Luca Fazzini ancora in doppia cifra nella festa del gol

Luca Fazzini protagonista nella festa del gol con Loeffel, Bertaggia Lammer e Zangger. Il Lugano sale al terzo posto in classifica.

Lugano – La sconfitta ai rigori di Langnau deve esser solo un ricordo, perché solo così devono pensare le squadre con una mentalità vincente. E Kapanen è un vincente, la squadra l’ha fatta propria e sicuramente oggi dara’ prova di forza contro il Rapperswil. Zurkinchen titolare, indisponibile Vauclair, Wellinger in terza e Riva settimo difensore. Rapperswil senza Cervenka (assenza importante, ndr).

luca fazzini
Sandro Zurkinchen titolare questa sera

Il Lugano come sempre parte a razzo, subito i sangallesi sotto pressione e già al 2′ i bianconeri passano in vantaggio con Loeffel abile a raccogliere un rebound di Nyffeler su un tiro insidioso di Riva. Gli ospiti sembrano accennare una reazione con Wellmann ma un’azione ben impostata in contropiede dal duo Burgler-Bertaggia porta al raddoppio di quest’ultimo al 9′. Sempre più Lugano sul ghiaccio, anche Klasen pericoloso ma il buon Nyffeler non si fa sorprendere, anzi per lui è una serata di straordinari.  Allo svedese si aggiunge anche Sannitz nella lista delle occasioni mancate, infatti per una penalità differita manca a porta vuota la deviazione vincente del 3-0. Peccato ma gran bel Lugano, da segnalare anche un incrocio dei ferri colpito da Fazzini.

luca fazzini
Luca Fazzini protagonista indiscusso con una doppietta

Ingresso “easy ‘ sul ghiaccio dei bianconeri, consapevoli della loro forza, perché quest’anno il Lugano è di un’altra pasta. Soffre, lotta ma controlla senza vacillare o crollare, segno di grande forza mentale. Ancora Luca Fazzini impegna Nyffeler, ma è la coppia Lammer-Jorg a sprecare una ghiotta occasione. Poi da una penalità contro Luca Fazzini arriva in inferiorità numerica al 33′ la prima rete dei sangallesi con Rowe, poi con Vukovic al 34′ il pareggio. Un calo di tensione pagato a caro prezzo, che rovina quanto di buono fatto fino a questo momento.  Ma Luca Fazzini non ci sta e al 38′ in power play porta a tre le reti per i padroni di casa che possono andare alla seconda pausa più tranquilli.

Annuncio Pubblicitario

Solo 17″ per riportare in sicurezza il risultato con la quarta rete per mano di Zangger servito da Lajunen da dietro la porta sangallese. La sfortuna non aiuta Jecker al 49′ quando devia un tiro appoggio dalla blu di Mosimann nella propria porta spiazzando Zurkinchen.  Luca Fazzini però ripristina le distanze di sicurezza in superiorità numerica al 52‘, per il ragazzo di Arzo che ha mosso i primi passi nel Hc Chiasso arriva una doppietta, giocatore rivitalizzato come tanti altri dalla cura Kapanen. C’è festa anche per Lammer al 58 ‘ per la sesta e definitiva rete, nonostante qualche calo di tensione. Il Lugano vince, da sei partite consecutive sempre a punti e terzo posto in classifica. Appuntamento a sabato 12 ottobre sempre alla Corner Arena con il Friborgo Gotteron.

luca fazzini
Sami Kapanen “The Mentalist” ha recuperato molti giocatori in ombra nella scorsa stagione

Hc Lugano – Sc Rapperswil: 6-3 (2-0, 1-2, 3-1)
Reti: 2’30’’ Loeffel (Suri) 1-0; 9’09’’ Bertaggia (Bürgler) 2-0; 33’55’’ Rowe (Wellman) 2-1; 34’26’’ Vukovic (Casutt) 2-2; 38’09’’ Fazzini (Klasen) 3-2; 40’17’’ Zangger (Lajunen, Chorney) 4-2; 49’49’’ Mosimann (Casutt, Egli) 4-3; 52’11’’ Fazzini (Klasen, Loeffel) 5-3; 58’41’’ Lammer 6-3.
LUGANO: Zurchirken; Chorney, Ohtamaa; Jecker, Chiesa; Wellinger, Loeffel; Riva; Klasen, Lajunen, Zangger; Bertaggia, Sannitz, Bürgler; Suri, Romanenghi, Fazzini; Lammer, Haussener, Jörg; Vedova.
Penalità: Lugano 3×2’ Rapperswil 2×2’.
Note: Cornèr Arena 5’482 spettatori. Arbitri: Wiegand, Borga, Kovacs, Ambrosetti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento