Acqua S.Bernardo fino al 2023/24. Tegola Jaime Smith.

acqua s.bernardo

Buona notizia extracampo: Acqua S.Bernardo prolunga la partnership con il club. Ma Cantù perde momentaneamente il play, positivo al 2° tampone.

Continua a gonfie vele il percorso virtuoso che la società canturina sta sostenendo dal post Gerasimenko in poi. Con la dipartita del patron russo, la Pallacanestro Cantù sta ritrovando un importante sostegno dal tessuto economico del territorio, segno della bontà del lavoro che sta attuando la nuova dirigenza. L’obiettivo dichiarato dei prossimi mesi sarà azzerare le restanti passività della gestione precedente, un passo decisivo che consentirà di costruire per le stagioni successive il budget necessario per tornare a competere per traguardi che più competono a questo blasonato club.

Una ricostruzione dalle fondamenta iniziata a fine 2018, ancor prima di quel famoso 18 febbraio 2019, giorno storico dell’acquisizione del 100% della proprietà da parte di Tic. Tra i pionieri di questa rinascita c’è sicuramente anche Antonio Biella e la sua Acqua S.Bernardo. Un uomo che tramite il suo noto marchio ha voluto metterci faccia, soldi e soprattutto cuore quando la favola brianzola poteva finire improvvisamente da un momento all’altro.

Un vero e proprio atto d’amore, rinnovato quest’oggi nella sua interezza: la quasi centenaria azienda sarà title-sponsor fino al 2023/24. Una stagione importante, che dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) culminare con l’inaugurazione del tanto sospirato e sognato Palasport di Corso Europa.

Annuncio Pubblicitario

“Il nostro legame affettivo con Pallacanestro Cantù è infinito, saremo sempre legati a questi colori – dichiara Antonio Biella-. Essendo stati i primi a credere nella rinascita del club, è con particolare emozione che viviamo queste settimane: la presentazione del progetto del nuovo palasport, i sogni di Andrea Mauri e di tutti noi, non possiamo che essere entusiasti di questo momento. Il mio obiettivo e il nostro obiettivo è sempre stato quello di tenere in vita la gloriosa storia della Pallacanestro Cantù, una società che merita i più importanti palcoscenici nazionali”.

Una notizia certamente molto buona che fa da contraltare a un’altra non propriamente delle migliori. Infatti, in serata la società brianzola ha reso noti gli esiti dei tamponi effettuati nella giornata di ieri. Ebbene, è stata confermata la positività di Jaime Smith, che dovrà quindi osservare un periodo di quarantena di dieci giorni. Negativi invece tutti gli altri componenti del team squadra.

Jaime Smith, quello contro Pesaro è stato temporaneamente l’ultimo suo match (Foto W.Gorini)

Il play statunitense potrà poi rientrare in gruppo solamente quando, al termine di tale periodo, sarà in possesso di un test rinofaringeo negativo. Un caso, quello di Smith al pari di quello del varesino Ferrero nella settimana precedente, che ha sortito come effetto un cambiamento nel protocollo. D’ora in poi, infatti, se verrà rilevata una positività nel pre partita, il resto della rosa dovrà sostenere un tampone rapido prima della palla a due.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento