Loghi Hockey, ecco quello di Como: trova spazio il cigno

loghi hockey
[ethereumads]

Tra i vari loghi di hockey ora spiccherà particolarmente anche quello del club lariano, modernizzato per i 50 anni. Presentate pure le divise.

Con l’estate che oramai è sbocciata anche alle nostre latitudini, per l’Hockey Como è tempo di pianificare la prossima e nuova stagione 2022/23. Non è ancora il momento di sintonizzarsi sulle frequenze di “RadioMercato”, tuttavia le prime e interessanti novità non sono di certo mancate. Emerse giovedì scorso nella serata organizzata presso il Nerolidio Music Factory del capoluogo lariano.

Dove alla presenza degli sponsor, dei partner e delle autorità locali e sportiva è stato svelato il nuovo stemma. Con la società del presidente Massimo Tacci che, a seguito delle celebrazioni avvenute per i 50 anni  (il sodalizio è nato nel 1971), ha deciso di uniformarsi ai loghi di hockey degli altri team. Che tradizionalmente prevedono la presenza di un animale su di essi.

“Abbiamo pensato al nostro lago, imprescindibile compagno della nostra città e indispensabile amico e conforto di ogni vero comasco – le parole di Massimo Tacci -. E quindi deciso di utilizzare il cigno, splendido uccello dal portamento elegante e territoriale. Un uccello coriaceo, coraggioso, silenzioso e tosto, caratteristiche che noi comaschi condividiamo“.

“Il cigno è elegante come lo sono i nostri ragazzi sul ghiaccio – ha poi proseguito il n°1 -, fa fatica a decollare come anche noi ogni anno con l’apertura del palaghiaccio a metà settembre, che non ci consente di essere alla pari delle altre squadre, ma poi quando decolliamo siamo i più belli ed eleganti e non ci più ferma nessuno”.

loghi hockey
Il presidente Massimo Tacci (a dx) e il designer Giovanni Indorato (a sx)

Una non velata ma giustificata frecciatina nei confronti delle amministrazioni comunali cittadine, che nell’ultimo decennio hanno trascurato il mondo dello sport locale e delle sue strutture. Fra queste c’è sicuramente il palaghiaccio di Casate, che pare essersi lasciata scappare l’opportunità legata alle Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Questo il pensiero piuttosto diffuso da parte dei candidati sindaci in occasione del recente dibattito pubblico organizzato dal Panathlon di Como.

Non solo logo però. Una serata propizia anche per presentare le nuove divise da gioco. Quelle della prima squadra conserveranno naturalmente i colori classici (bianca per incontri casalinghi, blue per quelli in trasferta), ideate dalla Hoax (all’ultimo anno di sponsorizzazione tecnica). Quelle del settore giovanile invece, studiate dal designer e collezionista Giovanni Indorato, enfatizzano molto il nuovo stemma e la territorialità, con i simboli del lago e della Città di Como.

loghi hockey
Da sinistra verso dx la divisa casalinga, quella per la trasferta e quella dall’allenamento

Inoltre è stata realizzata anche una maglia “pre-gara”, con il sociale che la fa da padrone. Infatti capeggeranno su di esse i loghi di “Fondazione Padre Dr. Ambrosoli”, “Kibare Onlus”, “Associazione Pesi Massimi Como” e “Quelli che con Luca onlus”. Con le prime due dedite a dare sostegno alle popolazioni africane, mentre le altre due concentrate a devolvere i propri fondi per la ricerca sulla leucemia infantile. Divise che successivamente saranno messe in vendita e ovviamente l’intero ricavato saranno utili per alimentare questi nobili progetti.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento