Hcap a un passo dal cielo, Hallenstadion ammutolito per 40′

hcap

Hcap se la gioca anche meglio dei Lions, due volte in vantaggio con Fora e Bianchi ma crollano sul più bello. Anche la sorte non aiuta.

Zurigo  – L’Hallenstadion è il palcoscenico della sfida di sabato sera tra Ambrì e Lions. Dopo la sofferta ma meritata vittoria casalinga contro il Langnau, i leventinesi sono chiamati alla prova del nove. Unica novità Hrachovina al posto di Manzato.

hcap
Hrachovina preferito a Manzato nella difesa della gabbia leventinese

Cereda imposta molto bene l’approccio dei suoi uomini, i Lions devono fin da subito rincorrere il disco.  E da una penalità contro Hollenstein arriva il vantaggio di Fora con un tiro centrale dalla media distanza al 3′. Sull’inerzia dell’entusiasmo arriva anche il palo colpito da Sabolic. E’ un Hcap che tiene bene il ghiaccio fino al 7′, quando Noreau entra nello slot biancoblu e con un gioco di bastone serve il libero Prassl per l’1-1. Ma da un ingaggio gestito male arriva anche il raddoppio di Suter abile a riprendere un disco vagante e infilare Hrachovina per il 2-1 al 14′. Tuttavia l’Hcap sembra accusare il colpo ma resiste anche a una doppia inferiorità numerica con Fora e Muller out, il fischio della prima sirena manda tutti negli spogliatoi.

Hcap
Zwerger a segno in occasione del 2-2

La pausa porta consiglio e l’Hcap riprende a macinare gioco, Muller, Bianchi e Plastino mancano di un niente la rete del pareggio. I Lions non riescono più a pungere,  anche le sbavature biancoblu in fase di gestione del disco in zona neutra sono ridotte ai minimi termini. Spazi non ce ne sono per i padroni di casa, anzi i leventinesi sono abili a nascondere il disco. E sul finire di secondo periodo al 39′ Zwerger pareggia il conto su servizio di Marco Muller che raccoglie un pessimo disimpegno zurighese da dietro la gabbia di Flueler. Pareggio meritato e leventinesi padroni del gioco.

Annuncio Pubblicitario

Il buon momento leventinese continua anche in ingresso di terzo periodo con il vantaggio di Bianchi al 43′ bravo ad approfittare di una indecisione di Flueler. I Lions faticano,  ma la fortuna gli da una mano nel pareggio ancora con Prassl al 48′ grazie ad una deviazione che mette fuori causa Hrachovina. Da qui in poi l’Ambrì si spegne, lo Zurigo passa in vantaggio al 50’con Berni, poi il nulla di fatto fino al 59′ con la quinta rete di Roe a porta vuota. Davvero un peccato per i leventinesi in partita per oltre 40′. Bravi a imbrigliare i Lions ma la fortuna non ha certamente sorriso ai biancoblu. Prossimo appuntamento martedì 1 ottobre alla Valascia: è derby-time.

Hcap
Elias Bianchi autore del 2-3

Zsc Lions – Hc Ambrì Piotta: 5-3 (2-1, 0-1, 3-1)
Reti: 3’31” Fora (Müller) 0-1; 7’45” Prassl (Noreau) 1-1; 13’55” Suter (Wick) 2-1; 38’27” Zwerger (Müller) 2-2; 43’22” Bianchi (Plastino) 2-3; 48’38” Prassl (Berni) 3-3; 50’14” Berni 4-3; 59’33” Noreau 5-3.
AMBRÌ: Hrachovina; Dotti, Fora; Fischer, Plastino; Ngoy, Fohrler; Pinana, Jelovac; Sabolic, Flynn, Hofer; Zwerger, Müller, Trisconi; Bianchi, Goi, Incir; Kneubuhler, Dal Pian, Neuenschwander.
Penalità: Zurigo 1×2′; Ambrì 3×2′.
Note: Hallenstadion, 8’695 spettatori. Arbitri: Tscherrig, Müller, Kaderli, Ambrosetti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento