Michael Spacek reti e assist, sempre più Top Scorer

Inti Pestoni
[ethereumads]

Michael Spacek indiscusso Top Scorer, un weekend da sei punti per l’Hcap con tanto di shutout per Juvonen e un Hofer piacevole conferma.

Bollettino Ambrì – L’Hcap sembra, senza ormai nessuna ombra di dubbio, aver intrapreso la strada giusta in questa stagione. Sorprendendo in parte un po’ tutti, ma i presupposti per poter far bene li si potevano già intravedere nei giocatori che aveva ingaggiato facendo fede anche del loro rendimento nelle annate precedenti. Una buona amalgama, idee ben chiare di gioco coadiuvato da un tasso tecnico nettamente superiore rispetto agli stranieri del 2021/22 hanno fatto si che i leventinesi siano diventati  una bella realtà ma soprattutto la cosiddetta mina vagante del campionato.

Michael Spacek
Primo shutout stagionale per Juvonen contro il Kloten

E lo si e’ visto anche nell’ultimo weekend dove sono letteralmente passati in quel di Kloten con un perentorio 0-6 mettendo in luce il primo shutout stagionale di Juvonen e soprattutto confermandosi ieri sera alla Gottardo Arena con il Langnau Tigers. Non c’e’ solo un protagonista in questa due giorni ma bensì il collettivo, dove ovviamente hanno spiccato i soliti noti: Inti Pestoni. Michale Spacek, Andrè Heim, ma a onor del vero chi si e’ distinto maggiormente e’ stato Valentin Hofer andando a segno sia con gli aviatori che con i Tigers.

michael spacek
Hofer a segno in entrabe le sfide del weekend

Un giovane attaccante molto interessante che il buon Duca è stato in grado di metter sotto contratto per due anni con una opzione per un terzo, e che in linea con Spacek e Pestoni sta dando prova delle sue capacità in un contesto dove al momento non subisce delle pressioni particolari e dove tutto gira al meglio. Sicuramente questo è un merito, inutile negarlo perché per un giovane è anche facile perdersi se catapultato in una realtà dove non c’è alcun tipo di protezione o quantomeno dove si esige subito un determinato rendimento.

Luca Cereda e tutto lo staff stanno facendo un gran lavoro, amalgamando un collettivo tra giovani con esuberanza tecnica e veterani, trovando il giusto equilibrio tra le linee e mettendo i singoli nella condizione di dare il meglio di sé. Michael Spacek non solo top scorer dei biancoblu ma anche leader della graduatoria dei marcatori per eccellenza, tra reti e assist in questo weekend ha migliorato ancora il suo rendimento diventando un vero e proprio trascinatore.

Gabbia inviolata per Juvonen e per quanto lo sia stata contro gli aviatori ciò non toglie che non è mai facile terminare una partita senza incassare reti. Segno anche che nelle volte in cui è stato chiamato in causa ha risposto molto bene, al di là di qualche critica ingiusta mossagli nella gara contro l’Hc Lugano nel primo derby stagionale.

Michael Spacek
Michael Spacek sempre più leader e determinante

Se con il Kloten è stata una passeggiata, con il Langnau proprio per nulla anche perché i biancoblu si sono messi nella condizione di far rientrare in partita i Tigers dopo avere gestito e recuperato lo svantaggio iniziale. Rimane comunque un weekend nel segno di Pestoni, Spacek e Hofer, una prima linea di tutto rispetto in grado di fare la differenza sempre, ma anche di Noele Trisconi da tredicesimo attaccante ha avuto il suo momento di gloria nel provvisorio 0-3 alla Stimo Arena di Kloten.

Insomma l’Hcap marcia spedito, con piena consapevolezza dei propri mezzi e se la stagione dovesse proseguire mantenendo tutti i buoni propositi visti fino a questo momento, i tifosi biancoblu potranno ritagliarsi qualche soddisfazione nel corso della stagione. Una settimana di pausa e poi da venerdì sempre alla Gottardo Arena andrà in scena la sfida con i Lions. Un buon per test per verificare capacità e condizione degli uomini di Cereda nel confermarsi nei quartieri alti della classifica.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento