Romain Loeffel, l’uomo nel mirino di un Hc Lugano poco lucido

romain loeffel

Romain Loeffel protagonista di assist e penalità in una serata dove il Lugano paga un calo fisico dopo l’intensa gara con i Zsc Lions. Tigers di rigore.

Langnau  – Trasferta in terra d’Emmental per la sfida con il Langnau. Nelle ultime cinque partite la squadra di Ehlers ne ha perse ben quattro, l’ultima in ordine di tempo ieri sera nel derby con il Berna alla Postfinance Arena. Per quanto i Tigers non attraversino un buon momento, le insidie per i bianconeri sono dietro l’angolo. Kapanen & C. sono in ottima forma e sicuramente faranno di tutto per incamerare i tre punti e continuare sulla giusta strada imboccata in quel di Zugo. In casa Lugano uniche novità quelle di Muller preferito a Zurkinchen, Wellinger settimo difensore, Riva in terza linea.

romain loeffel
Stephan Muller titolare questa sera a Langnau

Nemmeno il tempo di toccare il ghiaccio che i bianconeri passano in vantaggio al 1’con Sannitz servito alla grande da un Romain Loeffel in grande spolvero. Ma è lo stesso difensore subito dopo finire in panca puniti, tuttavia il box play bianconero riesce a gestire bene l’uomo in meno sul ghiaccio senza effetti collaterali. Il Langnau si vede solo con un tiro di Lardi che trova Muller pronto. Ma Stefan Rüegsegger per una carica alla testa ai danni di Romain Loeffel si prende un 2’+10′ e dalla superiorità numerica il Lugano raddoppia con Suri al 17′, prima rete con la maglia bianconera in questa stagione. Primo periodo che si chiude con gli ospiti in vantaggio meritatamente.

romain loeffel
Sannitz apre le marcature già al primo minuto

E sempre dopo un minuto dall’ingresso su ghiaccio, questa volta è il Langnau ad andare a segno dalla blu con Sebastian Schilt al 41′. Romain Loeffel questa sera nel bene o nel male è sempre protagonista, ancora punito ma ancora il box play sempre reattivo a gestire con ordine. Poi al 28′ Maxwell sorprende Muller per il pareggio dei tigrotti. Un peccato perché come il Lugano rallenta il ritmo, anche la fortuna non aiuta negli episodi, servirebbe un po’ di efficacia sotto porta ma il Langnau merita il pareggio. Tuttavia quando i padroni di casa sembrano aver in mano l’incontro subiscono la terza rete di Bertaggia al 38′ abile a raccogliere un assist si  Jorg grazie anche la compiacenza di Punnenovs che non trattiene il disco. Nota positiva del secondo periodo il box play bianconero.

Annuncio Pubblicitario

Gli ingressi di periodo sono molto vivaci e in questo caso è ancora Bertaggia a scheggiare la traversa. Il ritmo però cala su e entrambi i versanti, ci si aspetta qualcosa di più dal Langnau. Pesonen & C.  sono poco incisivi ma per arrivare al pareggio occorre aspettare il 53′ con Blaser ancora dalla distanza. C’è la possibilità di sfruttare una superiorità numerica ma nulla di fatto. Servono i rigori per decidere il vincitore, i Tigers vincono con merito, il Lugano sempre in vantaggio paga alla lunga un calo fisico fisiologico dopo l’intensa partita di ieri contro i Lions. Prossimo appuntamento martedì 8 ottobre alla Corner Arena con il Rapperswil.

romain loeffel
Harri Pesonen decisivo nella serie dei rigori per i Tigers

Scl Tigers – Hc Lugano: 4-3 dr (0-2, 2-1, 1-0; 0-0)

Reti: 1’28” Sannitz (Loeffel) 0-1; 17’35” Suri (Fazzini, Klasen) 0-2; 21’32” Shilt (Pesonen) 1-2; 28’37” Maxwell (DiDomenico) 2-2; 38’22” Bertaggia (Jörg) 2-3; 53’17” Blaser (Pesonen) 3-3.

LUGANO. Müller; Chorney, Ohtamaa; Jecker, Chiesa; Riva, Loeffel; Wellinger; Klasen, Lajunen, Zangger; Bertaggia, Sannitz, Bürgler; Suri, Romanenghi, Fazzini; Lammer, Haussener, Jörg; Vedova.

Penalità: Langnau 4×2′ + 1×10′; Lugano 6×2′.

Note: Ilfishalle, 5’679 spettatori. Arbitri: Fluri, Schrader; Kaderli, Duarte.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento