Giovanni Morini: vittoria made in Como per il Lugano

hc lugano
il massimo della pizza banner

Giovanni Morini, grande prestazione con doppietta e assist nella vittoria del Lugano in Engadina. Gloria per Riva e Loeffel, ma la troppa leggerezza ha messo a repentaglio un successo  meritato.

Davos – Torna il campionato dopo la pausa nataliza e la coppa Spengler, torna Klasen a Davos ma da spettatore, Ireland gli preferisce ancora una volta Haapala, tra bianconeri ancora assente Cunti e a sorpresa anche Walker. Tra le file dei grigionesi Harijs Vitolinsh deve fare a meno di Nygren. Per il Lugano occorre fare risultato, punti e muovere la classifica, e lottare su ogni disco come successo nella gara intera contro il Bienne.

Giovanni Morini
Klasen ancora fuori per scelta tecnica, dopo una Spengler da protagonista

È un Lugano sottotono quello che si presenta alla Vaillant Arena,  le tossine natalizie devono esser ancora smaltite,  ma nonostante il ritmo  basso in un ingresso di periodo  al 2′ passa con Giovanni Morini,  rete che ridimensiona già da subito le velleità grigionesi. Come  sempre i bianconeri si siedono sugli allori lasciando l’iniziativa ai padroni di casa,  prima Kparghai di un nulla manca il pari, non certo Dino Wieser che beffa Merzlikins al 10′ deviando di un nulla nello slot bianconeri. È la serata di  Giovanni Morini, dalla sua caparbietà nasce la seconda rete del Lugano al 12′ con un bel polsino, quando basta per chiudere il primo periodo. 

Giovanni Morini
    Giovanni Morini, non solo una doppietta ma anche un assist e tanta sostanza

La seconda rete del Lugano sembra aver messo in naftalina il Davos,  giocare ad un ritmo più basso degli ospiti non può portare da nessuna parte, quattro minuti di superiorità numerica danno i frutti al 30′ con Loeffel su assist di Haapala per l’1-3. Poche emozioni,  il disco gira troppo lentamente, ma nessuna delle contendenti sembra aver voglia di alzare il ritmo e inevitabilmente arriva il fischio della seconda sirena. 

Annuncio Pubblicitario

Giovanni Morini
Elia Riva a segno con un tiro di pregevole fattura

Stessa musica in ingresso di terzo periodo, il nulla fino al 46′ ancora con Giovanni Morini, da qui in poi il Lugano stacca la spina, e da uno sciagurato disimpegno di Chorney, Corvi sigla il secondo punto per i padroni di casa al 47′,   il terzo Ambühl al 49′, nel mezzo un rigore in movimento gettato al vento da Hofmann.  Bianconeri in bambola,  in pochi minuti hanno dilapidato un vantaggio che avrebbe permesso di chiudere la partita con tranquillità,  con Senn fuori per un uomo di movimento in più,  il Davos non riesce ad agguantare il pari,  il Lugano a segnare a porta vuota la quinta marcatura.  Va bene così, vittoria meritata in trasferta nonostante il ritorno dei grigionesi più per demeriti degli ospiti, anche la fortuna fa la sua parte e la classifica inizia a sorridere in attesa  del derby di venerdì 4 gennaio alla Corner Arena. 

Hc Davos – Hc Lugano: 3-4 (1-2, 0-1, 2-1)

Reti: 2’56’’ Morini 0-1; 10’38’’ Wieser (Du Bois) 1-1; 12’05’’ Riva (Reuille) 1-2; 30’33’’ Leoffel (Haapala) 1-3; 46’00 Morini (Bertaggia) 1-4; 49’58’’ Corvi 4-2; 51’21’’ Ambühl (Rödin) 4-3.
Lugano: Merzlikins; Chorney, Chiesa; Vauclair, Loeffel; Wellinger, Riva; Jecker; Hofmann, Sannitz, Haapala; Jörg, Lajunen, Bürgler; Bertaggia, Lapierre, Fazzini; Romanenghi, Giovanni Morini, Reuille; Vedova.

Penalità: HCD 7×2’ HCL 6×2’
Note: Vaillant Arena 5324 spettatori. Arbitri: Salonen, Mollard, Cattaneo, Wolf.


Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

One thought on “Giovanni Morini: vittoria made in Como per il Lugano

Lascia un commento