Inti Pestoni l’uomo del destino: una magia che vale tre punti

Dario Burgler
[ethereumads]

Inti Pestoni a segno con una doppietta, trascina l’Ambrì nella rimonta al Losanna, perfetta l’intesa con Grassi e Zwerger.

Quinto – Dove c’è una rimonta c’è sempre protagonista l’Ambrì almeno di questi tempi. Infatti, dopo la vittoria in rimonta nel derby e la sconfitta subita sabato con il Berna avanti di due reti, ieri sera la compagine di Cereda è stata in grado di far suoi i tre punti in palio recuperando uno svantaggio di due reti. E’ ormai scontato dire che il protagonista della serata è stato il suo Top Scorer, ossia Inti Pestoni, autore di una doppietta. Tuttavia l’Ambrì non ha iniziato al meglio un incontro un po’ per una manovra lenta e macchinosa, vuoi perché il Losanna è stato in grado di chiudere bene tutti gli spazi ma soprattutto di occuparli in modo diligente bloccando fin sul nascere ogni tipo di ripartenza dei biancoblù.

Inti Pestoni
Maillard porta in vantaggio il Losanna

I Vodesi dal canto loro hanno sfiorato a più riprese il vantaggio con Baumgartner e Jager, alla fine poi ci ha pensato Maillard a portare in vantaggio gli ospiti. I biancoblù hanno dato il meglio di sé soprattutto nel secondo periodo a cavallo della mezz’ora dove veramente hanno alzato il ritmo premendo il piede sull’acceleratore, ma proprio nel momento migliore hanno incassato il raddoppio di Jager. Un doppio vantaggio che sembrava a questo punto avere indirizzato l’incontro definitivamente a favore dei Vodesi. Nonostante fossimo soltanto a metà dell’incontro con altri 30 minuti da giocare l’Ambrì sembrava in una situazione di stallo dal quale sembrava trovare difficoltà a uscirne fuori, alla fine un colpo da biliardo di Burren ha sbloccato i leventinesi accorciando le distanze.

Poi ci ha pensato Inti Pestoni con una magia delle sue a riportare le cose in parità, un colpo in backhand dove Stephan si è fatto sorprendere nonostante la sua grande esperienza. Un colpo di bravura accompagnato dalla fortuna: si sa queste cose vanno di pari passo ma nel bagaglio tecnico di Inti Pestoni queste magie sono nelle sue corde. La rete del vantaggio costruita tutta in velocità con Dominic Zwerger. Con lui protagonista indiscusso anche l’attaccante austriaco questa sera autore dei due assist nelle reti del Top Scorer. Ma la linea più prolifica l’Ambrì sembra proprio averla trovata in Zwerger-Pestoni-Grassi in termini di dinamismo, cattiveria e anche di classe.

Inti Pestoni
l’1-2 di Burren con un colpo magistrale

Le altre un po’ sottotono specialmente la prima con Matt D’agostini in cerca di una costanza di rendimento e tenuta fisica difficile da trovare dopo un lungo infortunio che lo ha tenuto lontano dalle piste per quasi un anno. Il suo apporto alla causa non è stato determinante come in altre occasioni (vedi derby, Berna, ndr) ma non si può certo farne una colpa all’attaccante canadese: per trovare la giusta condizione serve giocare. Un po’ concitato il finale di partita dove gli ospiti hanno cercato di recuperare lo svantaggio sfruttando delle penalità sul conto dei leventinesi, ingenua quella di Daniele Grassi, ma alla fine tutto è andato nel modo migliore per gli uomini di Cereda.

Tre punti meritati, nulla da dire sulla vittoria, una squadra che sta pian piano trovando il suo equilibrio, unico neo, forse l’approccio un po’ in sordina all’incontro. Anche qualche leggerezza difensiva che ha permesso ai Vodesi di fare un po’ il bello e il cattivo tempo dalle parti di Ciaccio.

Inti Pestoni
La magia di Pestoni per il 2-2

Overtime: lo abbiamo già detto e ripetuto, Inti Pestoni incarna perfettamente lo spirito dell’Ambrì, oltre a essere il Top Scorer, è anche il vero trascinatore di questa squadra. Dall’incontro con il Ginevra si è praticamente sbloccato,  vantando un ruolino di marcia di ben 15 punti divisi tra nove reti e sei assist. In sole 15 partite praticamente un punto a incontro. Un ruolino di marcia impressionante di giocatore rinato che sembrava avesse perso tutta la sua brillantezza e capacità di essere sempre protagonista. Perfetta l’intesa con Dominic Zwerger e Daniele Grassi con i quali forma una terza linea di tutto rispetto e in grado di spaccare le partite nei momenti più opportuni.

Hc Ambrì Piotta – Hc Losanna: 3-2 (0-1; 2-1; 1-0)

Reti: 4’18” Maillard (Barberio) 0-1; 24’30” Jäager (Frick) 0-2; 27’20” Burren (Regin, McMillan) 1-2; 30’57” Inti Pestoni (Zwerger) 2-2.

Hc Ambrì Piotta: Ciaccio; Isacco Dotti, Fora; Burren, Hietanen; Zaccheo Dotti, Fohrler; Fischer, Hächler; McMillan, D’Agostini, Trisconi; Kneubuehler, Heim, Bürgler; Zwerger, Grassi, Inti Pestoni; Bianchi, Regin, Dal Pian.

Penalità: Ambrì 3×2’; Losanna 3×2’.

Note: Gottardo Arena, 5’631 spettatori. Arbitri: Stolc, Dipietro, Fuchs, Duarte.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento