Hc Lugano: 7 il numero perfetto, 5 i Shut-out di Merzlikins

Hc Lugano grande prova di collettivo in terra vodese, quinto shut-out per Merzlikins, settimo posto in classifica, sette reti per tornare protagonista.

Losanna – Che sia la svolta in quel di Losanna dopo la sofferta vittoria casalinga con il Ginevra? Tutti lo sperano in casa bianconera,  soprattutto i tifosi che sono i veri beffati almeno fino questo punto della stagione, la loro passione è stata ripagata con prestazioni imbarazzanti a volte al limite dell’inguardabile. Meritano molto di più,  meritano i play-off ma soprattutto rispetto,  impegno e professionalità, fattori che troppo spesso sono mancati in troppi elementi della rosa bianconera, ricordiamolo vice campione nazionale. Questa sera in terra vodese serve dare tutto, per occorrenza rientra Chorney,  fuori Haapala, ancora assente Walker.

Hc Lugano
Taylor Chorney, l’ex Capitals al rientro questa sera

Inizio molto buono per i bianconeri subito in vantaggio con Sannitz dopo solo un minuto di gioco, meglio di così non poteva iniziare l’incontro.  Il Losanna sembra aver realizzato lo stato delle cose, dopo un’altra occasione sprecata dallo stesso Sannitz,  al 8′ Luca Fazzini trova il raddoppio infilando Boltshauser nello slot vodese. Fino a questo momento Merzlikins è uno spettatore non pagante,  c’è solo una squadra sul ghiaccio e lo dimostra con la terza rete di Lapierre al 15′, lesto a recuperare un disco vagante davanti allo stesso Boltshauser. Davvero un Hc Lugano in grande spolvero,  questa sera alla Malley 2.0, ottimo approccio e finalmente dei giocatori che giocano l’un per l’altro.

Hc Lugano
Raffaele Sannitz anche questa sera apre le marcature per i bianconeri.

Il cosiddetto “Momentum” che il più delle volte ha condannato i bianconeri,  questa sera non arriva per meriti propri, anzi è lo stesso Lugano a dettare i ritmi,  nessun spazio concesso ai vodesi,  ripartenze immediate e finalmente tanta concretezza sotto porta. Lo stesso Hofmann sigla la quarta rete al 30′, sigillo definitivo a legittimare un’ottima e convincente prestazione del collettivo ma anche di Burgler autore di due assist.

Annuncio Pubblicitario

Serata di gala, serata bianconera, c’è gloria per Bertaggia al 55′, per Riva al 56′ e pure per Lajunen al 58′, e anche per Merzlikins al quinto shut-out stagionale la serata perfetta nel momento in cui si chiedeva la svolta.  Così è stato,  al di là dei demeriti dei vodesi,  si è visto un collettivo determinato a portare a casa l’intera posta con le individualità al servizio della squadra. Finalmente il Hc Lugano “scollina” la fatidica linea posizionandosi al settimo posto a solo due punti dal sesto in vista del prossimo incontro all’Hallenstadion venerdì 22 contro i Lions.

Hc Lugano
Dario Burgler autore di un’ottima prova con due assist

Hc Losanna – Hc Lugano: 0-7 (0-3, 0-1, 0-3)

Reti: 1’46’’ Sannitz (Bürgler, Reuille) 0-1; 8’59’’ Fazzini (Romanenghi) 0-2; 15’13’’ Lapierre (Klasen, Lajunen) 0-3; 30’46’’ Hofmann (Bürgler) 0-4; 55’25’’ Bertaggia (Hofmann, Morini) 0-5; 55’59’’Riva (Bertaggia) 0-6; 58’16’’ Lajunen (Klasen) 0-7.

Lugano: Merzlikins; Chorney, Loeffel; Vauclair, Wellinger; Riva, Chiesa; Ulmer; Klasen,
Lajunen, Lapierre; Hofmann, Sannitz, Bürgler; Jörg, Morini, Bertaggia; Reuille, Romanenghi,
Fazzini; Vedova.

Penalità: LHC 2×2’ HCL 2×2’

Note: Malley 2.0 6700 spettatori. Arbitri: Salonen, Massy, Gnemmi, Progin

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento