Hc Lugano, solo una rete in 120 minuti. What else?

hc lugano

Hc Lugano ancora sconfitto, una settimana da dimenticare. Poche idee, confuse, preoccupa la sterilità offensiva, pausa provvidenziale. Ohtamaa ai saluti.

Lugano – Ultimo incontro prima della pausa per le nazionali, il Lugano dopo la nefasta trasferta di ieri a Les Vernets dove praticamente non è mai sceso sul ghiaccio, è chiamato a dare una risposta davanti al suo pubblico contro il Bienne reduce dalla sconfitta interna con l’Ambrì. Kapanenen recupera Suri, Jecker torna in difesa, Fazzini in prima e il giovane Canonica in quarta.

hc lugano
Il giovane Lorenzo Canonica confermato nel line-up bianconero

Bienne più intraprendente quello sceso sul ghiaccio,  spinge e pressa gli uomini di Kapanen.  Zurkirchen si deve già superare davanti alle incursioni dei seelander.  Tuttavia dopo questo avvio alla garibaldina degli ospiti, il Lugano inizia a prendere in mano le redini dell’incontro, Fazzini e a seguire Klasen, Loeffel impegnano pericolosamente Hiller.  Ai bianconeri manca la rete, poca lucidità sotto porta, il Bienne non gioca in modo trascendentale ma i padroni di casa latitano in lucidità e concentrazione se non anche dal punto di vista fisico. Una superiorità numerica non viene sfruttata a dovere oltre a una grossa occasione non concretizzata da Sannitz.

hc lugano
Romain Loeffel autore della rete del provvisorio pareggio

Al  22′ il Bienne passa in vantaggio con Kreis abile a deviare al volo un assist di Rajala che taglia fuori tutta la difesa bianconera. I padroni di casa faticano molto a impostare l’azione, troppo macchinosi e lo si vede anche nell’occasione creata da Bertaggia dove manca l’ultimo spunto per ribattere a rete. Una penalità per carica scorretta fischiata a Ohtamaa rischia di costare caro al Lugano, infatti per ostruzione su Zurkirchen viene annullata la rete del raddoppio per opera di Kessler.  Brutto dirlo ma il Lugano è sterile in attacco, da ben cinque periodi a secco, sintomo di un malessere iniziato già nel derby nonostante le tre reti.

Annuncio Pubblicitario

Un inizio sugli stessi ritmi che non fanno presagire nulla di buono, usciti indenni da una inferiorità numerica, i bianconeri riescono a ottenere i pareggio con Loeffel  al 46′ dalla blu in powerplay con Fuchs e Moser out. Sembra l’inizio di una nuova partita, Lammer si rende subito pericoloso e forti delle proprie convinzioni escono ancora indenni da una doppia inferiorità numerica, ma dal pericolo scampato arriva a sorpresa il nuovo vantaggio ospite con Neuenschwanderal 54′ imbeccato dall’ex Ulmer. Kapanen toglie Zurkinchen, con sei uomini di movimento il Lugano riesce a trovare il pareggio con Lajunen ma la rete non viene convalidata per un deviazione di mano. E così arriva le terza sconfitta consecutiva, per Ohtamaa l’ultima partita con la maglia bianconera. La pausa arriva provvidenziale ma la sterilità offensiva preoccupa oltre a una condizione fisica al limite del decente. E la ripresa in casa dei Lions il 12 novembre non è delle migliori.

hc lugano
Ohtamaa all’ultima partita con la maglia bianconera

Hc Lugano: la sconfitta in recupero nel derby ha acceso il campanello d’allarme, ma il crollo di ieri e la pochezza in attacco sono segnali preoccupanti. La pausa arriva provvidenziale.

Atte Ohtamaa: il difensore finlandese lascia il Lugano, dopo un inizio incerto sale di condizione formando con Chorney un muro invalicabile e una coppia affiatata.

Hc Lugano – Ehc Bienne: 1-2 (0-0, 0-1, 1-1)

Reti: 22’49’’ Kreis (Rajala) 0-1; 46’46’’ Loeffel (Klasen) 1-1; 54’49’’ Neuenschwander (Fuchs)
1-2.

Hc Lugano: Zurkirchen; Chorney, Ohtamaa; Riva, Chiesa; Vauclair, Loeffel; Wellinger, Jecker; Klasen, Lajunen, Fazzini; Bertaggia, Sannitz, Bürgler; Suri, Haussener, Lammer; Canonica, Vedova, Jörg.

Penalità: HCL 4×2’ EHCB 3×2’

Note: Cornér Arena 5868 spettatori. Arbitri: Lemelin, Tscherrig, Kovacs, Ambrosetti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento