Andrea Pecchia prossimo al rinnovo, che bel colpo Cantù!

Andrea Pecchia

Quotazioni altamente in salita per la conferma di Andrea Pecchia in Brianza, visti i nuovi scenari di mercato. L’ala prolungherebbe il soggiorno di un anno.

Ventitré anni ancora da compiere (il prossimo 16 novembre) ma ha già fatto parlare molto di sé in questi mesi canturini. Merito del suo indubbio talento e della sua genuina sfrontatezza. Ma complici anche le voci di mercato che lo hanno accompagnato fin dalle primissime settimane in terra brianzola. Non c’è che dire, la prima annata nella massima serie dopo essere stato il capitano di Treviglio in A2, si è rivelata alquanto scoppiettante per Andrea Pecchia. Dentro e fuori dal campo. Sul parquet il “Mago di Segrate” ha convinto tifosi e addetti ai lavori, attestandosi sulle seguenti medie in quasi 25′ di gioco: 7,7 punti, 4,5 rimbalzi, 1.2 assist e la sensazione di fare quasi sempre la scelta giusta.

Prestazioni che avevano convinto anche l’attuale coach della nazionale italiana, già da tempo suo estimatore, a convocarlo per le partite di qualificazione a Eurobasket 2021 contro Russia ed Estonia. Una chiamata però, quella effettuata da Meo Sacchetti, che venne vanificata da un infortunio alla caviglia subita da Pecchia in allenamento qualche giorno prima. Ma il sogno azzurro per Andrea non è svanito, ma è stato soltanto rimandato.

andrea pecchia
Meo Sacchetti, neo allenatore della Fortitudo

Quasi superfluo ribadirlo, sicuramente è uno dei giovani italiani più interessanti. Le sue possibilità di rinnovo, soltanto un paio di settimane fa, non sembravano delle più alte, ma lo scenario è rapidamente mutato. La Virtus Bologna, da mesi apparentemente sulle sue tracce, ha iniziato al contempo a fiutare nel suo ruolo l’affare Awudu Abass, con l’originario di Camerlata autore di una convincente annata. La precedenza sarebbe rivolta a quest’ultimo e anche se non andasse in porto, i tempi della trattativa non sarebbero celerissimi. Aspetti che di fatto hanno allontanato Pecchia da Basket City.

Annuncio Pubblicitario

andrea pecchia
Awudu Abass, a Cantù fino al 2016

L’altra opzione per il prodotto dell’Olimpia Milano era quella di Cremona dell’ormai ex coach Sacchetti. Alla base un progetto intrigante, una specie di Club Italia (così chiamata nel volley la squadra federale con sede a Roma) dove far giocare esclusivamente atleti italiani. Un’idea che ben si sposava con l’altra mansione di colui che, nel frattempo, è diventato l’allenatore della Fortitudo Bologna. Nel giro di un paio di settimane, infatti, la situazione economica della Vanoli si è deteriorata. Se non arriveranno forze fresche in aiuto del patron Aldo Vanoli, Cremona potrebbe rinunciare alla serie A.

Forti di queste situazioni, i dirigenti brianzoli sono così andati alla carica per il rinnovo di Andrea Pecchia. Per lui un ruolo ancor più da protagonista nello scacchiere di coach Cesare Pancotto, anche all’interno dello spogliatoio. E un minutaggio che sarà destinato inevitabilmente ad aumentare. Un anno di consolidamento in Brianza certamente non potrà che giovargli.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

One thought on “Andrea Pecchia prossimo al rinnovo, che bel colpo Cantù!

  1. La conditio sine qua non perchè Pecchia non si trasferisca alla Virtus è la partecipazione di quest’ultima all’Eurolega, cosa attualmente per niente scontata; partecipando alla maggiore competizione europea a basket city si trasferirebbe Abi. Rimanendo invece in Eurocup la Virtus e partecicipandovi anche la Leonessa Bs, Abass rimarrebbe in Lombardia.
    Un excursus: 2 delle 3 società con il budget più basso della serie A (Pesaro e Pistoia) cioè 3 milioni stanno seriamente pensando all’auto retrocessione, poi c’è la terza…

Lascia un commento