostabili al massimo palcoscenico nazionale che non alla seconda serie.

Insomma, uno spettacolo garantito in attesa dei più appetitosi e fondamentali play-off. Un remake della finalissima della scorsa edizione, che questa volta ha visto un vincitore differente, il team brianzolo. Capace di schiacciare l’avversaria fin dalle battute iniziali, portandosi sul +32 prima di un fisiologico e lievissimo calo nei minuti finali. Udine che è sembrata ancora un cantiere aperto dopo gli ultimi movimenti in entrata e in uscita del proprio mercato. Boniciolli ha provato a rimescolare inutilmente le carte in continuazione, cambiando un’infinità di quintetti senza successo.

Insomma, come dicevamo in un articolo precedente, equilibri ancora da trovare per l’Apu Old Wild West a cui non sono bastate le doppie cifre di Antonutti (12 punti), Gaspardo e Sherrill (11 ciascuno). Dalla sponda canturina il migliore è Bucarelli con 19 punti, scollinano la decina anche Baldi Rossi con 14, Nikolic con 11 e Hunt con 10. Menzione d’onore per Rogic, autore di 10 assist.

La partita

Nessun cambiamento nello starting-five scelto da Sacchetti rispetto al recente passato, con Rogic, Bucarelli, Nikolic, Baldi Rossi e Hunt sul parquet. Per Boniciolli invece Gentile dentro da subito, insieme a Sherrill, Briscoe, Antonutti e Cusin. Partenza sprint da parte dei padroni di casa, una tripla e un inusuale canestro da sotto di Rogic costringono la panchina ospite a fermare subito il gioco al 2’07” sul 7-0. Gentile in allontanamento e Antonutti in transizione sbloccano i friulani, ma Cantù si porta sul +11 grazie a un break di 8-0. Gioco da tre punti di Baldi Rossi per il momentaneo 18-6, canturini che si rendono protagonisti di tre perse in poco tempo ma Udine non ne approfitta, chiudendo sul 22-8 dopo i liberi di Da Ros per un fallo commesso da Esposito.

In apertura di secondo periodo Stefanelli si sblocca in attacco con una penetrazione e due liberi, mentre Nikolic sfrutta il mismatch con Sherrill per depositare il 28-10 e costringere Boniciolli a un nuovo time-out al 12’10“. Anche il suo collega vuole fare altrettanto, dopo una rubata tramutata in schiacciata da Antonutti. Tuttavia è Severini a spingere in contropiede siglando il 38-17, prima di un parziale di 9-0 esterno che permette agli ospiti di accorciare sul 38-26. Da qui all’intervallo friulani a segno unicamente con un tiro di Gaspardo, con Baldi Rossi autentico mattatore del frangente grazie a una tripla e tre tentativi dalla lunetta a seguito di un’ingenuità di Pellegrino a fil di seconda sirena. Squadre al riposo sul 49-28.

L’Apu Old Wild West Udine sembra ancora un cantiere aperto

Alla ripresa delle ostilità il coach dell’Apu Old Wild West decide di riproporre il quintetto che aveva chiuso degnamente la prima metà di gioco (Sherrill, Palumbo, Gaspardo, Antonutti e Pellegrino), ma i brianzoli continuano a martellare e con uno scatenato Bucarelli (14 punti nel terzo quarto) volano addirittura sul +32, massimo vantaggio di serata. Briscoe e Sherrill provano a ridare fiducia ai suoi colpendo dalla media, Pellegrino nel pitturato ed Esposito con un 2+1 completano il break di 9-0 per il temporaneo 68-45. Berdini da una parte, Palumbo dall’altra, sfruttano le rimesse dei rispettivi compagni per trovare la via del canestro (70-47), prima del libero convertito da Sherrill del 72-48 per un tecnico affibbiato a Da Ros.

Palumbo dall’arco ed Esposito con un libero, Udine sul -20. Rogic sfoggia il suo assist n° 10 permettendo a Hunt di appoggiare il 79-54, mentre i friulani provano a contenere il passivo nel limite dell’accettabile con la conclusione dai 6,75 metri dall’angolo di Briscoe su passaggio di Palumbo. Finale di gara senza sconvolgimenti, ospiti che cercano di prolungare la loro reazione d’orgoglio ma faticando comunque a segnare. Di Gaspardo il gioco da tre punti per fallo di Da Ros che fisserà il punteggio sul definitivo 81-64. Brianzoli che dunque accedono alla semifinale dove troveranno Cento, capace di superare Treviglio al fotofinish 68-66.

ACQUA S.BERNARDO CANTU’ – APU OLD WILD WEST UDINE 81-64 (22-8, 27-20, 23-20, 9-16)

Tabellini

CANTU’: Rogic 7, Bucarelli 19, Nikolic 11, Baldi Rossi 14, Hunt 10; Berdini 2, Da Ros 4, Severini 7, Brembilla. N.e.: Borsani, Meroni. All.: Sacchetti.

UDINE: Briscoe 7,Gentile 4, Sherrill 11, Antonutti 12, Cusin 2; Pellegrino 6, Nobile 2, Esposito 4, Gaspardo 11, Palumbo 5, Fantoma. All.: Boniciolli.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento