Libor Hudacek una doppietta che vale tre punti

[ethereumads]

Libor Hudacek al debutto con due reti per un Lugano convincente che torna alla vittoria ritrovando Berteggia, Herburger e Josephs.

Rapperswil – Miglior debutto non poteva esserci per Libor Hudacek, il nuovo acquisto bianconero annunciato la scorsa settimana dal DS bianconero Hnat Domenichelli. Subito McSorley non ha perso tempo ad impiegarlo nella prima linea con Boedker e Arcobello, i risultati si sono toccati subito con mano. Una doppietta come miglior biglietto di presentazione non poteva esserci, due reti che valgono non solo tre punti. Finalmente una vittoria convincente contro una squadra molto ostica che negli ultimi anni ha dato parecchio filo da torcere ai bianconeri E’ stata una serata che ha visto finalmente i rientri di Berteggia, Herburger e Josephs. Il loro apporto ha inciso positivamente sugli equilibri interni, infatti la squadra praticamente ha cambiato volto mostrando quel dinamismo in più, quella compattezza, tutti aspetti che negli ultimi incontri erano palesemente mancati.

Libor Hudacek
Debutto con doppietta per Hudacek

Un Lugano che è stato in subito in grado di metabolizzare la rete del vantaggio dei padroni di casa per mano di Djuse, rispondendo subito con Libor Hudacek . La prima rete possiamo definirla di opportunismo, la seconda tutta da vedere perché l’attaccante compie un gesto tecnico di pregevole fattura e soprattutto bene imbeccato da Nodari. È stata tutto sommato una partita tirata dove i sangallesi, da compagine “rognosa”, non hanno concesso molto. Il solito Cervenka ci ha messo lo zampino nell’unica rete dei padroni di casa, protagonista anche nel rigore che avrebbe portato il punteggio in parità. Ma in questo caso una menzione particolare deve essere fatta per  Fatton, questa sera schierato titolare a difesa della gabbia bianconera.

Grande nel neutralizzare il rigore, ottimo anche nell’intervento sull’ex di turno Lammer dove non si è fatto per nulla sorprendere e ha permesso alla sua squadra di mantenere la rete di vantaggio fino al definitivo 1-3 di Arcobello a porta vuota. Insomma per il Lugano è stata una buona prova soprattutto, importante smuovere la classifica dopo un periodo veramente buio e non a caso questa inversione di rotta arriva proprio nel momento stesso in cui ha ritrovato gran parte dei suoi titolari.

Libor Hudacek
Arcobello per l’1-3 definitivo e ottima l’intesa con Hudacek

Overtime:   il Lugano è tornato alla vittoria nel modo migliore, in trasferta su una pista difficile e contro un avversario magari tecnicamente non eccelso ma in grado di metterti sempre in grave difficoltà. McSorley ha ritrovato buona parte parte dei giocatori che negli ultimi incontri, per numerose vicissitudini, quali infortuni e commozioni celebrali, non è stato possibile schierare. La squadra si è mossa bene sul ghiaccio, ha concesso il dovuto, ma senza mai fondamentalmente rischiare più di tanto.

L’alternanza dei portieri non ha minato la loro costanza di rendimento, oggi Fatton, ma allo stesso tempo Fadani, quando chiamati in causa hanno risposto sempre con ottime prestazioni. Questo è un segno importante del fatto che il Lugano ha a disposizione due giovani portieri su quali puntare per il prossimo futuro senza dimenticare Irving, che ha già dato prova di cosa sia in grado di fare, e soprattutto a livello di esperienza può essere un ulteriore valore aggiunto.

Libor Hudacek
Fatton, ottima prestazione e superlativo nel rigore dii Cervenka

Con i rientri e recuperi di Berteggia, Herburger, Josephs e con l’innesto di Libor Hudacek, McSorley ha potuto giostrare al meglio i suoi giocatori, le linee, impegnando molto di più la quarta e evitando allo stesso tempo di spremere oltremisura i giocatori delle prime due, che avevano dato segni allarmanti di cedimento.

Con questa vittoria si può tornare a guardare con più fiducia al futuro consapevole del fatto che si possa contare su un nuovo innesto di valore che ha fatto vedere una parte del suo bagaglio tecnico, dimostrando già un’ottima intesa con Arcobello e Boedker. Segno evidente che chi sa giocare ad Hockey è subito in grado di inserirsi senza alcuna difficoltà in qualsiasi contesto. Prossima sfida a Langnau contro i Tigers venerdì prossimo.

Libor Hudacek
Djuse abile a deviare il tiro di Cervenka per l1-0

Scrj Lakers – Hc Lugano:   1-3 (1-1, 0-1, 0-1)

Reti: 3’56” Djuse (Cervenka, 5c4) 1-0; 4’24” Hudacek (Arcobello, Boedker) 1-1; 37′ Hudacek (Boedker) 1-2; 59’56” Arcobello 1-3.

Hc Lugano: Fatton; Riva, Alatalo; Müller, Nodari; Guerra, Chiesa; Wolf. Boedker, Arcobello, Hudacek; Josephs, Thürkauf, Fazzini; Morini, Herburger, Bertaggia; Stoffel, Walker, Vedova; Traber.

Penalità: 3×2′ Rapperswil; 4×2′ Lugano

Note: St.Galler Kantonalbank Arena, 3’021 spettatori. Arbitri: Lemelin, Hürlimann; Schlegel, Kehrli.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento