Michael Fora e Julius Nattinen prendono per mano l’Hcap

michael fora

Michael Fora assist e rete, con Nattinen, regala una tirata e meritata vittoria con il Ginevra Servette. Special teams determinanti.

Ambrì – Si poteva fare peggio di ieri al Lido? Evidentemente no, perché quanto visto in terra sangallese è  stato uno spettacolo a dir poco imbarazzate. Il messaggio di Cereda deve essere arrivato a tutta la squadra, perché questa sera si è visto un gruppo determinato contro un avversario di tutto rispetto.  Vittoria sudata, tirata ma meritata.

Michael Fora
Michael Fora rete e assist questa sera

Ma le cose non sembravano esser iniziate nel migliore dei modi per i padroni di casa. In effetti il Ginevra è stato quasi sempre una presenza costante nello slot biancoblu, il palo colpito  da Jacquemet ha acceso più di un campanello d’allarme tra i padroni di casa. Anche la fortuna ha giocato un ruolo fondamentale. Scampato il pericolo, una grossa occasione sprecata sul bastone di Zwerger, è stata il preludio della rete del vantaggio di Fora a 20″ dal fischio della prima sirena. Ben servito da Nattinen, il difensore ha freddato Manzato in power play.

Michael Fora
Julius Nattinen, degno erede di Kubalik

Nella costruzione della rete del vantaggio ha giocato un ruolo fondamentale il solito Julius Nattinen, davvero disarmante la sua capacità di dettare i tempi e cogliere il momento  per il passaggio smarcante. Soprattutto con lo special team, esalta tutte le sue eccelse doti tecniche. E proprio in superiorità numerica è arrivato il raddoppio dei biancoblu con il Top Scorer su assist di Michael Fora. In sostanza gli special teams hanno fatto la differenza questa sera, qualche penalità di troppo, specialmente quella di partita sul conto di Tommernes per carica all’altezza della testa su Noele Trisconi.

Annuncio Pubblicitario

Nella serata da tre punti si è visto qualcosa di buono anche da Flynn, un po’ più nel vivo del gioco,  specialmente nel secondo periodo.  Ma dallo statunitense ci si aspetta qualcosa di più, praticamente latitante da inizio anno. La sua conferma era stata considerata un cardine fondamentale sul quale si sarebbe dovuto impostare la stagione in corso.  Fino a questo momento, il suo rendimento è stato a dir poco fallimentare,  la mancanza di peso sotto porta (e non solo la sua, ndr) sta condizionando negativamente la stagione dei leventinesi.

Dal canto suo il Ginevra ha fatto molto pressing, ma concretizzato molto poco. Una gran mole di lavoro in fase di costruzione,  tanta presenza fisica, ma sotto porta poco lucido. Un palo e l’unica rete in superiorità numerica con Karrer, poi l’arrembaggio finale che non ha sortito alcun effetto ai fin del risultato definitivo. L’Ambrì ha vinto l’incontro con merito,  i suoi migliori uomini hanno fatto la differenza, tre punti che fanno morale e  che cancellano in un colpo solo la pessima prestazione di ieri sera. Appuntamento a venerdì  27 novembre sempre alla Valascia con i Tigers di Langnau.

michael fora
Per Tommernes penalità partita per carica alla testa ai danni di Trisconi

Michael Fora: da inizio stagione una delle poche certezze in casa biancoblu. A segno anche questa sera, per il difensore rete e assist. Il suo dovere lo fa fino in fondo, un riferimento per tutti.

Julius Nattinen: ormai le parole si sprecano per il Top Scorer, soprattutto intrattabile con gli special teams. Se non ci fosse lui, la situazione sarebbe drammatica. Un degno erede di Kubalik.

Michael Fora
Per Daniel Manzato ritorno da ex alla Valascia

Hc Ambrì Piotta – GSHC: 2-1 (1-0, 1-0, 0-1)

Reti: 19’40” Fora (Nättinen, Grassi, 4c4) 0-1; 30’17” Nättinen (Fora, Zwerger, 5c4) 2-0; 44’32” Karrer (Omark, Fehr) 2-1.

AMBRÌ: Conz; Ngoy, Fora; Fischer, Hächler; Pezzullo, Fohrler; Dotti. Zwerger, Flynn, Nättinen; Kneubühler, Novotny, Rohrbach; Grassi, Kostner, Trisconi; Neuenschwander, Goi, Dal Pian; Mazzolini.

Penalità: 7×2’Ambrì; 5×2’ + penalità di partita (Tömmernes) Ginevra.

Note: Valascia, 30 spettatori. Arbitri: Stricker, Staudenmann; Gnemmi, Pitton.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento