Michael Fora salva l’Hcap in OT: la dea bendata ci vede bene

michael fora

Michael Fora salva l’Ambrì dalla beffa dopo aver dominato per oltre quaranta minuti, come con il Davos le leggerezze potevano costare la vittoria.

Ginevra – Occorre dare continuità alle prestazioni per gli uomini di Cereda, la vittoria in casa con il Davos deve essere considerata una buona base di partenza,  questa sera a Les Vernets occorre esser compatti e disciplinati in considerazione del fatto che Mc Sorley & Company non saranno per nulla accondiscendenti, il coach avvicenda con Conz con Manzato.

Michael Fora
Daniel Manzato titolare questa sera a Les Vernets

Inizia subito male per i leventinesi, cinque minuti più penalità partita per Dario Rohrbach per carica all’altezza della testa.  Box play che regge la pressione ginevrina, ma al primo tiro in porta Johnny Kneubuehler porta in vantaggio i leventinesi con un bel polsino. Ebbene l’Ambrì dimostra una certa maturità nel gestire i momenti delicati,  non si scompone più di tanto in considerazione del fatto che i giocatori hanno grande consapvolezza  della propria forza grazie anche al lavoro di Luca Cereda. Piuttosto le Aquile non riescono a spiccare il volo, ben imbrigliati dagli ospiti, ma è sempre l’Ambrì ad impegnare Descloux con Zwerger, per poi finire il primo periodo in power play senza ottenere però il raddoppio.

Michael Fora
Johnny Kneubuehler con un polsino di precisione porta in vantaggio i leventinesi

Non solo compatta ma anche cinica,  la squadra leventinese raddoppia al 21′ con Hofer su assist di Trisconi, a questo punto la gara si mette in discesa anche perché il Ginevra ha accusato il colpo e questo lo si vede dal modo confusionario con il quale approccia dalle parti di Manzato. Altrettanto vero che il trio Muller Kubalik e Zwerger, al momento gigioneggia,  altrimenti la partita sarebbe già finita in quanto i padroni di casa non danno proprio l’idea di poter ribaltare il risultato, è così si arriva alla seconda sirena con due reti di vantaggio.

Annuncio Pubblicitario

Un Ginevra Servette sterile, abulico e sottotono,  ma è anche merito dei bianco blu aver saputo imbrigliare l’avversario fino a questo momento. Poi succede l’incredibile, una doppia penalità contro Hofer e Kubalik costano il pareggio del Ginevra con Henrik Tömmernes  e  Jack Skille nel giro di venti secondi e così è tutto da rifare. A questo punto entrambe le squadre cercano di non scoprirsi e così è fino al 60′: nota positiva la possibilità di giostrare in power play in overtime che si risolve in soli 26″” grazie a Michael Fora con un tiro dei suoi. Beffa scongiurata,  ma come con il Davos, il calo di concentrazione poteva essere fatale, soprattutto in questa circostanza la dea bendata ha dato una grossa mano. Prossimo appuntamento sabato sera 24 alla Valascia contro lo Zsc Lions.

Michael Fora
Fabio Hofer in rete anche questa sera

GSHC – Hc Ambrì Piotta: 2-3 ds (0-1, 0-1, 2-0, 0-1)

Reti: 9’06’’ Kneubuehler 0-1; 21’31’’ Hofer (Trisconi) 0-2; 45’45’’ Tömmernes (Kast) 1-2; 46’04’’ Skille (Rod) 2-2; 60’29’’ Fora (Zwerger) 2-3.

AMBRÌ: Manzato; Dotti, Plastino; Guerra, Fischer; Jelovac, Michael Fora; Ngoy; Hofer, Novotny, D’Agostini; Kubalik, Müller, Zwerger; Bianchi, Kostner, Trisconi; Lauper, Goi, Rohrbach; Kneubuehler.

Penalità: GSHC 4×2’ HCAP 3×2’ +1×5’ + 1×20’

Note: Les Vernets 5609 spettatori. Arbitri: Hebeisen, Mollard, Progi, Pitton

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento