Hcap prova di forza con i Lions ma Flüeler ringrazia

hcap

Hcap sconfitto all’Hallenstadion dopo una prova più che convincente, ma sotto porta occorre esser cinici quanto basta, debutto per Krystian Jaks.

Zurigo – Solo quattro partite da qui alla fine della regular season, ma per i leventinesi i playoff sono ormai un miraggio, occore prender atto che la destinazione più probabile è quella dei playout. Il dopo Spengler è costato caro sia in termini di punti che di uomini, e da qui alla fine i leventinesi dovranno affrontare nell’ordine Lions, Ginevra Servette, Davos e Lugano. Comunque dopo la sconfitta interna con il Losanna tutto è ancora possibile finché la matematica lo concede per cui è opportuno dare il massimo senza avere poi rimpianti alla fine. Con Manzato ancora indisponibile, Conz titolare, suo vice Krystian Jaks, Fora al rientro con Dal Pian.

Hcap
Serata negativa per gli attaccanti leventinesi

L’Ambrì senza timori reverenziali scende sul ghiaccio di Zurigo con l’intenzione di dare sempre il tutto per tutto. E lo si vede già dalle prime battute, addirittura in shorthand con Flynn ma un attento Flueler non si fa sorprendere.  Anche D’Agostini pericoloso prima del vantaggio leventinesi con il capitano Elias Bianchi  al 7′. Ottima anche l’iniziativa di Tommasi Goi che porta all’assist per il n.20 baincoblu. È  tuttavia ancora l’Ambrì Piotta a rendersi pericoloso prima con Mazzolini e poi ancora con Flynn prima del fischio della prima sirena.  I Lions si fanno vivi solo con palo di Diem e nulla più.

Hcap
Conz quasi inoperoso, ma comunque attento

Goi, Hinterkirchen, Müller e l’asse Flynn-D’Agostini sono i veri protagonisti in ingresso di secondo periodo, mancando la rete meritata del raddoppio in più occasioni.  Perché occorre esser cinici nel momento giusto onde eviare l’inevitabile ritorno dei padroni di casa. Anche Mazzolini e Hofer seguono a ruota i loro compagni e quando sembra ormai vicino il fischio della seconda sirena arriva in power play il pareggio dei Lions con Pettersson al 39′ con Fora penalizzato per Cross-Check.

Geering dà la sveglia a Lions colpendo un palo, ma i biancoblu non stanno certo a guardare rispondendo con Muller. Poche azioni degne di nota, gli ospiti iniziano a calare d’intensità ma i padroni di casa non sembrano essere in serata. Occore aspettare il 56′ per il vantaggio dello Zurigo con Pedretti, poi con Conz out arriva anche il 3-1 di Noreau. L’Ambri esce sconfitto dall’Haĺlenstadion dopo aver a più riprese mancato il raddoppio. La classifica si fa precaria anche alla luce delle vittorie di Berna e Friborgo. Appuntamento a domani sera alla Valascia con il Ginevra Servette.

Hcap: i leventinesi giocano a viso aperto contro i Lions mettendoli a più riprese in grossa difficoltà, ma le troppe occasioni sprecate gridano vendetta.

Hcap
Lions messi piú volte con le spalle al muro da un caparbio Ambrì

Zsc Lions – Hcap: 3-1 (0-1, 1-0, 2-0)
Reti: 7’31” Bianchi (Goi) 0-1; 39’04 Pettersson (Noreau) 1-1; 55’49” Pedretti 2-1, 58’58 Noreau 3-1.
AMBRÌ: Conz; Fischer, Plastino; Dotti, Fora; Pezzullo, Ngoy; Fohrler; Zwerger, Flynn, D’Agostini; Hinterkircher, Müller, Dal Pian; Mazzolini, Novotny, Hofer, Bianchi, Goi, Trisconi; Schwab.
Penalità: Zurigo 2×2′, Ambrì 3×2′.
Note: Hallenstadion, 9’160 spettatori. Arbitri: Urban, Müller, Obwegeser, Kehrli

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

One thought on “Hcap prova di forza con i Lions ma Flüeler ringrazia

Lascia un commento