Matthias Rossi apre e chiude, nel mezzo un grande D’Agostini

il massimo della pizza banner

Matthias Rossi apre e chiude. I Leventinesi sbagliano l’approccio nel primo periodo. Matt D’Agostini doppietta ma non basta, buona la prova di Upshall.

Friborgo – Finalmente torna il campionato, a distanza di quasi due settimane dalla sconfitta con la capolista Lions, questa sera i leventinesi se la vedranno con il Gotteron alla BCF Arena. Novità di formazione per Cereda: oltre al recupero di Fora, farà il suo debutto a difesa della gabbia Benjamin Conz, mentre in attacco il nuovo straniero Scottie Upshall. L’ex Gotteron il suo rientro nel campionato dopo l’operazione all’anca che lo ha tenuto lontano dalle piste in questa prima fase di stagione

matthias rossi
Conz al sui debutto stagionale dopo l’operazione all’anca

Basta solo un minuto ai leventinesi per trovarsi in inferiorità numerica per un aggancio fischiato a Dotti. Per il Friborgo è gioco facile trovare il vantaggio con Matthias Rossi, lasciato colpevolmente solo a infilare Conz. Tuttavia l’Ambrì cerca di impensierire Berra, prima con Upshall e poi concretamente con Hofer. Ma con il minimo sforzo il Friborgo raddoppia al 6′ con Brodin  ben imbeccato da Furrer, clamoroso l’errore in disimpegno di Dotti. Troppo molle l’atteggiamento dei biancoblu, preludio del terzo punto dei padroni di casa al 11′ con Desharnais. Ironia della sorte D’Agostini, punito per aggancio al rientro della penalità, sigla la prima rete al 14′ su assist di Upshall. Punto che sorprende i burgundi ma che non sposta l’inerzia dell’incontro, in un primo periodo dominato facilmente dai padroni di casa.

matthias rossi
Matt D’Agostini ancora a segno con una doppietta

La rete subita dà più carica ai burgundi, l’ingresso di secondo periodo è molto vivace e giocato completamente nello slot bianco blu.  Conz si supera per evitare il peggio e da una liberazione Muller pesca D’Agostini che si invola verso Berra siglando il secondo punto al 26′. L’Ambrì torna in partita, esce indenne da una penalità di 2’+2′ sul conto di Fisher, poi con Upshall e Jelovac (palo) sfiora il pari. Leventinesi galvanizzati dal secondo punto di D’Agostini, non concedono più spazi agli avversari come  nei primi venti minuti di gioco. Un buon secondo periodo che si chiude con gli ospiti  sotto di una rete ma a tutti gli effetti “on fire”.

Annuncio Pubblicitario

Non c’è intensità al rientro dalla seconda sirena, poco pressing da entrambe le parti, poche occasioni e poche emozioni.  I leventinesi non riescono a sfruttare l’uomo in più sul ghiaccio, è il solito D’Agostini a creare qualche difficoltà a Berra. Ma l’incontro si trascina senza sussulti fino alla fine. L’uscita di Conz per giocarsi il tutto per tutto frutta la quarta rete del Friborgo ancora con Matthias Rossi al 59′. Davvero un peccato per l’Ambrì, l’approccio troppo molle nel primo periodo è costato molto caro ai fini del risultato. Buona la prova di Scottie Upshall in vista anche della sfida di domani alla Valascia con il Losanna.

Matt D’Agostini: una doppietta e altri pericoli creati dalle parti di Berra, riporta in partita l’Ambrì dopo un avvio disastroso, per i leventinesi è una garanzia.

matthias rossi
I leventinesi rovinano una buona prestazione con un pessimo primo periodo

Hc Friborgo – Hc Ambrì Piotta: 4-2 (3-1, 0-1, 1-0)

Reti: 2’10’’ Rossi (Lhotak, Mottet) 1-0; 6’33’’ Brodin (Furrer) 2-0; 11’44’’ Desharnais (Stalberg, Gunderson) 3-0; 14’01’’ D’Agostini (Upshall) 3-1; 26’46’’ D’Agostini (Müller) 3-2; 59’21’’ Rossi 4-2;

Ambrì: Conz; Fischer, Plastino; Jelovac, Ngoy; Dotti, Fohrler; Payr; Hofer, Müller, D’Agostini; Egli, Flynn, Trisconi; Zwerger, Dal Pian, Upshall; Bianchi, Goi, Rohrbach; Neuenschwander.

Penalità: HCFG 2×2’ +1×10’ HCAP 5×2’ +1×10’

Note: Bcf Arena 6260 spettatori. Arbitri: Stricker, Dipietro, Kherli, Gnemmi.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento