Roman Cervenka troppo grande per un troppo piccolo Hcap

Roman Cervenka

Roman Cervenka, reti e assist come per Dominik Egli. L’Ambrì mai in partita, solo Nattinen si salva dal naufragio del Lido.

Rapperswil  – I 50 spettatori alla St.Galler Kantonalbank Arena, non si sono certo annoiati nel veder all’opera Roman Cervenka. Il centro nonché Top Scorer dei Lakers è stato indiscusso protagonista della serata con doppietta e assist.  Per l’Ambrì una serataccia da mettere assolutamente alla spalle. E dire che l’inizio dell’incontro aveva visto i biancoblu intraprendenti, poi alla prima marcatura dei padroni di casa, si sono sciolti come neve al sole.

roman cervenka
Dominik Egli, vera spina nel fianco dei leventinesi

Il centro ceco ha sfruttato alla sua maniera ogni occasione avuta, ma ciò non stupisce, perché si tratta di un giocatore che nella sua carriera ha sempre fatto la differenza in tutte le squadre nelle quali ha giocato. E con un Ambrì così molle sul ghiaccio,  è stato fin troppo facile andare a segno. In occasione della prima rete, da veder come mette a “sedere” Kneubuehler e infilare un incolpevole Ciaccio. Ma se Cervenka è stato superlativo, non da meno lo è stato il difensore Dominik Egli, anche per lui rete e assist. Il ragazzo è stato una spina nel fianco della retroguardia dei leventinesi, sempre propositivo e pungente in zona d’attacco, altrettanto abile in fase di copertura.

Ma come detto,  la prima rete dei sangallesi ha staccato la spina agli ospiti, tuttavia fino al fischio della prima sirena una sola rete di distacco separava le due compagini. Poi nel secondo periodo c’è  stato il crollo definitivo,  culminato al 28′ quando nel giro di 40″ Egli e Cervenka hanno messo la parola fine sulle sorti dell’incontro. Il punto del solito Nattinen è stato il classico premio di consolazione che è andato ad arricchire la bacheca personale del centro e Top Scorer finlandese.

Annuncio Pubblicitario

La risposta immediata di Rowe ha smorzato sul nascere qualsiasi velleità di riscossa dei biancoblu. Davvero inspiegabile l’atteggiamento dei ragazzi di Cereda, che anche in altre occasioni nonostante le sconfitte,  si erano comunque distinti per la loro disciplina tattica, contenendo comunque il divario anche dal punto di vista numerico.

roman cervenka
Serataccia al Lido per Ciaccio & C.

Il Rapperswil dal canto suo non ha fatto certo una prestazione trascendentale, è stato sufficiente approfittare dei troppi spazi concessi e il povero Ciaccio non ha potuto che mestamente raccogliere i dischi in fondo alla gabbia. Ogni qualvolta è stato impiegato,  ha solo e comunque subito, tant’è che dopo il 3-1 casalingo è stato avvicendato da Conz. Anche quest’ultimo è stato trafitto in occasione del 4-1 di Rowe.

Un imbarazzate passo indietro per i leventinesi, inspiegabile; non si è visto un gioco di squadra, ma solo iniziative individuali fine a se stesse. E l’abulimia della squadra ha inghiottito anche un poco lucido Nattinen, comunque a segno anche questa sera. Ora occorre solo guardare alla prossima partita, già da domani sera alla Valascia con il Ginevra Servette.

Roman Cervenka: giocatore spettacolare, nonostante non sia di primo pelo, le sue reti pesanti le fa ancora. Questa sera il tutto è stato fin troppo facile,  ciò non toglie nulla alla sua immensa classe.

Domimik Egli: il giovane difensore ha spaccato in due l’Ambrì, sempre propositivo in attacco e pronto in fase di ripiego. Rete e assist non possono che  incrementare il valore tecnico del giocatore che, con ogni probabilità, prossimamente verrà conteso dalle top squadre.

Roman Cervenka
Per Nattinen una rete, nonostante la serata negativa della squadra

Scrj Lakers – Hc Ambrì Piotta: 4-1 (1-0, 3-1, 0-0) 

Reti: 13’10” Cervenka (Egli) 1-0; 28’12” Egli (Cervenka) 2-0; 28’57” Cervenka (Clark) 3-0; 35’25” Nättinen (Fora, Flynn, 5c4) 3-1; 37’11’ Rowe (Moses) 4-1.

Ambrì: Ciaccio; Ngoy, Fora; Fischer, Hächler; Pezzullo, Fohrler; Pinana; Zwerger, Novotny, Nättinen; Rohrbach, Kostner, Flynn; Kneubuehler, Dal Pian, j. Neuenschwander; Grassi, Goi, Trisconi; Mazzolini.

Penalità: 7×2′ Rapperswil; 4×2′ Ambrì.

Note: St.Galler Kantonalbank Arena, 50 spettatori. Arbitri. Stricker, Staudenmann; Fuchs, Wolf

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento