Raffaele Sannitz: è lui l’uomo della pioggia in terra d’emmental

il massimo della pizza banner

Raffaele Sannitz protagonista nella prima e terza rete,  Stefan Muller realizza il suo primo Shut-Out in lega Nazionale. Ottima prova del collettivo in terra d’emmental,  il Lugano torna alla vittoria in trasferta dopo due mesi.

Langnau  – Trasferta più che delicata in terra bernese, dire che è vietato sbagliare ormai sta diventando un monologo stucchevole,  perdere significherebbe peggiorare ancor di più una situazione più che delicata. Negli ultimi due precedenti,  una pesante sconfitta alla Corner Arena, poi una vittoria buttata al vento dopo un doppio vantaggio, e la magra consolazione di una sconfitta ai rigori, con il punticino di consolazione. Rispetto alla trasferta di Zugo,  nulla cambia con Muller in porta, Haapala al posto di Klasen e Cunti ancora convalescente, la squadra di Ehlers si presenta forte della vittoria al Lido con un roboante 0-6 e del quarto posto in classifica con +10 sullo stesso Lugano.

Raffaele Sannitz
Greg Ireland conferma tutti protagonisti della trasferta alla Bossard Arena

Inizio scoppiettante per il Lugano,  Sannitz subito pericoloso,  servito da Haapala, un primo segale che i bianconeri sono “on fire ” almeno in questo inizio di periodo. Il Langnau non sta a guardare, solo Kuonen con un polsino dalla distanza che sfiora il palo, poi Pesonen colpisce il ferro,  cercano di fare uscire dal torpore i suoi compagni di squadra, ma nel complesso è “poca roba”. Il ritmo si abbassa,  le difese chiudono bene  e gli unici episodi sono solo dovuti da tiri dalla distanza, un primo periodo  a reti inviolate da sbadiglio che vede il Lugano giocare in superiorità numerica per una penalità contro Randegger, ma senza colpo ferire.

raffaele sannitz
Pesonen, il ferro colpito dall’ex Devils e Losanna, una delle poche emozioni del primo periodo

18″ dall’ingresso della prima pausa e subito Hofmann sblocca il risultato su assist di Sannitz, power play sfruttato finalmente a dovere, i Tigers non reagiscono anzi, prima una rete viene annullata a Fazzini per disturbo sul portiere,  poi al 35′ Lapierre fa tutto da solo e raddoppia meritatamente. Rete annullata a Fazzini e rete annullata anche a Pesonen per bastone alto, protagonisti i direttori di gara dopo presa visione delle immagini televisive, a conclusione di un secondo periodo un po’ vivace e piu’ combattuto del primo.

Annuncio Pubblicitario

Raffaele Sannitz
Maxim Lapierre fa tutto da solo nella rete del raddoppio

Sembra un Lugano diverso,  più sicuro e convinto, buona la gestione del disco che permette di far girare a vuoto il Langnau,  ottimo anche il box play che regge due volte in inferiorità numerica, quindi buona la fase difensiva e da una ripartenza di Sannitz nasce la terza rete al 50′ sempre di quest’ultimo che riprende un rimbalzo dopo un tiro Hofmann. I bianconeri vincono con una buona prova del collettivo, Stefan Muller realizza il suo primo shut-out in Lega Nazionale, dopo due mesi ritrovano la vittoria in trasferta,  tutti fattori che permettono di affrontare la gara di domani alla Corner Arena contro il Bienne con lo spirito giusto.

Scl Tigers – Hc Lugano: 0-3 (0-0; 0-2; 0-1)

Reti: 20’18” Hofmann (Sannitz) 0-1; 35’05” Lapierre 0-2; 10’01” Sannitz (Hofmann) 0-3.
LUGANO: Müller; Chorney, Chiesa; Vauclair, Loeffel, Wellinger, Ulmer, Riva; Hofmann, Sannitz, Haapala, Bertaggia, Lapierre, Fazzini; Jörg, Lajunen, Walker; Romanenghi, Morini, Bürgler; Reuille.
Penalità: Langnau 2×2′; Lugano 4×2’+10′.
Note: Ilfishalle, 5’940 spettatori. Arbitri: Massy, Eichmann, Kaderli, Duarte.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento