Hc Lugano, e’ anche una questione di carattere

Hc Lugano ha la meglio sul Berna lottando per tutto l’arco dell’incontro. Ottima prova della linea Bertaggia, Thurkauf, Stoffel.

Lugano –  La grandezza di una squadra la si vede proprio in questi momenti quando è in grado di metabolizzare una sconfitta, azzerare tutto e ripartire da zero. Così è stato questa sera, McSorley non ha preso molto bene la prestazone di ieri sera puntando il dito sull’atteggiamento che i giocatori hanno avuto contro i Lios. Ma oggi con il Berna è stata un’altra storia, si è visto un altro Hc Lugano che ha lottato su ogni disco dando prova di grande carattere. Certo per i bianconeri si tratta di un “momento” particolare dove tutto deve essere valutato nel giusto contesto e con il giusto metodo.

hc lugano
Fazzini per l’1-0

Le assenze di Carr, Josephs, Loeffel e Haussener hanno il loro  peso che va a incidere sulla qualità della squadra. Ma nonostante ciò l’Hc Lugano ha offerto veramente una gran prova di sostanza sfiorando  fin dalle prime battute la rete del vantaggio con Morini. Ha dovuto controbattere anche al ritorno del Berna che comunque pur non attraversando un gran momento è stato in grado di impegnare Fatton in diverse occasioni. Portandosi avanti con Fazzini grazie anche a una rete spettacolare nella sua esecuzione ma anche “discutibile” che comunque gli arbitri hanno convalidato dopo visione prova video.

hc lugano
Bertaggia per il 2-1

Nonostante la rete del vantaggio, il Berna è riuscito grazie a Gerber a riportare il punteggio in parità ma per quanto scontato il prevedibile ritorno degli Orsi, i bianconeri hanno continuato macinare ghiaccio alzando il ritmo. Bertaggia ha siglato la rete del provvisorio 2-1 ma la prova di forza del Lugano è stata messa agli atti anche dai ferri colpiti da Walter e Herburger. A dimostrazione che si è lottato su ogni disco senza lasciare nulla all’avversario puntando Manzato in ogni momento, la rete finale di Walker ha messo fine alle disputa regalando una vittoria più che meritata.

In vista della prossima trasferta con il Gottéron di martedì prossimo questo risultato serve a consolidare le convinzioni degli uomini di McSorley. Di sicuro non sarà una trasferta facile ma in ogni caso memori anche della sconfitta di ieri sera,  i bianconeri saranno in grado di poter sopperire alle assenze non solo dei giocatori e di affrontare con la giusta mentalità i burgundi.

hc lugano
Walker a segno anche questa sera

Overtime: la linea Bertaggai Thurkauf Stoffell è stata quella che più di ogni altra ha dato prova di notevole forza contro il Berna. Una linea che ha lavorato moltissimo recuperando  un numero notevole mi dischi ma soprattutto creando parecchi grattacapi dalle parti di Manzato. Altra nota positiva della serata la prova di Fatton che chiamato in causa per la seconda volta  ha contribuito in modo notevole anche a questa vittoria dopo la bella prova di Ginevra.

Come già detto vincere aiuta a vincere, in fondo è anche una questione di mentalità.  Il lavoro di McSorley è anche quello di lavorare sulla testa dei giocatori  perché da un  punto di vista tecnico non si può certo dire che la rosa non sia competitiva, tutavia gli approcci alle partite sono fondamentali, si può vincere si può perdere ma non si deve dare mai nulla per scontato e lottare sempre.

Hc Lugano – Sc Bern: 3-1 (1-0; 1-1; 1-0)

Reti: 13’41” Fazzini 1-0; 22’41” Gerber (Moser, Scherwey) 1-1; 26’16” Bertaggia (Riva, Thürkauf) 2-1; 58’30” Walker 3-1.

Hc Lugano: Fatton; Müller, Nodari; Riva, Alatalo; Guerra, Chiesa; Wolf, Traber; Fazzini, Arcobello,Walker; Morini, Herburger, Boedker; Stoffel, Thürkaf, Bertaggia; Chiquet, Cortiana, Vedova.

Penalità: Lugano 7×2’ + 1×10’; Berna 4×2’.

Note: Cornèr Arena, 5’206 spettatori. Arbitri: Wiegand, Hungerbühler, Progin, Duarte.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento