Hcap, “bambola in tre minuti “. Berna in shorthanded e scioltezza

hcap

Hcap crolla in shorthanded in soli tre minuti, Troppi gli errori, nonostante un approccio che aveva fatto ben sperare. Strada già in salita per Cereda & C.

Berna – Dopo  i due passi falsi con Zugo e Rapperswil,  l’Hcap è chiamato a riscattarsi nella tana degli orsi. Una trasferta assai problematica e impegnativa per gli uomini di Cereda contro i Campioni Svizzeri che sicuramente non lasceranno molto scampo ai biancoblu. Manzato è avvicendato dal Hrachovina a difesa della gabbia.

hcap
Hrachovina preferito a Manzato nella difesa della gabbia leventinese

l’Hcap scende sul ghiaccio senza tanti fronzoli, affrontando a viso aperto i padroni di casa e occorre dirlo, i leventinesi ci sono, tanto da segnalare delle buone occasioni con Hofer in contropiede e Flynn, il cui tiro velenoso viene deviato da Schlegel sul palo. Poi il Berna alza il ritmo e Moser al 17′ da una iniziativa di Arcobaleno sigla il vantaggio, in un primo periodo dove tutto sommato gli ospiti se la sono giocata.

hcap
Simon Moser per l’1-0 su assist di Arcobello

Ma da una penalità contro Sciaroni, l’Hcap non ne approfitta, anzi crolla subendo ben due reti in shorthanded da prima con Ebbett  al 22′ dopo un cambio scellerato di Fora, un minuto dopo con Mursak. Ebbene a completare l’opera si aggiunge anche Praplan al 25′, in tre soli minuti l”Ambrì è riuscito a farsi surclassare nel peggiore dei modi, gettando al vento la possibilità di rimettete in carreggiata l’incontro.

Annuncio Pubblicitario

Il terzo periodo è una formalità, in quanto l’incontro è di per se ormai compromesso, ma non si vede uno spirito di reazione tra i biancoblu ancora frastornati dalla bambola presa in tre minuti.  Solo Flynn ben imbeccato da D’Agostini batte Schlegel per il punto della bandiera. L’Ambrì esce malconcio dalla Postfinance Arena, ultimo posto in classifica, zero punti all’attivo e tanti problemi da risolvere per Cereda. Stasera alla Valascia c’è la possibilità si riscatto contro il Ginevra Servette,  ma la strada della risalita è molto lunga e ricca di insidie.

hcap
Brian Flynn, sua l’unica rete dei leventinesi e uno dei pochi a salvarsi

Sc Berna – Hc Ambrì Piotta; 4-1 (1-0; 3-0; 0-1)

Reti: 16’54” Moser (Arcobello, Untersander) 1-0; 22’54” Ebbett 2-0; 23’22” Mursak (Praplan) 3-0; 25’03” Praplan (Mursak, Andersson) 4-0; 56’12” Flynn (Fora, D’Agostini) 4-1.

AMBRÌ: Hrachovina; Fischer, Ngoy; Fora, Dotti; Fohrler, Pinana; Payr; Hofer, Flynn, D’Agostini; sabolic, Müller, Zwerger; Bianchi, Goi, Trisconi; Kneubuehler, Dal Pian, Incir; Mazzolini.

Penalità: Berna 2×2′; Ambrì 3×2′.

Note: PostFinance Arena, 15’222 spettatori. Arbitri: Dipietro, Tscherrig; Kaderli, Cattaneo.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento