Hc Lugano passeggiata salutare al Lido: Morini e Josephs ovunque

hc lugano

Hc Lugano passa al Lido senza patemi. Schelgel al suo sesto shutout, ma sono Morini e Josephs i veri protagonisti con il loro gran lavoro.

Rapperswil – È stato un altro Lugano come approccio quello di questa sera al “Lido”. Nulla a che a vedere con quanto visto giovedì sera con il Langnau. Per quando il Rapperswil fosse privo di Cervenka e la qualificazione ai playoff fosse certa anche dal punto di vista dell’aritmetica, l’Hc Lugano ha passeggiato senza alcun problema sui padroni di casa (un ferro centrato da Forrer e nulla più) che giocheranno il gironcino pre playoff. Ma è stato anche il sesto shutout per Schlegel e il settimo per la formazione bianconera in questa stagione.

Hc Lugano
Walker ancora a segno dopo giovedi sera

Con professionalità, grande gestione dei box play e molta disciplina tattica i bianconeri hanno messo in mostra il proprio repertorio dando ennesima dimostrazione che quando è sulla cosiddetta corda l’Hc Lugano diventa intrattabile per chiunque. Tante le note positive della serata, tutti coloro che sono andati a segno: Walker,  Arcobello, Fazzini, Zangger e Suri,  ma anche Josephs e un certo Morini. Dopo il vantaggio di Walker in soli due minuti dal fischio d’inizio i bianconeri hanno controllato senza tanti patemi d’animo, positivo per il buon Julian esser andato segno anche questa sera dopo giovedì.

Hc Lugano
Zangger abile a cogliere l’assist di Suri

E i bianconeri lo hanno fatto con molta facilità,  segno di un pattinaggio molto veloce e anche una certa attitudine a cercarsi gli spazi. E in questo è sempre molto abile Giovanni Morini nel cercarli grazie al gran lavoro alle assi e a tutta pista. Una pedina fondamentale nello scacchiere di Pelletier che rappresenta il classico giocatore che fa da collante tra i top e il resto del gruppo, ossia l’anello mancante della catena di una squadra che ha tutti i requisiti in regola per puntare al massimo traguardo. Il comasco è stato fondamentale nelle reti di Walker, Zangger e Suri.

Annuncio Pubblicitario
il circolone

Tuttavia Fazzini non si è tirato indietro nel gran galà delle reti con il raddoppio, ormai il ragazzo di Arzo ha raggiunto una maturità e una continuità tali da essersi ritagliato una figura professionale da top player. Chi invece non ha bisogno di presentazioni è Mark Arcobello che anche questa sera con i gradi di capitano non ha fatto certo mancare il proprio apporto con lo 0-3 in shorthand. Oramai il centro statunitense, è diventato un leader indiscusso dei questa squadra non solo in termini di assist e reti ma anche come carisma.

hc lugano
Suri per l’0-5 definitivo

Poi l’intesa con Boedker rasenta la perfezione, davvero un peccato per il danese esser rimasto a secco. Una menzione speciale deve essere fatta per Niklas Schlegel e Troy Josephs. Il primo praticamente inoperoso, se non con qualche intervento di ordinaria amministrazione, ha ottenuto come detto in precedenza il sesto shutout stagionale consacrandolo come uno dei migliori goolies della Lega ma anche l’ennesima scommessa vinta da Domenichelli.  Stesso discorso deve essere fatto anche per Josephs: con il suo apporto e quello di Morini tra dischi recuperati e presenza nello slot avversario, è stato uno degli artefici della vittoria, elemento  determinante nel momento positivo della squadra.

Manca solo una trasferta, una partita per chiudere questa regular season,  è certa la presenza tra le prime quattro come quella in Champions Hockey League, occorre solo capire dopo Ginevra quale sarà il posto con esclusione del primo ormai accaparrato dallo Zugo.  A Les Vernets l’Hc Lugano non ha mai vinto, quest’anno,  ma c’è sempre una prima volta.

hc lugano
Sesto shutout stagionale per Schlegel

Giovanni Morini: una piacevole conferma,  il comasco lo si conosce da tempo,  ma vari infortuni non gli hanno mai dato tregua.  Però quando è sul ghiaccio, il suo apporto è fondamentale nell’economia della squadra

Troy Josephs: arrivato da poco, fisso in terza linea e negli special teams, ha fatto capire a tutti di che stoffa è fatto. Non solo reti, anche anche tanto lavoro al servizio della squadra, davvero un moto perpetuo.

Scrj Lakers – Hc Lugano: 0-5 (0-1; 0-4; 0-0)

Reti: 1’44” Walker 0-1; 20’48” Fazzini (Josephs) 0-2; 22’51” Arcobello 0-3; 32’00” Zangger (Suri, Morini) 0-4; 38’50” Suri (Morini, Wellinger) 0-5.

Hc Lugano: Schlegel; Wellinger, Heed; Chiesa, Loeffel; Wolf, Nodari; Riva, Vedova; Boedker, Arcobello, Bürgler; Suri, Morini, Walker; Josephs, Herburger, Fazzini; Bertaggia, Sannitz, Zangger.

Penalità: Rapperswil 3×2’ + 1×10’; Lugano 6×2’.

Note: St. Galler Kantonalbank Arena, zero spettatori. Arbitri: Stricker, Mollard, Kehrli, Burgy.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento